Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Circuito Spacca-Gambe a Corpo Libero

data di redazione: 10 Agosto 2016
Circuito Spacca-Gambe a Corpo Libero

Allenamento per le Gambe a Corpo Libero ideale per Sport da Combattimento

In sport da combattimento come la Thai boxe, la Muay Thai o il Taekwon-do, per citarne alcune tra le più conosciute, le gambe hanno un ruolo fondamentale. Gli atleti di questa tipologia di sport, che prevedono anche agonismo, hanno proprio la necessità di costruire gambe forti e robuste, pur conservando l'agilità e la resistenza necessaria per affrontare competizioni lunghe ed estenuanti.

Un allenamento come quello che vi stiamo per proporre è validissimo perchè conferisce all'atleta potenza, agilità e resistenza e potete eseguirlo in qualsiasi luogo e in qualsiasi momento, poi perchè è completamente a corpo libero, e non sempre chi pratica sport da combattimento ha a disposizione l'attrezzatura necessaria.

Il circuito spaccagambe di ABC Allenamento è in sostanza un gruppo specifico di esercizi dedicato alle gambe, da eseguire consecutivamente, ogni esercizio di cui è composto per un dato numero di ripetizioni. I principali muscoli interessati da questo circuito sono:

  • i quadricipiti
  • posteriori delle cosce
  • glutei
  • polpacci

Non è un circuito da prendere alla leggera, in quanto è molto impegnativo a livello muscolare, è bene perciò usare una progressione intelligente aumentando gradualmente l'intensità di ciascun allenamento per fare in modo di migliorare continuamente, in modo progressivo, eliminando così il pericolo di farsi male.

SPLIT SQUAT JUMP ALTERNATO

  • divaricate le gambe e fate un passo in avanti come se state facendo un affondo
  • tenete le braccia di fianco al corpo o in alternativa allacciate le dita fra loro dietro la testa con i gomiti aperti
  • fate un salto e mentre siete in sospensione cambiate la posizione delle gambe (con un movimento a forbice)
  • atterrate in modo leggero sugli avampiedi e ripetete
  • In questo esercizio il ginocchio dietro non deve toccare il pavimento; il vostro obiettivo deve essere quello di sviluppare forza e velocità, quindi non è necessario abbassarsi troppo

AFFONDO INVERSO ALTERNATO

  • Questo esercizio mira al rinforzo delle singole gambe e migliora l'equilibrio nell'atleta.
  • fate un passo indietro con la gamba destra (posizione di partenza)
  • in questo modo permetterete ad entrambe le ginocchia di piegarsi mentre vi abbassate, e questo finché il ginocchio dietro toccherà il pavimento
  • utilizzando i muscoli della gamba anteriore spingetevi verso l'alto tornando alla posizione di partenza
  • ripetete con l'altra gamba
  • Durante l'esercizio (durante l'affondo) se inclinate il busto leggermente in avanti, ma senza incurvare la schiena, farete in modo che i glutei siano maggiormente coinvolti. Durante ogni affondo cercate di distribuire la maggior parte del peso del corpo sulla gamba davanti.

SQUAT CON SOLLEVAMENTO

  • distanziate i piedi alla larghezza delle vostre spalle
  • ruotate le punte dei piedi leggermente verso l'esterno
  • intrecciate le dita delle mani dietro la testa con i gomiti in fuori
  • abbassatevi piegandovi sulle ginocchia finché le cosce raggiungono la parallela al pavimento
  • a questo punto risollevatevi completamente sulla punta dei piedi con un leggero saltello
  • ripetere tutto il movimento
  • Cercate di muovervi velocemente (una ripetizione circa al secondo) durante tutto l'esercizio, sia durante la fase eccentrica che concentrica. Questo esercizio migliorerà l'agilità dell'atleta, specie il salto verticale, grazie alla combinazione di lavoro fra gambe e polpacci.

PROTOCOLLO

Se siete già abbastanza allenati provate ad eseguire questo circuito senza tempi di recupero fra le serie:

  1. 20 rip di Split Squat Jump alternati (10 rip x gamba)
  2. 20 rip di affondi inversi alternati (10 rip x gamba)
  3. 20 rip di Squat con sollevamento sulle punte (in velocità)

Ripetete il circuito 2-3 volte con due minuti di recupero tra una Tri-Serie e l'altra. Se siete già abbastanza allenati da affrontarlo con facilità potete eseguirlo con i manubri da 2 Kg o una palla medica.

Potrebbe interessarvi anche:

CORPO LIBERO & MACCHINE

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Come imparare in Sicurezza lo Stacco da Terra a Gambe Tese
10 Febbraio 2019

Come imparare in Sicurezza lo Stacco da Terra a Gambe Tese

Esercizio fantastico per i bicipiti femorali e lombari che va eseguito in maniera corretta per evitare spiacevoli infortuni. Nel metodo di allenamento P.O.F. gli stacchi a gambe tese sono considerati come un esercizio di stretching forzato per i bicipiti femorali da eseguirsi dopo esercizi base come squat e pressa e prima degli esercizi di concentrazione come il leg curl.

Allenamento per le Gambe: Tutto sugli Affondi
23 Luglio 2018

Allenamento per le Gambe: Tutto sugli Affondi

Esercizi Affondi a corpo libero, con manubri e bilanciere.

Come eseguire gli affondi per rendere nuovo e divertente il vostro allenamento delle gambe.

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.