Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

L'allenamento dei Polpacci di Arnold Schwarzenegger

data di redazione: 05 Aprile 2014 - data modifica: 02 Settembre 2018
L'allenamento dei Polpacci di Arnold Schwarzenegger

L'allenamento dei Polpacci di Arnold Schwarzenegger

Anche arnold aveva i suoi punti deboli? Certo

I polpacci ad esempio non crescevano? Si diete per vinto?

Quando Arnold arrivò negli Stati Uniti, Joe Weider diede un'occhiata al neo-campione europeo e, come racconta Arnold, "Mi fece capire chiaramente che il mio futuro nel body-building dipendeva soprattutto dallo sviluppo di tibiali e polpacci".

Arnold ammette infatti che fino a quel giorno il ruolo dei polpacci nelle sue routine era stato pressoché nullo. "I polpacci erano il mio punto debole".

I muscoli del polpaccio crescono lentamente perché, come gli avambracci sono costituiti da fibre molto dense. Reg Park mi ha spiegato che un uomo di 90 kg sottopone i propri polpacci ad uno stress di 120-180 kg ogni volta che fa un passo.

Per questo, un bodybuilder del mio peso, deve usare almeno 350-450 kg negli esercizi per i polpacci, se vuole che crescano davvero. Fino ad allora avevo usato al massimo 220 kg per i calf raise in piedi. Una volta passato ai pesi elevati, i polpacci hanno cominciato a crescere.

Ho inoltre iniziato ad allenarmi con dei pantaloni della felpa che avevo tagliato appositamente per esporre i miei polpacci all'altrui scherno. 

Sapevo che se avessi mostrato le mie parti migliori, come petto, braccia o deltoidi. avrei ricevuto soprattutto complimenti, dimenticandomi così ben presto dei miei orribili polpacci. 

Ho invece continuato ad indossare i calzoni-gogna in modo da non avere scelta: allenare i polpacci tutti i giorni o subire per sempre i commenti degli altri" (principio della priorità).

Le routine per me più efficaci iniziavano con i donkey raise, che eseguivo con due assistenti seduti sulla mia schiena, e poi continuavano con le alzate delle punte alla macchina.

Arnold allungava al massimo i polpacci nella fase inferiore, poi si sollevava il più possibile, mantenendo la posizione per circa 4 secondi prima di tornare in basso (principio della contrazione di picco). 

Ogni esercizio per sei set da 10-15 ripetizioni.

Nella routine Arnold tanto in tanto Arnold includeva i calf raise da seduto, per evidenziare la forma a rombo dei polpacci. 

Una volta arrivato al cedimento, passava ad uno stile non-stop, in cui cercava ad ogni ripetizione di sollevare le ginocchia un pò più in alto. 

L'ultimo esercizio, le alzate delle punte alla macchina per il leg press, veniva eseguito come la variante alla macchina per il raise da seduto.

La Quercia terminava il workout per i polpacci con uno stretching completo. "Trovo un blocco di legno, il più alto possibile, ed afferrandomi ad una sbarra lascio che i talloni scendano fino quasi a toccare il pavimento. A questo punto invece di tornare su, resto in posizione per circa un minuto".

Non datevi mai per vinti, insistere con determinazione.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

7 tipi di Squat per allenare le Cosce
02 Settembre 2018

7 tipi di Squat per allenare le Cosce

Se avete una routine per le gambe molto essenziale, composta da pochi esercizi, ebbene dovete basare la medesima sullo squat tradizionale , perchè allena tutta la coscia. L'importante è che andiate giù oltre il parallelo. Schiena sempre inarcata, piedi con le punte leggermente divaricate, presa al bilanciere larga e peso Gestibile.

Massa Muscolare Nei Quadricipiti
02 Settembre 2018

Massa Muscolare Nei Quadricipiti

Per aumentare la massa nei quadricipiti, se non avete problemi con la zona lombare, dovete inchinarvi al re degli esercizi, lo squat. Per squat intendiamo l'accosciata con bilanciere dietro il collo, possibilmente collocato in mezzo ai trapezi detti anche il cuscino per lo squat.

Ultimi post pubblicati

YMCA Bench Press Test
15 Luglio 2019

YMCA Bench Press Test

L'obiettivo dell'YMCA bench press test è di valutare la forza e la resistenza dei muscoli estensori del gomito e dei muscoli flessori ed adduttori della spalla.

Tricipite Brachiale
15 Luglio 2019

Tricipite Brachiale

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo tricipite brachiale è il principale mu­scolo estensore dell’avambraccio e, per mezzo del capo lungo, promuove una adduzione dell’omero. È formato da tre parti denominate capo lungo, capo laterale e capo mediale.