(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

L'importanza delle trazioni alla sbarra nell'allenamento della schiena

data di redazione: 03 Luglio 2014 - data modifica: 23 Luglio 2018
L'importanza delle trazioni alla sbarra nell'allenamento della schiena

TRAZIONI ALLA SBARRA

L'uomo sin dalla Preistoria si arrampicava sugli alberi per raccogliere frutta, semi, per scappare da un predatore, faceva tutto ciò per sopravvivere! Ogni giorno eseguiva centinaia e centinaia di trazioni e senza dubbio gli Uomini dell'Epoca avevano braccia e Dorsali da Dinosauri e una forza mostruosa. Perchè se così non fosse non sarebbero sopravvissuti alla vita quotidiana dell'Epoca. Ebbene questa dote primordiale di arrampicarsi, tirarsi su con la sola forza delle braccia, geneticamente è ancora dentro di noi, come i nostri cugini scimpanzè. Perchè allora non allenarci per il verso del Pelo? E praticare questo esercizio PREISTORICO?!?

Nel mondo del BodyBuilding non molti lo praticano, preferendogli le trazioni alla lat machine e rematori; per fortuna è tornato di moda grazie al Crossfit e all'allenamento calistenico. Noi lo definiamo un esercizio "IGNORANTE", nel senso che è tosto, duro, faticoso.

E' un must per lo sviluppo armonico della schiena. Inoltre avete mai sentito qualcuno dire: " Mi sono infortunato con la trazioni!"

Perchè è un esercizio anatomicamente idoneo alla nostra Genetica. Le trazioni essendo un esercizio tosto e duro vanno inserite come primo esercizio previo un riscaldamento alla Lat Machine o al TRX. Vi scaldate alla LAT, con 2, 3 serie blande con poco peso al Petto e passate alla SBARRA.

Qui vi aspettano 3 Serie di trazioni con presa larghezza spalle alla Rocky. Dopo aver preso dimestichezza con il movimento, macinando diverse ripetizioni, potrete aggiungere del carico nella cintura da sollevamento, anche se è sufficiente il peso corporeo.

In queste tre serie date tutto, ne scappano 8 poi 6 poi 4? Benissimo, va bene, la volta successiva aggiungete alla catena 1 o 2 kg e riprovate a farne ancora 8,6 e 4 con questo peso, facendo così si progredisce, i pesi aumentano e anche braccia e Dorso. I piccoli passi vi faranno fare i km.

Per incominciare va benissimo la EASY Station power, la macchina che aiuta nelle trazioni. Va benissimo. Per sviluppare le ali da pippistrello consiglio presa larga. Per il dorsale inserzione bassa e bicipite: trazioni a presa stretta ed inversa o trazioni alle corna con presa neutra.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Allenamento Per Esperti per La Massa Dei Dorsali
08 Maggio 2018

Allenamento Per Esperti per La Massa Dei Dorsali

Ho sempre ammirato lo sviluppo della Schiena di uomini come Dorian Yates, Robby Robinson e Lee Haney. Questi atleti erano famosi per lo sviluppo delle loro schiene che non erano soltanto larghe, ma anche muscolosamente grosse sia nell’area superiore che in quella inferiore , dotate quindi anche di spessore e dettagli.

Shotgun Row
23 Luglio 2018

Shotgun Row

Shotgun Row è una variante dell'esercizio rematore, da eseguirsi al cavo basso, effettuato in piedi con il busto leggermente inclinato.

Ultimi post pubblicati

Soufflè Proteici Al Cioccolato e Cocco
18 Febbraio 2019

Soufflè Proteici Al Cioccolato e Cocco

Volete terminare le vostre proteine al cioccolato realizzando una ricetta deliziosa? Vi consigliamo di provare il nostro soufflè proteico al cioccolato e cocco.
Preparazione: 20 min.
Difficoltà: 3
N. porzioni: 2
Budino Proteico Alla Vaniglia
18 Febbraio 2019

Budino Proteico Alla Vaniglia

Il budino con latte e uova è un dolce altamente proteico ideale per una colazione o merenda da sportivo. In questa ricetta vi proponiamo un modo per farsi a casa propria un budino proteico con le vostre proteine del siero del latte. 
Preparazione: 40 min.
Difficoltà: 3
N. porzioni: 2