(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Quali carichi utilizzare nel ciclo di forza

data di redazione: 04 Maggio 2014 - data modifica: 09 Luglio 2017
Quali carichi utilizzare nel ciclo di forza

Rapporti di peso tra i vari esercizi

Nel Nostro Sistema di allenamento (ABC Allenamento METHOD, in uscita a breve) abbiamo inserito i tre grandi esercizi del Body Building:

distensioni con bilanciere su panca piana

squat con bilanciere

Stacco da terra

Chi per diversi motivi non può eseguire questi esercizi, può utilizzare gli esercizi sostitutivi.

Detto questo, quale carico bisogna usare in allenamento?

In autunno ed inverno è bene aumentare i carichi di lavoro, grazie ai particolari protocolli di allenamento e all'alimentazione più ricca.

(Con una ricerca nel nostro sito, con la parola chiave protocollo troverete una vasta scelta)

Altro fattore importante è il riposo, di norma nelle stagioni fredde l'individuo dorme di più e meglio e questo favorisce il recupero muscolare e la crescita, di conseguenza si esce di meno ed il freddo favorisce il sonno e dormite più lunghe e rigeneratrici.

Proporzione nei carichi

C'è una proporzione nei carichi usati?

Esempi su constatazione empirica

Partiamo dal massimale di panca piana fissato a 100 kg, in linea di massima lo squat sarà di un 20% superiore e di norma il massimale sarà sui 120 kg, kg più o kg meno.

Lo stacco da terra invece è l'esercizio dove l'essere umano riesce a caricare di più, in quanto usa più muscoli all'unisono ed il carico massimale è del 40% superiore alla panca e quindi i carichi saranno sui 140 kg.

Con 100 kg di panca piana le croci con manubri saranno eeguite tranquillamente con 20 kg e si spingeranno anche manubri da 30/34 kg sulla panca inclinata a 30°.

Per quanto riguarda la pressa a 45° si usano pesi doppi rispetto allo squat, come minimo, 100 kg di squat sono 200 kg e oltre di pressa.

Trazioni e dip alle parallele?

Qui quello che conta è il peso corporeo ed il rapporto peso/potenza, ma nonostante il nostro peso, dobbiamo essere in grado di effettuare almeno 10 ripetizioni.


i bicipiti sono muscoli piccoli, comunque rapportandoli al massimale di 140 kg di stacco, il massimale al rematore con busto flesso sarà intorno ad un 50% (70 kg circa). Mentre il curl con bilanciere verrà rapportato a sua volta al 50% del peso utilizzato al rematore (35 kg circa) arrivando facilmente alle 10 ripetizioni.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Forza Muscolare: Elastici o Catene?
18 Marzo 2018

Forza Muscolare: Elastici o Catene?

Le curve di forza sono ulteriormente suddivise in curve di forza ascendente e curve di forza discendenti. Ogni esercizio si inserisce nella categoria ascendente o discendente. L'aggiunta di una resistenza supplementare mediante rubber band (bande elastiche) e/o catene, aggiunge una forma di resistenza variabile che aiuta a migliorare in alcune fasi degli esercizi effettuati.

I 3 tipi di Impugnatura del Bilanciere
01 Ottobre 2014

I 3 tipi di Impugnatura del Bilanciere

Con il termine impugnatura si intende la maniera con la quale il bilanciere viene preso e sostenuto nella mano. Non si da molta importanza a questo fattore, soprattutto nel mondo del fitness, dove magari c'è un uso esclusivo di macchine isotoniche e quindi questo fattore può essere irrilevante. Imparare a stringere ed usare correttamente il bilanciere può fare la differenza nel mondo della Forza e della buona esecuzione di determinati esercizi. Nella Forza tutto " Fa Brodo"!

Ultimi post pubblicati

Galletto al Limone con Paprika e Dragoncello
22 Settembre 2018

Galletto al Limone con Paprika e Dragoncello

La ricetta base è di origine romana, ma ogni regione ne ha una propria versione: la caratteristica di base, da cui deriva il nome “alla diavola”, è il colore rosso del pollo grazie alla consistente aggiunta di peperoncino, sia la paprica dolce che quello piccante.
Preparazione: 60 min.
Difficoltà: 5
N. porzioni: 4
DRAGON FLAG
22 Settembre 2018

DRAGON FLAG

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.