(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Come Ottenere dall'Allenamento dei Bicipiti il Massimo dell'Efficacia

data di redazione: 01 Ottobre 2017 - data modifica: 23 Luglio 2018
Come Ottenere dall'Allenamento dei Bicipiti il Massimo dell'Efficacia

Chi è che non vorrebbe due braccia grosse e muscolose? Ogni appassionato di bodybuilding ha come obiettivo principale quello di costruire muscoli grossi con due braccia possenti e vistose, la realtà però è che in pochi ce la fanno davvero. Due sono i motivi principali per cui in molti non riescono a far crescere le braccia:

  • Strategia sbagliata
  • Esecuzione degli esercizi errata

C'è chi pretende di incrementare il volume delle braccia eseguendo ripetizioni allo sfinimento, con esercizi di puro isolamento, ottenendo solamente una maggiore resistenza muscolare. Questa strategia è incompleta, soprattutto se il vostro obiettivo è quello di far crescere le vostre braccia. Se volete davvero ottenere risultati in tal senso dovrete puntare a sollevare carichi elevati, con esercizi di sostanza, facendo attenzione che l'esecuzione del movimento e le tempistiche siano corrette ed adeguate, unitamente ad un lavoro di resistenza con esercizi di isolamento. La sinergia del lavoro di forza e resistenza farà crescere le vostre braccia. Dovete considerare gli esercizi per i dorsali quali trazioni e rematori come esercizi base per i bicipiti ed i vari curl con manubri e cavi quali esercizi di isolamento. Detto questo bisogna stare molto attenti alla suddivisione muscolare settimanale, 

Uno dei problemi principali che impedisce la crescita muscolare dei bicipiti è che il nostro cervello cerca sempre la via più semplice e facile per eseguire i movimenti, quindi, inconsciamente, ci mettiamo i bastoni tra le ruote da soli e rendiamo in questo modo gli esercizi meno efficaci. Nel caso specifico del curl con manubri o bilanciere, per facilitare l'esercizio ci si serve troppo spesso dello slancio (cheating), quando semplicemente osservando una tempistica più lunga sia in fase di risalita che di discesa obbligheremo i nostri bicipiti a ottimizzare il loro lavoro per ogni centimetro dell'intero arco di movimento.

Consigliamo per i curl, esercizi di isolamento per i bicipiti, l'utilizzo di carichi gestibili, cercando una tecnica sopraffina ed il controllo del movimento. I carichi elevati ricercateli nelle trazioni e rematori. Fatta questa premessa, l'esercizio che oggi prendiamo in considerazione è il più classico degli esercizi per i bicipiti, ovvero il curl con i manubri. Che differenza c'è tra il curl con manubri con supinazione e il curl a martello? Vediamo come si eseguono i due esercizi evidenziando poi, le differenze e caratteristiche.


CURL CON MANUBRI CON SUPINAZIONE

  • Mettetevi davanti allo specchio in modo tale da controllare i vostri movimenti durante l'esecuzione dell'esercizio
  • Afferrate i manubri, tenete la schiena dritta, i piedi ben allineati alle spalle
  • I gomiti devono essere aderenti al tronco, i palmi delle mani all'inizio del movimento sono in posizione neutra
  • E' importante che spalle, gomiti e polsi siano ben allineati
  • A questo punto cominciate a sollevare un manubrio, lentamente, ruotando il polso in maniera lenta e controllata.
  • Per la fase concentrica del movimento, ovvero quella di risalita, impiegate un minimo di cinque secondi, e fate la stessa cosa per la fase eccentrica
  • Terminata la ripetizione con un braccio, partite con l'altro
  • Il tutto sarà ancor più impegnativo se quando state sollevando il manubrio (specialmente oltre il punto intermedio) riuscirete a mantenere i gomiti fermi e senza spingervi in avanti con le spalle
  • Mantenete sempre lo sguardo dritto davanti a voi, perché guardando in basso è facile commettere l'errore di incurvarsi in avanti
  • Per ricercare il massimo isolamento dei bicipiti, provate a posizionare la schiena contro un muro, piegando le ginocchia in un quarto di squat. Questa posizione, non certo comoda, isola maggiormente i bicipiti durante l'arco del movimento.

