(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Allenamento e Dieta di Kai Greene

data di redazione: 30 Novembre 2014
Allenamento e Dieta di Kai Greene

Allenamento Bodybuilding di KAI GREENE e Dieta per la sua Massa Muscolare
Kai Greene è un bodybuilder professionista IFBB; è attualmente uno tra i migliori del bodybuilding. Egli è conosciuto come "The Bodybuilder Dancing" siccome è un ottimo intrattenitore. Kai Greene iniziò a costruire massa muscolare a casa propria, in quanto non era in grado di permettersi un allenatore in palestra. Dopo qualche tempo, ebbe modo di sapere che il suo maestro era il comproprietario di una palestra, dove iniziò a trasformare la sua passione in carriera. Kai vinse il suo primo titolo di bodybuilding all'età di 14 anni; al Mr. Olympia 2012 si classificò al 2° posto.

 

Dati fisici di kai Greene

 

  • Altezza: 1,73 m
  • Peso di Kai Greene:
  • Off Season peso: 135-144 kg (300-320 lb)
  • Peso in Gara: 115-120 kg (260-270 lb)

 

ALENAMENTO di KAI GREENE

 

La routine di allenamento di Kai Greene è molto straordinaria e difficile da credere. Il suo allenamento si concentra principalmente su specifiche aree del corpo per migliorare alcuni gruppi muscolari.

Prima di iniziare la sua sessione di allenamento, Kai dedica 30 minuti all'esercizio cardio per aumentare la resistenza e il flusso di sangue di cui ha bisogno per la sua sessione di allenamento.

 

ALLENAMENTO GIORNO 1: PETTO E POLPACCI

 

WORKOUT PETTORALI:

 

 

4 serie di Bench Press da 15-20 rep

4 serie di Dumbbell Fly  da 15-20 rep

4 serie di Press su Panca Declinata da 15-20 rep

 

WORKOUT POLPACCI:

 

 

4 serie di Calf Raise seduti da 10-15 rep

4 serie di Calf Raise in Piedi da 10-15 rep

4 serie di Donkey Calf Raise da 10-15 rep

 

ALLENAMENTO GIORNO 2: SPALLE E AVAMBRACCI

 

WORKOUT SPALLE:

 

 

4 serie di Arnold Press da 10-12 rep

4 serie di Military Press da 10-12 rep

4 serie di Alzate Laterali da 10-12 rep

4 serie di Alzate Frontali da 10-12 rep

3 serie di Shrug da 10-12 rep

 


WORKOUT AVAMBRACCI:

4 serie di Reverse Curl (In piedi) da 8-12 rep

4 serie di Hammer Curl da 10-12 rep

4 serie di Wrist curl da 10-12 rep

 

ALLENAMENTO GIORNO 3: SCHIENA

 

 

3 serie di pullover con bilanciere da 10-15 rep

4 serie di Lat pulldown da 10-15 rep

4 serie di Rematori da 10-15 rep

3 serie di Rematori al Cavo da seduti da10-15 rep

 

ALLENAMENTO GIORNO 4: GAMBE

 

WORKOUT QUADRICIPITI:

 

 

4 serie di Leg Curl Unilaterali in Piedi da 12-15 rep
4 serie di Lying Leg Curl da 15-20 rep

4 serie di Stacchi a Gambe Tese da 15-20 rep

3 serie di Affondi in Movimento da 40 metri

4 serie di Leg Extension da 20, 15, 12, 12 rep

4 serie di Squat da 20, 15, 12, 12 rep

4 serie di Leg Press da 15-20 rep

 

WORKOUT POLPACCI:

4 serie di Calf Raise Seduti da 10-15 rep

4 serie di Calf Raise in Piedi da 10-15 rep

4 serie di Donkey Calf Raise da 10-15 rep

 

ALLENAMENTO GIORNO 5: BRACCIA

 

WORKOUT AVAMBRACCI:

