(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Come Effettuare Correttamente la Tecnica del Cheating

data di redazione: 26 Giugno 2016
Come Effettuare Correttamente la Tecnica del Cheating

IL CHEATING... Fino ad oggi è sempre stato detto che per eseguire un esercizio non bisogna mai aiutarsi con movimenti estranei del corpo.

Questa è una buona pratica per i neofiti e gli intermedi, dato che tendono ad aiutarsi in qualche modo per rendere il movimento più facile da eseguire.

Un atleta avanzato può invece usare appropriatamente il Principio Weider del Cheating per rendere addirittura PIÙ DIFFICILE un esercizio per il muscolo interessato.

Eseguito nel modo corretto, il Cheating rappresenta uno dei mezzi più elementari per superare il punto di affaticamento muscolare. E questo, senza l'aiuto di un partner di allenamento che ti assista durante l'esecuzione degli esercizi.... e non è poco!

Per dimostrare come effettuare correttamente la tecnica del Cheating, supponiamo che si stia eseguendo il curl di bicipiti con un bilancere da 50 kg. Utilizzando questo peso, si è in grado di completare 6 ripetizioni in forma rigorosamente ortodossa prima di fallire nell'eseguire un'ulteriore ripetizione.

L'impossibilità del compiere la settima ripetizione dipende dal fatto che i bicipiti sono così affaticati da non potere proseguire nel movimento, ma in ogni caso si riuscirebbe ad effettuare ancora qualche ripetizione con un carico di 45/40 kg. Si è quindi di fronte alla necessità di rendere temporaneamente il bilanciere più leggero di 5/10 kg. Uno dei sistemi per realizzare questo scopo consiste nell'utilizzare la tecnica Cheating.

Per completare il movimento dal punto in cui l'attrezzo sembra non riuscire più a muoversi con la sola forza delle braccia, ci si aiuterà con un movimento di sezioni muscolari estranee, cercando però di usare soltanto la quantità minima di spinta fornibile dai muscoli non direttamente coinvolti nell'esercizio. Bisogna comunque cercare di completare il movimento nel modo più corretto possibile. Finita la ripetizione, occorre abbassare il bilanciere in modo da potere usufruire in modo utile della fase negativa del movimento.

Si potrà trarre un ottimo profitto dall'esecuzione di 2 o 3 ripetizioni Cheating al termine di una normale serie. Effettuarne un numero maggiore è superfluo, dato che i muscoli si affaticano così rapidamente che risulta pressoché impossibile valutare quanto "aiuto" extra bisogna apportare per proseguire nell'esecuzione.


Il Cheating può collaborare ad aumentare la massa durante il ciclo off-season.


Si consiglia di eseguire almeno 5/6 ripetizioni corrette di una serie, prima di effettuarne altre 2/3 con tecnica Cheating.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Allenamento diviso in parte superiore ed inferiore del corpo
30 Settembre 2014

Allenamento diviso in parte superiore ed inferiore del corpo

A volte non si ha molto tempo per allenarsi quindi è inutile intestardirsi con workout lunghi e divisioni a spezzatino molto meglio dividere scheda corpo in due parti, alta e bassa

Schiena e Spalle a V alla Lee Haney
17 Gennaio 2017

Schiena e Spalle a V alla Lee Haney

Lee Haney è un ex culturista statunitense, detentore del record, a pari merito con Ronnie Coleman, del maggior numero di vittorie, otto dal 1984 al 1991, al IFBB Mr. Olympia. Il grande Lee Haney aveva un motto: "Stimolare, non distruggere".

Ultimi post pubblicati

Warrior Diet - Giornata Tipo
21 Febbraio 2019

Warrior Diet - Giornata Tipo

A differenza dei piani dietetici convenzionali, la WARRIOR DIET richiede di mangiare poco durante il giorno e di banchettare nelle ore serali, come del resto facevano i nostri antenati. Nell'antichità i guerrieri si allenavano a stomaco vuoto, mangiando molto meno durante il giorno, per poi mangiare a sazietà alla sera, dopo aver ucciso un animale o al termine di una battaglia.

Crema Catalana Proteica
20 Febbraio 2019

Crema Catalana Proteica

La crema catalana è un dolce al cucchiaio della tradizione spagnola, più precisamente della regione della Catalogna. Ha l’aspetto di una crema inglese con la superficie croccante, frutto della caramellizzazione dello zucchero che forma una vera e propria crosticina ambrata. Ha un sapore dolce aromatizzato al limone e solitamente si presenta in cocotte singole. Vediamo assieme come realizzarla in una versione fit super proteica.
Preparazione: 30 min.
Difficoltà: 5
N. porzioni: 2