HAMMER CURL

  • Per eseguire questo esercizio in maniera corretta dovete partire da una posizione iniziale classica vale a dire quella con i manubri in mano, le braccia distese lungo i fianchi e le palme rivolte verso l'interno.
  • In questo caso però non dovete sollevare i manubri seguendo una traiettoria perpendicolare, ma una direzione che sia leggermente obliqua. 
  • Dovete insomma portarli leggermente davanti al busto. 
  • Si tratta di un esercizio molto apprezzato dai numeri uno del body-building e consente di andare a sollecitare con le fibre muscolari che l'allenamento classico non riesce a coinvolgere.
  • Ricordate inoltre che la posizione di massima concentrazione è importante estendere il gomito riportando il manubrio nella posizione iniziale. Si tratta di un esercizio da completare con la massima precisione e in maniera molto lenta e che dà il meglio quando si segue l'esercizio a braccia alterne.
  • Trattandosi di un esercizio di rifinitura il consiglio è quello di seguirlo dopo che i bicipiti sono già stati affaticati accuratamente con altri esercizi di base in modo da sfinirli completamente.

CURL CON MANUBRI CON SUPINAZIONE O HAMMER CURL? 

Questi due movimenti sono i migliori esercizi con i manubri per i bicipiti. Nell’allenamento dei bicipiti troppo spesso si ignora l’importanza del brachiale, muscolo poco conosciuto, il quale viene stimolato nell'esercizio hammer curl.  Nel movimento hammer curl, il pollice resta rivolto verso l’alto e il polso in posizione neutra in questo modo si andrà ad agire direttamente sul brachiale, il muscolo situato verso la parte esterna del braccio, vicino a entrambe le sezioni del bicipite. Il brachiale dona al bicipite un aspetto più pieno e completa lo sviluppo della muscolatura del braccio.

In conclusione vi consigliamo di eseguire l'hammer curl soprattutto in quelle routine dove è previsto l'allenamento dei dorsali e poi dei bicipiti; in questo caso dopo stacco, trazioni e rematori pesanti basterà eseguire un esercizio di rifinitura per i bicipiti, come appunto l'hammer curl per terminare l'allenamento del giorno. Invece se allenate i bicipiti ad esempio dopo i pettorali e/o spalle è consigliabile iniziare l'allenamento con il curl con manubri con supinazione e poi magari inserire un hammer curl come esercizio finale di rifinitura. 

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Bicipiti a Martello
14 Febbraio 2019

Bicipiti a Martello

Gli Esercizi di Isolamento per i Bicipiti servono per terminare un certo tipo di lavoro muscolare fatto in precedenza, non sempre i grossi carichi sono la miglior cosa per incrementare la massa muscolare in muscoli così piccoli come i bicipiti . Soprattutto negli esercizi di isolamento la parola d'ordine è pompaggio muscolare .

Quando Si Possono Allenare i Bicipiti con i Pettorali ed i Tricipiti con i Dorsali e Quando Invece è Sbagliato?
17 Agosto 2015

Quando Si Possono Allenare i Bicipiti con i Pettorali ed i Tricipiti con i Dorsali e Quando Invece è Sbagliato?

La Giusta Collocazione dei Muscoli delle Braccia per Farli Crescere e Non Bruciarli

Come inserire i muscoli bicipiti e tricipiti nella nostra routine di allenamento settimanale in modo tale da stimolarne la crescita muscolare e non il catabolismo come avviene spesso e volentieri in alcune combinazioni muscolari mal disposte.

Ultimi post pubblicati

Soufflè Proteici Al Cioccolato e Cocco
18 Febbraio 2019

Soufflè Proteici Al Cioccolato e Cocco

Volete terminare le vostre proteine al cioccolato realizzando una ricetta deliziosa? Vi consigliamo di provare il nostro soufflè proteico al cioccolato e cocco.
Preparazione: 20 min.
Difficoltà: 3
N. porzioni: 2
Budino Proteico Alla Vaniglia
18 Febbraio 2019

Budino Proteico Alla Vaniglia

Il budino con latte e uova è un dolce altamente proteico ideale per una colazione o merenda da sportivo. In questa ricetta vi proponiamo un modo per farsi a casa propria un budino proteico con le vostre proteine del siero del latte. 
Preparazione: 40 min.
Difficoltà: 3
N. porzioni: 2