(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Perché le Braccia Non Crescono?

data di redazione: 02 Luglio 2014 - data modifica: 11 Giugno 2017
Perché le Braccia Non Crescono?

Vi sarete sicuramente posti una domanda: "PERCHE' LE BRACCIA NON CRESCONO COME VORREMMO?"

Il Bicipite ed il Tricipite sono due muscoli sognati da ogni Body Builder e da ogni sportivo. Quante volte il vostro fisico è stato giudicato dalla grandezza e forma delle vostre braccia? Magari avete gambe e tronco da urlo, ma braccia esili e di fianco ad un individuo secco con due braccia tornite e definite, letteralmente sfigurate.

E' giunta l'ora di far crescere queste benedette braccia. Perché Volere è potere!

Secondo il nostro punto di vista e secondo la nostra filosofia le braccia vanno allenate una volta alla settimana coinvolgendo tutte le fibre muscolari, finendole senza pietà. E dare poi una settimana piena per recuperare.

Perché?

Come ben saprete i muscoli delle braccia intervengono nell'esecuzione di altri esercizi della parte superiore del corpo. Se mixiamo troppo i gruppi muscolari le braccia possono correre il rischio di non recuperare e quindi di non crescere.

  1. PETTO + BICIPITI
  2. DORSO +TRICIPITI
  3. GAMBE + SPALLE

E' un abbinamento classico che vedo seguire da molti avventori delle palestre. Alle persone, di norma, piace allenare i bicipiti ed i pettorali e quindi il lunedì, il primo giorno della settimana, tutte le panche piane del mondo ed i bilancieri ez per i curl, sono impegnati. Il resto della settimana, a cascata, si alleneranno poi dorsali e tricipiti e nell'ultimo giorno gambe e spalle.

Analizziamo i punti a sfavore

  • I tricipiti così lavorano tre volte la settimana
  • I bicipiti due

In questo modo i muscoli non riescono a recuperare.


  • Inoltre con i muscoli ancora indolenziti come si fa a spingere o tirare?
Non sono indolenziti? Vuol dire che nel Workout precedente non avete lavorato a sufficienza.


Invece se provate il Menu':

  • 1) PETTO + DELTOIDI LATERALI +TRICIPITI
  • 2) SCHIENA TOTALE + DELTOIDI POSTERIORI + BICIPITI
  • 3) GAMBE E POLPACCI.

Avrete meno problematiche relative al recupero muscolare in quanto:

  1. Dopo il petto e spalle i tricipiti saranno già stanchi e basteranno due o tre esercizi per finirli
  2. Stesso discorso vale per i Bicipiti allenati dopo i dorsali
  3. Le Gambe avranno una loro giornata dedicata

Un altra routine valida per far in modo che le braccia lavorino nel verso del pelo è quella di inserire il giorno delle gambe a metà settimana.

  • PETTO + DORSALI
  • GAMBE E POLPACCI
  • SPALLE TRICIPITI E BICIPITI

Le braccia lavoreranno in maniera indiretta nel primo giorno e diretta nel terzo giorno. E' un modo per dargli una doppia pompata settimanale con giudizio.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Consigli per l'Aumento della Massa Muscolare dei Tricipiti
23 Luglio 2018

Consigli per l'Aumento della Massa Muscolare dei Tricipiti

Avere grossi tricipiti è la chiave di volta per braccia enormi. Il TRICIPITE e' un muscolo mediamente ricco di fibre bianche e va allenato con i giusti esercizi e metodiche.

Braccia Grosse Boom
11 Giugno 2017

Braccia Grosse Boom

Non è possibile cambiarne la forma, ma si può sviluppare al massimo quella per cui si è geneticamente predisposti.

Ultimi post pubblicati

Speciale Allenamento Deltoidi
20 Ottobre 2018

Speciale Allenamento Deltoidi

4 Esempi di Allenamento per Sviluppare i Deltoidi

I deltoidi sono muscoli collocati all’interno dell'articolazione della spalla, i muscoli deltoidi si suddividono in anteriori, mediali e posteriori, infraspinato, sovraspinato, piccolo rotondo e grande rotondo, sottoscapolare.

Gran Dentato
19 Ottobre 2018

Gran Dentato

Origine, Inserzione ed Azione

Il muscolo Gran Dentato è incluso tra i muscoli del cingolo scapolo-omerale. Con la sua azione porta in rotazione esterna la scapola, un movimento importante per l’elevazione dell’omero sopra i 90°, permette inoltre di far aderire la scapola al torace e può come azione secondaria coadiuvare i movimenti delle coste utili all’inspirazione.