4 serie di Reverse Curl (In piedi) da 8-12 rep

4 serie di Hammer Curl da 10-12 rep

4 serie di Wrist curl da 10-12 rep

 


WORKOUT BICIPITI:

4 serie di Preacher Curl da 12 rep

4 serie di Curl Bicipiti da 10 rep

 

WORKOUT TRICIPITI:

3 serie di Kickback con Manubri daf 15-20 rep

3 serie di Estensione Tricipiti Dietro la Testa da 15-20 rep

3 serie di Pulldown Tricipiti da 15-20 rep

 

DIETA DI KAI GREEN

 

Dopo ogni allenamento, Kai assume un postworkout, questo perchè il corpo ha bisogno di guadagnare energia immediata, che, secondo il campione, può essere soddisfatta con uno shaker contenente 50 grammi di carboidrati e 25 grammi di proteine.

Ecco un esempio di Dieta per aumentare la massa muscolare che seguirebbe il campione in alcuni periodi:

 

PASTO 1

  • 12 albumi
  • ¼ di tazza di Cheddar Cheese Macinato
  • 2 scalogni
  • 2 fette di pane Ezechiele
  • 1 frutto come una mela

 

PASTO 2

  • 2 Misurini di Proteine in Polvere alla Vaniglia
  • 1 tazza di mirtilli
  • 30 grammi di Mandorle
  • 1 tazza di Latte di cocco/ Mandorla /Vaniglia

 

PASTO 3

  • 200 grammi di bistecca alla griglia
  • 1 pomodoro maturo
  • ½ cetriolo
  • 1 cucchiaino di olio d'oliva

 

PASTO 4

  • 200 grammi di petto di pollo disossato
  • ⅓ di Tazza di Quinoa
  • 2 noci
  • Mirtilli secchi

 

PASTO 5

  • 150 grammi di tonno, con 200 grammi di Baccalà
  • 2 cucchiai di parmigiano
  • 2 Patate dolci medie
  • 1 cucchiaio di Burro
  • 4 gambi di Asparagi
Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Schiena Larga e Spessa Da Vero Bodybuilder
22 Aprile 2018

Schiena Larga e Spessa Da Vero Bodybuilder

La schiena è uno dei gruppi muscolari più difficili da allenare ed il motivo principale è perché non vediamo i muscoli contrarsi durante l'arco di movimento degli esercizi. Molti atleti pensano di allenarsi come si deve, ma in realtà non tutti riescono ad ottenere il massimo dal proprio allenamento per la schiena.

Bodybuilding Natural Con il Metodo P.O.F.
03 Maggio 2018

Bodybuilding Natural Con il Metodo P.O.F.

Come Allenarsi In Maniera Naturale Nel Bodybuilding

I Bodybuilder natural dovrebbero stare attenti al volume di lavoro in palestra: allenarsi con oltre 20 serie per distretto muscolare, con 2 ore di allenamento a seduta, porterà molto probabilmente al sovrallenamento e frustrazione. E quindi come dovrebbero allenarsi gli atleti natural? Un buon metodo di allenamento per atleti natural è il P.O.F.

Ultimi post pubblicati

Speciale Allenamento Deltoidi
20 Ottobre 2018

Speciale Allenamento Deltoidi

4 Esempi di Allenamento per Sviluppare i Deltoidi

I deltoidi sono muscoli collocati all’interno dell'articolazione della spalla, i muscoli deltoidi si suddividono in anteriori, mediali e posteriori, infraspinato, sovraspinato, piccolo rotondo e grande rotondo, sottoscapolare.

Gran Dentato
19 Ottobre 2018

Gran Dentato

Origine, Inserzione ed Azione

Il muscolo Gran Dentato è incluso tra i muscoli del cingolo scapolo-omerale. Con la sua azione porta in rotazione esterna la scapola, un movimento importante per l’elevazione dell’omero sopra i 90°, permette inoltre di far aderire la scapola al torace e può come azione secondaria coadiuvare i movimenti delle coste utili all’inspirazione.