(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Esercizi Addominali - Quanti, Quali, Quando, Come e Perché

data di redazione: 12 Giugno 2016
Esercizi Addominali - Quanti, Quali, Quando, Come e Perché

Sfatiamo qualche Falso Mito Rispondendo alle Domande più Comuni

Gli addominali sono muscoli molto belli da vedere e quando sono scolpiti sono sinonimo di un ottimo stato di forma, dovete sapere che sono principalmente muscoli posturali di assoluta importanza per la salute e il benessere fisico; vediamo di rispondere alle domande più comuni sfatando qualche falso mito?

QUANTI E QUALI ESERCIZI ADDOMINALI EFFETTUARE?

Iniziamo col sfatare il mito degli addominali alti e bassi: non esiste nessun addominale alto o basso, ma solo un retto addominale che si contrae seguendo la legge del tutto o niente; l’unica cosa importante che cambia nei vari esercizi è il livello di carico e l’inclinazione del vettore forza applicato al movimento. I muscoli addominali si comportano esattamente come gli altri muscoli e quindi allenarli esclusivamente con dei crunch al terreno, oltre che noioso, non è il modo secondo noi migliore, per stimolarli al meglio, anche perché sono necessari movimenti che stimolino questi muscoli a 360° con una:

POSIZIONE INTERMEDIA

  • Viene proposto l’utilizzo di un esercizio multi-articolare, eseguito con un ROM intermedio, quindi senza il completo allungamento e senza il massimo accorciamento.
  • In questo esercizio dovrebbero essere usate ripetizioni medio-basse, con carichi elevati, quindi usando una maggiore intensità (intesa come % dell’RM), un TUT (time under tension) non troppo lungo, quindi con una cadenza “esplosiva” e tempi di recupero abbastanza dilatati tra le serie.
  • In questo modo andremo ad allenare maggiormente le fibre rapide.

POSIZIONE DI ALLUNGAMENTO

  • Qui viene proposto l’utilizzo di un esercizio mono-articolare che porti il muscolo al suo massimo allungamento.
  • Qui si dovrebbe usare un range di ripetizioni medio, quindi con un intensità non troppo elevata, mantenendo un TUT piuttosto elevato con tempi di recupero più ridotti del precedente esercizio.
  • In questo esercizio deve essere maggiormente enfatizzata l’eccentrica(fase negativa) cercando di arrivare al massimo allungamento e cercando di inserire una piccolo stop a fine allungamento, facendo una piccola tenuta isometrica.
  • In questo modo andremo ad allenare maggiormente le fibre intermedie.

POSIZIONE DI ACCORCIAMENTO O CONCENTRAZIONE

  • Il terzo ed ultimo esercizio deve essere un mono-articolare che porti il muscolo al suo massimo accorciamento.
  • Qui si dovrebbe usare un range di ripetizioni alto con un buon tempo sotto tensione, recuperi corti e intensità ridotta.
  • In questo esercizio non si deve rallentare troppo l’eccentrica, ma questa deve essere comunque controllata, poi a fine concentrica si può tenere per qualche secondo la contrazione di picco, in modo da enfatizzare il massimo accorciamento del muscolo bersaglio.

Esercizi addominali posizione intermedia:

  • Tutti gli esercizi dove gli addominali vengono aiutati da altri muscoli per effettuare lo sforzo sono intermedi. Quindi: Ginocchia al petto in sospensione, dragon flag, ginocchia al petto con braccia in appoggio, toes to bar, leg raise su panca o su tappetino, sit up con caviglie ancorate alla sbarra per trazioni, grappler twist, russian twist, Jammers

Esercizi addominali posizione allungamento:

  • abdominal machine
  • roll out
  • ab wheel (come da foto)
  • crunch al cavo alto con corda

Esercizi addominali di accorciamento o concentrazione:

  • Tutti i tipi di crunch al tappeto, sit up su panca piana, crunch inverso, crunch obliqui.

In conclusione, per rispondere a questo primo quesito un allenamento addominale deve contenere un esercizio per ogni gruppo e quindi per essere completo deve avere un esercizio intermedio, uno di allungamento ed uno di concentrazione. Per la tipologia di esercizi molto dipende dal livello dell'atleta e quindi regolatevi di conseguenza.

QUANTE SERIE E RIPETIZIONI?

