(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Allenamento in Auto per Sviluppare Avambracci Grossi e Resistenti

data di redazione: 06 Settembre 2016 - data modifica: 23 Luglio 2018
Allenamento in Auto per Sviluppare Avambracci Grossi e Resistenti

Prima di iniziare l'argomento dell'articolo, vi poniamo 2 domande:

  1. Quanto tempo dedicate all'allenamento DIRETTO degli avambracci?
  2. Quanto tempo della giornata trascorrete in auto, per raggiungere il posto di lavoro o per lavorare?

Anatomicamente parlando i muscoli dell'avambraccio si distinguono in anteriori, laterali e posteriori. I muscoli anteriori dell’avambraccio sono otto e si dispongono in quat­tro strati sovrapposti. Lo strato superficiale è formato dai muscoli epitrocleari, così denomi­nati perché traggono origine dall'epitroclea, essi sono:

  • muscolo pronatore rotondo,
  • muscolo flessore radiale del carpo,
  • muscolo palmare lungo,
  • muscolo flessore ulnare del carpo.

Il secondo strato è formato dal muscolo flessore superficiale delle dita della mano. Al terzo strato appartengono:

  • muscolo flessore profondo delle dita della mano,
  • muscolo flessore lungo del pollice.

Nel quarto strato, il più profondo, si trova il muscolo pronatore quadrato. I muscoli laterali dell’avambraccio sono:

  • muscolo brachioradiale,
  • muscolo estensore radiale lungo del carpo,
  • muscolo estensore radiale bre­ve del carpo.

I muscoli posteriori dell’avambraccio sono nove muscoli e si riuniscono in due stra­ti di cui uno superficiale e uno profondo. I muscoli superficiali hanno tutti origine dall'epicondilo e vengono denominati perciò muscoli epicondiloidei, essi sono:

  • muscolo estensore comune delle dita della mano,
  • muscolo estensore proprio del mignolo,
  • muscolo estensore ulnare del carpo,
  • muscolo anconeo.

I muscoli profondi sono:

  • muscolo supinatore,
  • muscolo abduttore lungo del pollice,
  • muscolo estensore breve del pollice,
  • muscolo esten­sore lungo del pollice,
  • muscolo estensore proprio dell'indice.

I muscoli degli avambracci lavorano tantissimo negli stacchi da terra, nelle trazioni, nei curl con manubri o bilanciere, nelle scrollate, nei rematori, ma anche negli esercizi di distensione. In quasi tutti gli esercizi dove si impugna qualcosa, l'avambraccio lavora.

Quanto lavora per stimolare la crescita muscolare?

Non sempre il lavoro indiretto, è sufficiente per stimolare la crescita muscolare dei vostri avambracci. Voi direte, perché non inseriamo qualche esercizio specifico per questi muscoli come esercizi per i flessori ed estensori con bilanciere o manubri?

Lo farete una volta, massimo due, poi come il buon 99% delle persone, abbandonerete questi esercizi, che parliamoci chiaro sono alquanto noiosi e poco gratificanti.

A volte non si ha il tempo per terminare il lavoro su pettorali, dorsali, quadricipiti, figuriamoci se possiamo perdere tempo con esercizi di puro isolamento specifico. E quindi?

La soluzione è quella di allenare gli avambracci, NON in palestra, ma in auto, a casa davanti alla tv, insomma in luoghi diversi dalla palestra ricavando scampoli della giornata nei quali state facendo altro. Qui di seguito vi proponiamo 3 esercizi con attrezzi da home-fitness che costano pochissimo (alcuni si trovano nei grandi bazar orientali), i quali dovrete custodirli nei luoghi dove pensate di effettuare tale allenamento, come ad esempio la vostra auto.

ESERCIZIO 1

VIDEO

ESERCIZIO 2

VIDEO

ESERCIZIO 3

VIDEO

Protocollo di Allenamento per gli Avambracci

Quando lo ritenete opportuno, in auto, a casa, ovunque voi siate, magari lontano dall'allenamento diretto delle braccia (in un giorno dove è previsto l'allenamento delle gambe in palestra, o un lavoro aerobico) provate questo protocollo di allenamento.

Esercizio 1

  • 1 Serie per i flessori braccio destro da 30"
  • 1 Serie per gli estensori braccio destro da 30"
  • 1 Serie per i flessori braccio sinistro da 30"
  • 1 Serie per gli estensori braccio sinistro da 30"

Esercizio 2

  • 3 Serie da 30" con Super Arms davanti a voi, partendo dalla versione gomiti alti - Recupero 30"
  • 3 Serie da 30" con Super Arms davanti a voi, partendo dalla versione gomiti bassi - Recupero 30"

Esercizio 3

  • 3 Serie da 1' con 30-40" di recupero

Totale allenamento?

2' + 6' (compreso recupero) + 5' = 13' circa

Questa è solo un'idea, consigliamo solo di lavorare a tempo per semplificare i protocolli di allenamento e soprattutto perché tali esercizi servono per migliorare la resistenza alla forza, in questo caso dei vostri muscoli avambracci. La Massa Muscolare aumenterà, in quanto questi muscoli necessitano di un lavoro con multifrequenza, e il lavoro proposto vi aiuterà per tale scopo.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Allenamento Semplice ma Efficace per Bicipiti e Tricipiti
11 Giugno 2017

Allenamento Semplice ma Efficace per Bicipiti e Tricipiti

Alcuni hanno pettorali massicci e schiene immense, ma scarseggiano nello sviluppo delle braccia e delle gambe o meglio le braccia e le gambe non sono proporzionate.

6 Schede di Allenamento per la Massa dei Bicipiti
23 Luglio 2018

6 Schede di Allenamento per la Massa dei Bicipiti

 Siete stanchi delle solite routine per i Bicipiti? Volete dare Brio , una scossa elettrica alle braccia ? vi propongo 6 allenamenti diversi per rendere i vostri bicipiti Mostruosi.

Ultimi post pubblicati

ABC Safe: La Giusta Distanza Per Sferrare una Gomitata
23 Settembre 2018

ABC Safe: La Giusta Distanza Per Sferrare una Gomitata

Sifu Sandro Ci Spiega la Giusta Distanza per Sferrare una Gomitata

La gomitata è uno dei colpi più potenti e letali in quanto è un colpo che taglia, è un colpo che è in grado di concludere una lite, un match di muay thay o mma. Proprio per il fatto che la superficie di impatto è in pratica lo spigolo del gomito, questo tipo di colpo, anche se non è portato alla massima potenza, è in grado di aprire una profonda ferita.

Galletto al Limone con Paprika e Dragoncello
22 Settembre 2018

Galletto al Limone con Paprika e Dragoncello

La ricetta base è di origine romana, ma ogni regione ne ha una propria versione: la caratteristica di base, da cui deriva il nome “alla diavola”, è il colore rosso del pollo grazie alla consistente aggiunta di peperoncino, sia la paprica dolce che quello piccante.
Preparazione: 60 min.
Difficoltà: 5
N. porzioni: 4