Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Lat Pulley

data di redazione: 03 Luglio 2014 - data modifica: 23 Luglio 2018
Lat Pulley

Consigli tecnici su questo esercizio adibito allo spessore dorsale

Lat Pulley

Le Tirate al Pulley sono un esercizio che serve per dare spessore alla massa muscolare dei dorsali.

In sostanza si esegue stando seduti di fronte all'attrezzo, con la schiena piatta, effettuando la trazione dell'impugnatura verso la zona addominale, i gomiti resteranno paralleli per tutta l'esecuzione dell'esercizio, e risulteranno adiacenti al busto al termine della fase concentrica. 

In una fase più avanzata occorrerà cercare di limitare l'intervento dei muscoli bicipiti ed avambracci concentrandosi sui muscoli target dell’esercizio ovvero i dorsali. 

L'espirazione è da effettuarsi durante la fase concentrica, quando il cavo si avvicina al corpo, l'ispirazione avverrà durante il rilascio dell'impugnatura.

Alcuni eseguono le tirate al pulley con il busto eretto con la classica maniglia a V altri invece sfruttano l’effetto del cheating che in questo caso consiste nel darsi lo slancio con il busto per riuscire a tirare pesi maggiori. 

Qual è la versione migliore? 

Entrambi a patto che rispettiate alcuni fattori, se il pulley è il vostro esercizio di massa di base per i dorsali è bene che usiate i pesi più grossi che potete quindi il cheating è ammesso anzi è quasi obbligatorio, se invece il pulley è il vostro esercizio di rifinitura allora è bene usare una tecnica meno sporca concentrando meglio il movimento, quindi in questo caso usate la tecnica con il busto eretto.

Il Pulley stimola molti muscoli della regione posteriore del corpo ed in particolar modo il gran dorsale, con un accento marcato sulla parte interna, il trapezio nella sua porzione mediale, ed il romboide. 

Il pulley si può effettuare in diversi modi e maniere, ecco qualche esempio.

PULLEY CON MANIGLIA A V

  • Usando una maniglia a V di diverse manifatture più o meno larghe, usando come anzi detto una tecnica con cheating del corpo per usare pesi maggiori, a busto eretto per ricercare il dettaglio

PULLEY CON TRAZEY BAR

  • Impugnatura della sbarra parallela per dare enfasi al lavoro dei deltoidi posteriori , in  questo caso impugnate la sbarra tenendo i gomiti molto larghi .

PULLEY CON SBARRA DIRITTA

  • In questo caso la sbarra va impugnata in modo inverso e supino
  • Per avere un forte stimolo sia sui bicipiti che dei muscoli dorsali bassi, in questo modo i gomiti vanno molto indietro ed i dorsali vengono maggiormente isolati anche se si possono usare pesi minori.

PULLEY CON CORDA

Una variante che permette molta libertà di movimento e che quindi serve per modellare su di se l’esercizio.

PULLEY CON MANIGLIA SINGOLA

Esercizio molto raro che va effettuato esclusivamente con il busto eretto e pesi bassi per isolare al meglio i dorsali.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Bodybuilding: Perché Fare il Pullover?
14 Febbraio 2019

Bodybuilding: Perché Fare il Pullover?

Il lavoro come quello del pullover, che in sostanza è un movimento monoarticolare, almeno da un punto di vista cinetico, risulta davvero interessante come aggiunta in un allenamento per i muscoli del dorso in quanto permette un importante lavoro di questi ultimi senza il massiccio contributo dei Bicipiti brachiali, brachiali e brachioradiali

Trazioni alla sbarra - Come Riuscire ad Effettuare 50 Ripetizioni
23 Luglio 2018

Trazioni alla sbarra - Come Riuscire ad Effettuare 50 Ripetizioni

Come effettuare 50 ripetizioni di trazioni alla sbarra?

Ultimi post pubblicati

YMCA Bench Press Test
15 Luglio 2019

YMCA Bench Press Test

L'obiettivo dell'YMCA bench press test è di valutare la forza e la resistenza dei muscoli estensori del gomito e dei muscoli flessori ed adduttori della spalla.

Tricipite Brachiale
15 Luglio 2019

Tricipite Brachiale

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo tricipite brachiale è il principale mu­scolo estensore dell’avambraccio e, per mezzo del capo lungo, promuove una adduzione dell’omero. È formato da tre parti denominate capo lungo, capo laterale e capo mediale.