Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Perdere Grasso Velocemente con le Superserie Pesi + Aerobica

data di redazione: 16 Agosto 2015
Perdere Grasso Velocemente con le Superserie Pesi + Aerobica

Perdere Grasso, Conservare i Muscoli diventando un Atleta con la A Maiuscola

Ognuno di noi è alla ricerca di una "soluzione rapida" quando si tratta di perdere grasso con miglioramenti della propria composizione corporea, ma pochi accettano il fatto che dimagrire significa anche lavorare sodo. Molte persone appena parliamo di definizione muscolare e/o perdita di peso (in termini di massa grassa) fanno immediatamente appello, tirando fuori il discorso alimentazione, specificando, anche con toni piuttosto accesi, che l'allenamento ha poco a che fare con la perdita di grasso. Diciamo che l'alimentazione riveste un ruolo importante, ma anche l'allenamento ha il suo ruolo importante per perdere il grasso in eccesso, diciamo che viaggiano a braccetto per ottenere uno straordinario risultato finale.

Allenarsi come stavamo facendo di norma, durante l'anno, senza cambiare nulla, non darà lo stimolo necessario per perdere grasso, bisogna fare un cambio strategico nel nostro allenamento: prendete nota di questa denominazione EPOC. EPOC: il vero "segreto" per la perdita di peso?

Il consumo di ossigeno nel post-esercizio è denominato EPOC,  nei paesi anglosassoni viene anche detto "afterburn". EPOC è essenzialmente uno stato metabolico in cui il vostro corpo continua ad utilizzare livelli più elevati di ossigeno dopo un intenso esercizio fisico, al fine di tornare ad una fase di omeostasi. "L'omeostasi (dal greco ομέο-στάσις, stessa fissità), è la tendenza naturale al raggiungimento di una relativa stabilità interna delle proprietà chimico-fisiche che accomuna tutti gli organismi viventi, per i quali tale stato di equilibrio deve mantenersi nel tempo, anche al variare delle condizioni esterne, attraverso dei precisi meccanismi autoregolatori."

Molti studi hanno dimostrato che gli individui bruceranno 5 calorie per ogni litro di ossigeno consumato in modo supplementare durante un allenamento intenso. Sia che si sta eseguendo:

Hanno tutti una denominatore comune di allenamento: EPOC

 

Se non siete ancora convinti della bontà dei risultati ottenuti con allenamenti che sfruttano l'EPOC, sappiate che alcuni studi hanno dimostrato che gli allenamenti di tipo afterburn, della durata di 30 minuti, aumentano il metabolismo fino a 38 ore dopo l'allenamento!  Incredibile vero?. 

Vantaggi Allenamenti Afterburn

Nel corso del tempo, gli allenamenti ad alta intensità potranno aumentare il VO2 max, ovvero la capacità del corpo di utilizzare l'ossigeno per produrre energia. Ciò significa una maggiore resistenza, che porta più energia ed aumenta la capacità di sostenere più lavoro per un periodo di tempo più lungo. Detto questo però, molti esperti consigliano allenamenti ad alta intensità della durata massima di 60 minuti, per non eccedere con il lavoro di densità, entrando in uno stato di sovrallenamento ed eccessivo catabolismo muscolare.

 

Per gli atleti di resistenza, l'aggiunta di uno o due allenamenti-EPOC possono sicuramente migliorare lo stato di forma dell'atleta. Motivo? Lavorare in diversi sistemi aerobici migliora la resistenza , mentre si costruiscono fibre  muscolari a contrazione rapida, più resistenti che possono contribuire a dare quello spunto in più quando serve in una gara e/o competizione.

 

Ecco alcuni semplici esempi di come strutturare un allenamento afterbun

Questo metodo costringe il vostro corpo:

  1. Non recuperare tra le serie
  2. Mantenendo la frequenza cardiaca elevata
  3. Muscoli pompati per tutto il tempo di durata della superserie

E quindi come posso integrare il mio allenamento quotidiano?

 

Sei un corridore (podismo, ciclismo)? : Sceglierei 2 tra questi 3 esempi effettuandoli prima di un allenamento aerobico di breve durata (corsa e/o ciclismo). Dopo l'allenamento EPOC e prima di andare a correre consigliamo di assumere BCAA per tamponare il catabolismo. Non eccedete però nella vostra attività primaria scalando il Mortirolo o effettuando una maratona, altrimenti vi brucerete come un cerino.

 

Sei un bodybuilder? : Sceglierei 1 tra questi esempi e lo effettuerei al termine di una sessione di allenamento in modo tale da innalzare la combustione di grasso nel post workout. Cercate magari di abbinare l'esercizio con i pesi con i distretti muscolari del giorno inserendo magari un esercizio diverso. Esempio, Gambe: Pressa 4 set x 6 reps / leg extension 3 set x 12 reps / leg curl 3 set x 12 reps - poi A1-A2 (front squat con  battling ropes) come da schema sopra indicato.

 

Sei un Grappler, Wing Fighter, MMA Fighter, Judoka? : Sceglierei 2 tra questi 3 esempi e li farei dopo aver eseguito un esercizio base di forza diverso dagli esercizi eseguiti nei circuiti in modo tale da stimolare tutto il corpo in modi diversi ma completi. Al termine un pò di tecnica con sparring libero non ci starebbe male.

 

Buon ABC Allenamento 

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

La mia Definizione Muscolare Funzionale
01 Ottobre 2014

La mia Definizione Muscolare Funzionale

Come costruire un fisico muscoloso e definito con il Functional Training

La mia definizione muscolare con Crossfit e alimentazione semplice e fattibile

Allenamento di Body Building in Total Body 8x8
01 Ottobre 2014

Allenamento di Body Building in Total Body 8x8

Protocollo di Allenamento ad alta Intensità e Densità

L'allenamento moderno spinge le persone al functional training, non dimenticatevi però del vecchio e caro body building il quale rimane il numero uno per la costruzione di muscoli solidi.

Ultimi post pubblicati

YMCA Bench Press Test
15 Luglio 2019

YMCA Bench Press Test

L'obiettivo dell'YMCA bench press test è di valutare la forza e la resistenza dei muscoli estensori del gomito e dei muscoli flessori ed adduttori della spalla.

Tricipite Brachiale
15 Luglio 2019

Tricipite Brachiale

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo tricipite brachiale è il principale mu­scolo estensore dell’avambraccio e, per mezzo del capo lungo, promuove una adduzione dell’omero. È formato da tre parti denominate capo lungo, capo laterale e capo mediale.