  • Negli esercizi della posizione intermedia sono sufficienti 3 o 4 serie da 6-8 ripetizioni.
  • Pensate a questi esercizi come fossero i movimenti base e quindi comportatevi in maniera simile
  • Per quanto riguarda gli esercizi di allungamento, quante serie di pullover fate per i dorsali? 2 o 3? Stesso discorso vale per gli addominali.
  • Infine per gli esercizi di concentrazione, effettuate poche serie lente e controllate. Bastano 2 serie da 30 secondi ad esempio.

QUANDO FARLI E PERCHE'?

Proseguendo con il discorso su come allenarsi correttamente, una cosa molto importante da sapere è che l'addome va allenato come gli altri muscoli. Allenate i quadricipiti o pettorali ogni giorno? Allenate i muscoli anche quando sono doloranti?

Anche i muscoli dell’addome sono muscoli come il pettorale e come i dorsali; quante volte alla settimana allenate questi muscoli? e quante gli addominali?

Bisogna allenarli per gradi e non tutti i giorni. Tutti seguono le stesse regole fisiologiche del nostro corpo e quindi gli esercizi vanno fatti con costanza e con un intervallo di almeno 48 ore tra un allenamento e l’altro per dare modo alle fibre di ricostruirsi e ingrossare il muscolo.

Allenare gli addominali tutti i giorni e magari più volte al giorno porta a uno sforzo maggiore con dei risultati estremamente minori. Consigliamo di allenarli due volte a settimana nel primo workout del lunedì e nel terzo del venerdì, in modo tale da dare tempo a questi muscoli di recuperare in modo soddisfacente.

COME EFFETTUARE GLI ESERCIZI ADDOMINALI?

  • Esercizi difficoltosi come quelli della posizione intermedia dovrebbero essere eseguiti con una cadenza di movimento allegra e veloce per allenare le fibre bianche dei muscoli addominali.;
  • Gli Esercizi di allungamento dovrebbero essere effettuati con un movimento controllato soprattutto nella fase di massimo allungamento;
  • Mentre gli esercizi di accorciamento dovreste eseguirli come delle tartarughe, in modo superslow, lentissimo, avvertendo così il classico bruciore dato dalla produzione di acido lattico.

RECUPERO TRA LE SERIE

  • Negli esercizi duri sono sufficienti 90-120 secondi di recupero
  • Negli esercizi di allungamento sono sufficienti 60-90 di recupero
  • Negli esercizi di concentrazione bastano 30-60 secondi di recupero.
Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Esercizio Completo Per Allenare Gli Addominali
11 Aprile 2018

Esercizio Completo Per Allenare Gli Addominali

L’esercizio “Ab Rollout” è probabilmente uno degli esercizi più difficili per l’intero core esistente, in quanto richiede forza, controllo, tono muscolare già di un certo rilievo e anche un certo livello tecnico. Non solo mette alla prova la stabilità degli addominali, richiede anche una buona forza in tutto il resto della parte alta del corpo dalle spalle ai dorsali.

La Strategia Vincente per Scolpire gli Addominali
20 Marzo 2017

La Strategia Vincente per Scolpire gli Addominali

Avere addominali scolpiti è obiettivo comune; il fattore che caratterizza gli addominali è che questa fascia muscolare è più complessa rispetto ad altri muscoli in quanto è composta da una quantità maggiore di fibre muscolari a contrazione lenta, per cui sono più duri in termini di crescita e di sviluppo.

Ultimi post pubblicati

ABC Safe: La Giusta Distanza Per Sferrare una Gomitata
23 Settembre 2018

ABC Safe: La Giusta Distanza Per Sferrare una Gomitata

Sifu Sandro Ci Spiega la Giusta Distanza per Sferrare una Gomitata

La gomitata è uno dei colpi più potenti e letali in quanto è un colpo che taglia, è un colpo che è in grado di concludere una lite, un match di muay thay o mma. Proprio per il fatto che la superficie di impatto è in pratica lo spigolo del gomito, questo tipo di colpo, anche se non è portato alla massima potenza, è in grado di aprire una profonda ferita.

Galletto al Limone con Paprika e Dragoncello
22 Settembre 2018

Galletto al Limone con Paprika e Dragoncello

La ricetta base è di origine romana, ma ogni regione ne ha una propria versione: la caratteristica di base, da cui deriva il nome “alla diavola”, è il colore rosso del pollo grazie alla consistente aggiunta di peperoncino, sia la paprica dolce che quello piccante.
Preparazione: 60 min.
Difficoltà: 5
N. porzioni: 4