Bicipiti Grossi e Forti con l'Esecuzione Perfetta del Curl con Bilanciere

Bicipiti Grossi e Forti con l'Esecuzione Perfetta del Curl con Bilanciere

I bicipiti sono uno dei muscoli più quotati e amati dagli uomini e più apprezzati dalle donne. Bicipiti tonici, forti e grossi sono un bel biglietto da visita per chiunque, ma non sono un vantaggio esclusivamente estetico, benché due braccia definite e potenti ti permetteranno anche di svolgere attività pesanti e faticose molto più facilmente e non per ultimo, di sollevare carichi più importanti in palestra. La sola predisposizione genetica non permette di costruire bicipiti possenti, ma è necessario un training specifico ed efficiente.

Per raggiungere il nostro scopo uno degli esercizi più efficaci è sicuramente il curl. Questo esercizio, come è ben noto agli addetti ai lavori, si può eseguire in svariati modi:

  • manubri
  • cavo
  • macchina
  • bilanciere

Se vogliamo davvero incrementare la massa muscolare dei bicipiti, l'attrezzo più quotato è il bilanciere, il quale non vi tradirà, in quanto obbliga chi lo utilizza ad usare entrambe le braccia in sinergia, permettendo quindi di sollevare pesi maggiori. Carico più importante uguale crescita maggiore, in quanto i muscoli si devono adattare.

Curl con Bilanciere

I dettagli fanno la differenza, anche e soprattutto per gli esercizi apparentemente più semplici, per cui vediamo in che modo possiamo eseguire l'intero movimento passo per passo.

POSIZIONE DI PARTENZA

1) Per prima cosa il soggetto che si presta ad effettuare l'esercizio deve assumere una posizione comoda; quindi dovrà tenere i piedi paralleli tra loro, con le gambe divaricate, con una distanza leggermente superiore a quella delle spalle.

2) Per cominciare l'esercizio in modo corretto è necessario iniziare il movimento tenendo i gomiti distesi, ma non completamente, in modo da evitare di sottoporre l'articolazione del gomito ad uno sforzo eccessivo, ma anche per controllare meglio tutto il movimento.

3) Il bilanciere deve essere afferrato con presa supina, cioè tenendo i palmi delle mani rivolti in avanti e con una distanza fra loro pari alla larghezza delle spalle.

MOVIMENTO INTERMEDIO                                                                  

4) È importante che le ginocchia rimangano leggermente piegate ed allineate con i piedi per la durata dell'intero esercizio.

5) Le spalle devono essere esattamente alla stessa altezza, e questo anche e soprattutto durante l'esecuzione dell'esercizio; per mantenerle ferme ed in assetto un trucchetto è quello di spingere le scapole verso il basso.

6) Per essere sicuri di non sbagliare, un ottimo metodo è quello di farsi osservare da un compagno di allenamento da posizione frontale.

7) E' fondamentale inoltre che la schiena sia dritta; mantenere gli addominali con una leggera contrazione per l'intero esercizio aiuta a migliorare la postura della colonna vertebrale.

8) Per eseguire l'esercizio in maniera corretta è necessario flettere le braccia a 90°, cioè fino ad avere gli avambracci paralleli al terreno, per sollevare il bilanciere.

9) Un particolare che fa la differenza è quello di mantenere sempre i gomiti fermi di fianco al busto, evitando di farli oscillare in avanti o indietro.

LA FASE FINALE DELL'ESERCIZIO

10) Tenete le gambe sempre leggermente piegate, in modo tale da non sovraccaricare la zona lombare.

11) Tenete il collo ben dritto ed allineato con la schiena, tenendo lo sguardo fisso di fronte a voi per l'intero esercizio.

12) Ricordate di mantenere gli addominali sempre leggermente contratti

13) I polsi devono restare immobili per l'intero arco del movimento; in questo modo eviterete di rompere la linea tra il dorso della mano e l'avambraccio, commettendo quindi l'errore di flettere i polsi in alto o in basso.

14) Durante l'esercizio dovete sollevare gli avambracci molto lentamente, aumentando in questo modo il lavoro dei muscoli brachioradiali, ovvero quelli dell'avambraccio.

Consigli per Far Esplodere i Vostri Bicipiti

Chi non ha mai visto qualcuno in palestra passare un tempo esagerato nell'allenare i bicipiti pensando che più vengono allenati più cresceranno?

Quante volte avete visto persone allenare i bicipiti (di solito unitamente ai pettorali) in ogni seduta in palestra?

Sappiate che nel BodyBuilding più esercizi e serie non significano più guadagni.

 Non sarà il tempo a decidere i vostri progressi, piuttosto saranno gli esercizi che si scelgono, il volume, il peso e le repetizioni ed il giusto riposo. In linea di massima sappiate che gli esercizi base per i bicipiti, sono i movimenti con i quali allenate i dorsali, come trazioni e rematori.

In questi esercizi, grazie alla sinergia dei muscoli adibiti alla trazione, utilizzerete carichi elevati ed i bicipiti verranno altamente sollecitati. Al termine di un determinato lavoro per i dorsali, basterà inserire qualche esercizio di isolamento per i bicipiti, come ad esempio il curl con bilanciere, per terminare il vostro lavoro finalizzato all'incremento muscolare dei bicipiti.

Il cheating è un piccolo trucco per poter compiere ripetizioni aggiuntive quando i nostri bicipiti sono al limite. L'esecuzione viene compromessa, aiutandosi con muscoli ausiliari. Questo permette di aumentare l'intesità facendo una o due ripetizioni una volta raggiunto il cedimento muscolare. L'errore è utilizzare pesi improponibili sin dalla prima ripetizione, effettuando l'esercizio più di nervi che di muscoli, un grave errore che pregiudicherà la crescita muscolare dei vostri bicipiti. Dovete assolutamente eliminare o al massimo limitare le ripetizioni sporcate.

Utilizzando il cheating solo per una o due serie e solo nelle ultimissime ripetizioni quando il muscolo è già stato caricato con un movimento impeccabile. Esagerare con il cheating non farà altro che spostare il vostro carico su articolazioni e schiena, andando incontro ad infortuni che comprometteranno i vostri allenamenti ed i vostri risultati.

State cercando un personal trainer virtuale?

ABC ALLENAMENTO FIT

L'applicazione ABC Allenamento FIT vi fornirà un programma di allenamento con gli esempi degli esercizi, spiegazione dei movimenti, spiegazioni dei protocolli, carichi impostati dal sistema aggiornabili dall'utente allenamento dopo allenamento. Il programma è completo in quanto oltre alla scheda di allenamento fornirà anche una fase di riscaldamento specifico unitamente ad una fase di stretching finale.

ABC Allenamento FIT prevede:

  • 7 fasi di allenamento annuali (Capillarizzazione, forza, forza con richiamo di massa, incremento massa fase 1, incremento massa fase 2, definizione muscolare e definizione con mantenimento)
  • 12 livelli che vanno da White a Platinum
  • Programmi di allenamento curati nel minimi particolari che avranno una durata dalle 4 alle 8 settimane a seconda del mesociclo di allenamento scelto.
  • Oltre 1000 esercizi con immagini redatte da ABC Allenamento
  • Spiegazione degli esercizi
  • Spiegazione dei protocolli e metodi di allenamento
  • Grafici dei propri miglioramenti fisici e prestazionali
  • Carichi di allenamento impostati direttamente dal sistema.
  • Test di verifica per constatare i propri miglioramenti step by step
  • Supporto tecnico costante
  • Supporto motivazionale
  • Utility digitali che possono servire sia all'utente che ai personal trainer con i propri clienti.
Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati