(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Leg Extension e Quadricipiti: Analisi Scientifica dell'Attivazione Muscolare

data di redazione: 02 Maggio 2015 - data modifica: 01 Maggio 2015
Leg Extension e Quadricipiti: Analisi Scientifica dell'Attivazione Muscolare

E' facile ottenere uno sviluppo non equilibrato del quadricipite, questo può causare sia lesioni che anche il solo aspetto "strano" del muscolo quadricipite. In un recente studio del Journal of Strength and Conditioning Research, i ricercatori hanno esaminato i dati EMG (elettromiografia) per scoprire come essere in grado di affrontare questo problema.

Nello studio, i ricercatori hanno analizzato i dati EMG dei tre muscoli superficiali del quadricipite su una macchina Leg Extension:

 

  • Il retto femorale: Questo è il muscolo in alto, in pieno centro.
  • Le vasto mediale: Questo è la "goccia" al suo interno.
  • Il vasto laterale: Il vasto laterale è sulla parte esterna della parte anteriore della gamba.


I ricercatori hanno misurato i dati per ogni ripetizione di una serie di otto e per ogni terzo (basso, medio e alto) della gamma di movimento (ROM – range of motion). Hanno inoltre esaminato cosa accade quando si cambia angolo di convergenza. Hanno confrontato i dati girando la punta del piede sia in fuori che mantenendola in una posizione neutra.


Gamma di Movimento LEG EXTENSION

Tutti e tre i muscoli superficiali del quadricipite hanno risposto diversamente al ROM utilizzato.

  • Per il vasto laterale, l'attività è aumentata verso la metà e la fine del ROM (i primi due terzi del leg extension).
  • Per il vasto mediale, la stessa cosa, ma solo come serie progredita. Con otto rep, l'attività maggiore è stata osservata nella seconda metà del movimento.
  • Per il retto femorale, non c'era alcuna differenza nell'attivazione in qualsiasi parte del ROM.


Ripetizioni

  • I retto femorale ha costantemente mostrato un aumento dell'attività man mano che la serie di ripetizioni da 1 a 8 progrediva.
  • Il vasto mediale ha visto un calo dell'attività ad ogni ripetizione, ma come già detto, questo si è verificato solo nella parte inferiore del range di movimento.
  • Per il vasto laterale, non c'era molta differenza nell'insieme della progressione.


LEG EXTENSION e Posizione della Punta del Piede

 

Ogni muscolo ha risposto diversamente alle variazioni di posizione della punta del piede. Per il vasto laterale, con le punte del piede in posizione neutra, ha generalmente sovraperformato gli altri in tutto il corso delle ripetizioni, ma la posizione neutra è risultata leggermente migliore nella parte superiore del ROM. La posizione della punta non è sembrata influenzare il vasto mediale.

Il retto femorale ha beneficiato di più nella posizione dei piedi in fuori. E' stato maggiormente sollecitato in ogni parte del range di movimento quando le dita erano rivolte verso l'esterno. Ha senso che il retto femorale è più soggetto alla posizione della punta, dal momento che attraversa l'articolazione dell'anca e viene teso o rilassato a secondo delle variazioni di rotazione.

Applicazioni

Clinicamente, questi risultati sono di uso importante per fisioterapisti e medici che possono prescrivere diverse manovre per selezionare preferenzialmente uno dei capi del muscolo quadricipite. Le differenze di forza di ogni capo può causare ulteriore stress a lungo termine. Uno squilibrio muscolare può anche causare alla patella (rotula) uno spostamento del posizionamento naturale.

Inoltre, poiché è stato misurato anche l'angolo della gamba durante il movimento, questo ha permesso ai ricercatori di studiare il livello di forza degli arti. La maggior parte del livello di forza si è verificato nella terza parte finale della gamma completa di movimento durante la fase concentrica, nella parte alta del leg extension. Per questo motivo, i ricercatori hanno raccomandato di lasciar stare la parte superiore del movimento durante una fase di guarigione post traumatica. 

Per scopi non clinici, queste informazioni potrebbero essere utilizzate per indirizzare preferenzialmente i muscoli allo sviluppo della forza e dell'ipertrofia. Probabilmente, alcuni vecchi miti del bodybuilding di bersagliare “la goccia” - vasto interno, non sono del tutto accurati, in quanto ci sono alcuni modi di reclutamento maggiormente efficaci.

 

Riferimenti:
Oseph Signorile, et. al., “Range of Motion and Leg Rotation Affect Electromyography Activation Levels of the Superficial Quadriceps Muscles During Leg Extension,” Journal of Strength and Conditioning Research 2014, 28:9

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Dorsali e Tricipiti con 5  Esercizi
01 Ottobre 2014

Dorsali e Tricipiti con 5 Esercizi

Come allenare questi i muscoli in modo efficace

Come avete notato è una scheda di ipertrofia funzionale dove il primo esercizio è globale e gli altri interessano dorsali e tricipiti con il coinvolgimento anche di altri muscoli. Abbiamo alternato spinta e trazione in quanto in questo modo riuscirete a spingere al massimo in ogni esercizio. Poco duro ed efficace

Il sollevamento Pesi Può Trasformare Il Grasso In Muscolo?
16 Novembre 2017

Il sollevamento Pesi Può Trasformare Il Grasso In Muscolo?

La conversione diretta, tecnica e letterale, del grasso in muscolo. Il grasso è composto da trigliceridi, che sono molecole a forma di E maiuscola comprendente una spina dorsale e tre catene di acidi grassi. Queste catene sono costituite quasi esclusivamente da carbonio, idrogeno e ossigeno.

Ultimi post pubblicati

TWIST ROLLER PER ESTENSORI AVAMBRACCI
12 Dicembre 2018

TWIST ROLLER PER ESTENSORI AVAMBRACCI

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.

Infortunio ai Muscoli Ischiocrurali
10 Dicembre 2018

Infortunio ai Muscoli Ischiocrurali

Il migliore metodo per evitare un doloroso infortunio ai flessori della coscia è la prevenzione. Spesso accade che gli atleti, quando sono in forma, tendono a strafare e spesso e volentieri sono gli eccessivi carichi di lavoro a produrre questo genere di infortunio.