(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Body building, muscoli e ATP

data di redazione: 19 Marzo 2014 - data modifica: 13 Giugno 2017
Body building, muscoli e ATP

Il passaggio di stato dalla condizione di rilassamento a quella di contrazione muscolare induce un incremento rapido, e più o meno cospicuo, del consumo di ATP. Il consumo dev’essere accompagnato da una risintesi altrettanto rapida.

I meccanismi tramite i quali risintetizzare l’ATP sono tre: fosforilazione diretta dell’ATP sfruttando la fosfocreatina con l’ausilio della fosforiltransferasi. Tale fosforilazione mantiene elevati i livelli di ATP cellulare nella fase iniziale della contrazione, nel frattempo si attivano le vie sintetiche glicolisi è una delle due vie di sintesi dell’ATP caratterizzata da velocità elevata ma basso rendimento per ogni mole di glucosio idrolizzato.

Nel giro di pochi minuti, le riserve cellulari di glicogeno si esauriscono e, tale via viene meno fosforilazione ossidativa avviene nei mitocondri ed è in grado di fornire notevole ATP in modo continuo e molto efficiente. Utilizza ossigeno e substrati energetici che diffondono nelle cellule dai capillari sanguigni.

E’ una via molto più lenta rispetto alla glicolisi Il sistema Fosfageno rappresenta la fonte più rapidamente disponibile per l’utilizzo da parte del muscolo, fondamentale per movimenti rapidi e potenti. La glicolisi anaerobico consente di avere ATP sufficiente per impegni intensi ma di durata compresa fra 1 e 3 minuti.

Il sistema dell’ossigeno è teoricamente illimitato a patto di avere substrati energetici da demolire. La sua efficienza può aumentare di circa 10 volte passando dalla situazione di riposo a quella attiva. tipi di fibre sistema anaerobico alattacido (senza ossigeno) fosforilazione diretta dell’ADP sfruttando la fosfocreatina con l’ausilio della fosforiltransferasi.

Tale fosforilazione mantiene elevati i livelli di ATP cellulare nella fase iniziale della contrazione, nel frattempo si attivano le vie sintetiche glicolisi è una delle due vie di sintesi dell’ATP caratterizzata da velocità elevata ma basso rendimento per ogni mole di glucosio idrolizzato. Nel giro di pochi minuti, le riserve cellulari di glicogeno si esauriscono e, tale via viene meno fosforilazione ossidativa avviene nei mitocondri ed è in grado di fornire notevole ATP in modo continuo e molto efficiente.

Utilizza ossigeno e substrati energetici che diffondono nelle cellule dai capillari sanguigni. E’ una via molto più lenta rispetto alla glicolisi

sistema anaerobico lattacido (senza ossigeno) Il sistema Fosfageno rappresenta la fonte più rapidamente disponibile per l’utilizzo da parte del muscolo, fondamentale per movimenti rapidi e potenti.

La glicolisi anaerobico consente di avere ATP sufficiente per impegni intensi ma di durata compresa fra 1 e 3 minuti. Il sistema dell’ossigeno è teoricamente illimitato a patto di avere substrati energetici da demolire. La sua efficienza può aumentare di circa 10 volte passando dalla situazione di riposo a quella attiva. come già accennato, nell’uomo sono presenti due differenti tipi di cellule muscolari scheletriche specializzate, che si caratterizzano per la capacità di contrarsi velocemente ma per breve tempo, o lentamente ma per un periodo di tempo prolungato.

Tali differenze sono dovute al gene che codifica l’isoenzima miosinico, che può essere rapido o lento, ovvero con attività ATPasica moderata o veloce).

Le fibre lente hanno poco consumo di ATP, oltre che buona resistenza e modesta velocità. Sono caratterizzate da elevata densità di capillari, quindi ottima vascolarizzazione, numerosi mitocondri e modeste dimensioni delle cellule che le compongono.

Sono chiamate anche fibre rosse perché ricche di:

  • emoglobina
  • mioglobina
  • citocromi
  • mitocondri.

Con adeguato apporto di ossigeno, tali fibre, mostrano notevole resistenza all’affaticamento.

Le fibre veloci hanno elevati consumi di ATP, che possono essere soddisfatti solo dalla glicolisi. Sono caratterizzate da un reticolo sarcoplasmatico particolarmente sviluppato, colore pallido per carenza di proteine che fissano l’ossigeno (sono definite anche fibre bianche), e tendono ad affaticarsi rapidamente a causa del consumo di glicogeno.


Scritto da: ABC Team
Scarica eBook
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Come Diventare Più Forti e Grossi con l'Allenamento di Arrampicata alla Fune
29 Settembre 2015

Come Diventare Più Forti e Grossi con l'Allenamento di Arrampicata alla Fune

Per allenare la schiena, l’addome e le braccia in un esercizio unico, sviluppando altresì una presa delle mani che assomiglia ad una morsa umana. Provate a stringere la mano di un lottatore, anche quando ha smesso di combattere da decenni, vi stupirà la stretta delle mani “in stile morsa”.

I Benefici apportati dalle Catene e Fasce Elastiche per l'Incremento della Forza Muscolare
06 Giugno 2016

I Benefici apportati dalle Catene e Fasce Elastiche per l'Incremento della Forza Muscolare

Perché inserire le Catene e le Fasce Elastiche nel proprio allenamento con esempio di scheda per migliorare la forza nella panca piana

Una maggiore ipertrofia muscolare e quindi più muscoli. In pratica durante l'esecuzione dell'esercizio con le catene e le rubber band, la resistenza aumenta ed aumenta progressivamente anche il numero di fibre muscolari utilizzate; più fibre muscolari vengono utilizzate, maggiore sono gli adattamenti di forza muscolare che possono essere raggiunti.

Ultimi post pubblicati

Dieta Definizione Semplice Da Seguire
24 Maggio 2019

Dieta Definizione Semplice Da Seguire

Definire i muscoli non significa solo aumentare ulteriormente la frequenza degli allenamenti, inserendo un volume di lavoro maggiore, inserendo anche attività aerobica. E' l'errore che commettono tutti, allenarsi come pazzi, mantenendo la stessa alimentazione seguita nella fase di incremento della massa muscolare.

Swiss Bar: Benefici Ed Esercizi
20 Maggio 2019

Swiss Bar: Benefici Ed Esercizi

Questo attrezzo speciale ha diverse maniglie che si possono utilizzare per variare il posizionamento delle mani durante gli esercizi di distensione e trazione, permettendo di migliorare la forza assicurando altresì una presa multipla salda ed una perfetta stabilità durante l'esecuzione dei movimenti.