(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

L'Allenamento Addominale più Duro al Mondo

data di redazione: 22 Dicembre 2015
L'Allenamento Addominale più Duro al Mondo

Routine Addominale con i 6 Esercizi più duri al Mondo

Nel mondo del Bodybuilding & Fitness, di norma, gli addominali vengono allenati con i crunch a terra, leg raise e gli obliqui con i manubri o a corpo libero. Diciamo la verità, sono allenamenti interessanti? O sono routine noiose?

Siete d'accordo o ci stiamo sbagliando? Effettuare per 20 anni sempre i soliti crunch è divertente? E soprattutto vi ha dato risultati?

Con l'avvento del CrossFit in tutte le palestre stanno spopolando esercizi durissimi che non sarebbero mai entrati in una palestra commerciale. E' doveroso rappresentare che alcuni di questi esercizi vengono utilizzati da anni negli sport lottatori e di combattimento, in quanto sono una manna per costruire addominali, e altri muscoli accessori del Core, duri come la roccia. Per i lottatori ed alcuni striker questi esercizi sono "acqua fresca", ma per la maggior parte degli avventori delle palestre sarebbero alquanto duri.

Gli esercizi individuati che secondo noi sono durissimi sono:

  • 6) GINOCCHIA AL PETTO IN SOSPENSIONE AGLI ANELLI

Cliccando sopra le denominazioni degli esercizi avrete una spiegazione esauriente sull'esecuzione dei movimenti. Per quanto riguarda l'ultimo esercizio ginocchia al petto in sospensione con tenuta agli anelli l'esecuzione è la seguente:

  • Afferrate due anelli in DIP POSITION
  • Rimanete con le braccia distese e busto immobile come Juri Chechi
  • Da questa posizione portate le ginocchia al petto contraendo fortemente gli addominali

Sono 6 esercizi veramente tosti, che ovviamente non allenano gli addominali in isolamento, in quanto intervengono altri muscoli, ma il risultato finale sarà nettamente migliore, a patto che riusciate ad effettuarli.

LA ROUTINE ADDOMINALE PIU' DURA AL MONDO

WARM UP - Riscaldamento generale dell'addome con qualche ripetizione degli esercizi appena elencati e qualche esercizio a corpo libero addominale classico

  • TOES TO BAR 3 serie x max ripetizioni (per chi non riuscisse a fare nemmeno un paio di ripetizioni consigliamo le GINOCCHIA AL PETTO AGLI ANELLI
  • ROLLOUT CON BILANCIERE PARTENZA DA IN PIEDI 3 serie x 10 ripetizioni
  • DRAGON FLAG 3 serie x 10 ripetizioni
  • GRAPPLER TWIST CON CARICO 3 serie x 6-8 ripetizioni per lato
  • V UP 3 Serie x max ripetizioni

Eventualmente è possibile inventarsi anche una sorta di Serie Gigante effettuando una serie per ogni esercizio senza recupero come ad esempio:

  • V UP 6-7 ripetizioni
  • TOES TO BAR 6-7 ripetizioni
  • ROLLOUT BILANCIERE 6-7 ripetizioni
  • GRAPPLER TWIST 3-4 ripetizioni per lato
  • DRAGON FLAG 6-7 ripetizioni
Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

10 Esercizi Avanzati per Scolpire gli Addominali
07 Maggio 2017

10 Esercizi Avanzati per Scolpire gli Addominali

Un Core in forma permette un adeguato controllo motorio globale e un'ottimale applicazione della forza nelle performance sportive come nella vita di tutti i giorni.

L'Ordine Giusto Per Allenare Gli Addominali
22 Febbraio 2016

L'Ordine Giusto Per Allenare Gli Addominali

Come Rendere Efficace il Proprio Allenamento Addominale

Si fa presto ad allenare gli addominali, stendendosi a terra ovunque voi siate, cominciando a "macinare" ripetizioni su ripetizioni.

Ultimi post pubblicati

Speciale Allenamento Deltoidi
20 Ottobre 2018

Speciale Allenamento Deltoidi

4 Esempi di Allenamento per Sviluppare i Deltoidi

I deltoidi sono muscoli collocati all’interno dell'articolazione della spalla, i muscoli deltoidi si suddividono in anteriori, mediali e posteriori, infraspinato, sovraspinato, piccolo rotondo e grande rotondo, sottoscapolare.

Gran Dentato
19 Ottobre 2018

Gran Dentato

Origine, Inserzione ed Azione

Il muscolo Gran Dentato è incluso tra i muscoli del cingolo scapolo-omerale. Con la sua azione porta in rotazione esterna la scapola, un movimento importante per l’elevazione dell’omero sopra i 90°, permette inoltre di far aderire la scapola al torace e può come azione secondaria coadiuvare i movimenti delle coste utili all’inspirazione.