ABC Allenamento
(0)
Carrello (00)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Come allenarsi per la forza

data di redazione: 20 Giugno 2014 - data modifica: 02 Ottobre 2014
Come allenarsi per la forza

Allenare la forza massima, rapida e resistente; differenze e modalità di allenamento

Questo tipo di allenamento viene anche definito "potenziamento muscolare" ed è generalmente inteso come un lavoro finalizzato al miglioramento della capacità di forza (massima tensione che un muscolo riesce a sviluppare contro una resistenza esterna).

 


Affinché l'allenamento sia efficace e realizzi i risultati previsti è necessario individuare, innanzitutto, il tipo di forza da allenare e successivamente (in base al proprio livello di forma fisica e alle proprie capacità motorie e tecniche), costruire un allenamento personalizzato che preveda una corretta distribuzione dei carichi.

 

In merito ai tipi di forza sono state fatte numerose classificazioni, la più tradizionale delle quali distingue:

 

  1. la forza massima (il più alto grado di forza esprimibile attraverso una contrazione muscolare volontaria);
  2. la forza rapida o veloce (capacità di vincere delle resistenze attraverso una elevata rapidità di contrazione muscolare);
  3. la forza resistente (capacità di ripetere più volte, nel tempo, tensioni relativamente elevate).

All'inizio del programma di allenamento, o quando si è principianti, è bene prevedere un lavoro di forza generale su tutti i distretti muscolari che privilegi l'aspetto quantitativo (maggior numero possibile di serie e di ripetizioni).

 

Soltanto in un secondo momento l'allenamento diventa specifico in base:

  • al tipo di forza da allenare,
  • al carico da somministrare,
  • alle finalità del gesto tecnico e/o sportivo da effettuare
  • e al livello dell'allenamento (agonistico o amatoriale).

 

 

In questa fase, con l'aumento dell'intensità del lavoro diventa fondamentale individuare i distretti muscolari sui quali agire maggiormente effettuando una corretta selezione degli esercizi e una razionale somministrazione dei carichi.

 

Inoltre, un allenamento che preveda il solo aumento quantitativo del carico (numero delle serie, delle ripetizioni e delle sedute) stabilizza i livelli di forza, mentre un lavoro basato sull'aumento dell'intensità del carico (entità della resistenza esterna) è finalizzato all'incremento dei livelli di forza.


È molto importante comunque, almeno all'inizio, non impegnarsi in allenamenti con carichi massimali o ricercare, troppo rapidamente, una specificità di sviluppo di alcuni distretti muscolari piuttosto che di altri.

Infatti, prima di sottoporvi a un allenamento specifico, è necessario, in generale, migliorare il vostro livello di efficienza fisica e di capacità tecniche e motorie, al fine di creare un adattamento progressivo al carico di lavoro senza generare eventuali risentimenti alle strutture articolari e muscolari-tendinee.

 

 

 

 

 

Uno dei principi base dell'allenamento per la forza è il lavoro con il sovraccarico che consiste nell'esercitare il muscolo contro una resistenza (sovraccarico) superiore a quella normalmente impiegata per lo svolgimento delle attività quotidiane.

 

Tale sovraccarico, per stimolare un costante e progressivo aumento di forza, deve essere incrementato progressivamente e gradualmente nel tempo, in proporzione ai guadagni di forza ottenuti dal soggetto.

I programmi di allenamento per lo sviluppo della forza sono sempre strutturati secondo tecniche, metodi e caratteristiche specifici per il tipo di forza che si desidera allenare.


Buon allenamento con ABC



Potrebbe interessarti anche

Le 5 leggi fondamentali dell'allenamento della forza
24 Novembre 2014

Le 5 leggi fondamentali dell'allenamento della forza

L'allenamento deve essere strutturato in maniera tale da raggiungere obiettivi specifici, la corretta applicazione dei principi dell'allenamento della forza garantisce la massima efficacia e la possibilità di compiere il minor numero di errori. Per determinare un più facile adattamento fisico ed un effettivo incremento della forza, il metodo dell'aumento progressivo del carico risulta particolarmente efficace.

4 Consigli per Migliorare le vostre Distensioni su Panca Piana
12 Aprile 2015

4 Consigli per Migliorare le vostre Distensioni su Panca Piana

Come uscire dallo Stallo con questi consigli ed esercizi propedeutici

Non tutti ottengono i risultati che vorrebbero nell’esercizio di bodybuilding più amato, ovvero: le distensioni su panca piana con bilanciere, nei paesi anglosassoni conosciuto come Bench Press. In questo articolo vi daremo qualche consiglio pratico su come sbloccare le vostre prestazioni in questo esercizio.

Ultimi post pubblicati

Scheda in Monofrequenza con Richiami Muscolari
08 Aprile 2021

Scheda in Monofrequenza con Richiami Muscolari

Scheda di Allenamento Old School anni 80

La monofrequenza “pura” non esiste, perché la fisiologia del nostro corpo va in una direzione completamente diversa. Chi pensa d’allenare un muscolo una volta a settimana in monofrequenza, in realtà non sa che sta facendo un allenamento pesante, più diversi richiami, perché nessun muscolo può mai lavorare in modo totalmente isolato. Fatta questa premessa entriamo nel nocciolo dell'articolo.

Massa Muscolare Scolpita - Programma Definitivo
07 Aprile 2021

Massa Muscolare Scolpita - Programma Definitivo

La routine di allenamento PHAT è stata progettata da Layne Norton bodybuilder e powerlifter. Il programma PHAT combina routine di bodybuilding e powerlifting in un unico programma di allenamento settimanale.