ABC Allenamento
(0)
Carrello (00)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Leg Extension ad Alta Intensità

data di redazione: 24 Marzo 2017 - data modifica: 23 Luglio 2018
Leg Extension ad Alta Intensità

Se siete atleti a cui piace davvero soffrire in allenamento, sentire sfibrare il muscolo, lottare contro se stessi e contro la voglia di mollare, allora questo breve articolo fa per voi.

Voglio soffermarmi però su un esercizio molto utilizzato per l’allenamento delle gambe, ovvero la LEG EXTENSION.


Si ok, lo squat è il re degli esercizi, lavora tutta la muscolatura della parte inferiore. Siamo tutti d’accordo, roba trita e ritrita ma sappiamo benissimo anche che la leg extension è presente nel 90% delle schede di allenamento e che si tratta di un macchinario validissimo per migliorare volume, forza e definizione dei nostri quadricipiti.

Abbandonate quindi i classici 3x10 fatti controvoglia e mettete alla prova i quadricipiti CON UNA SOLA SERIE LUNGA che vi farà tremare le gambe.

Il mio consiglio, per fare in modo di rendere tutto l’allenamento delle gambe maggiormente intenso e produttivo, è quello di inserire questo esercizio alla leg extension come prima tappa della scheda. Ovviamente dopo aver fatto un buon riscaldamento partiamo a cannone.

Utilizzeremo recuperi bassi e, per macinare un numero elevato di ripetizioni, andremo, QUANDO ASSOLUTAMENTE NECESSARIO, a scalare LEGGERMENTE il carico.
Partiamo.

LEG EXTENSION

  • 10 ripetizione a cedimentro
  • RECUPERO 30’’
  • Macinare il maggior numero di ripetizioni possibili e di nuovo 30’’ di pausa
  • Questo fino al raggiungimento delle 50 ripetizioni
  • RECUPERO 45’’
  • Maggior numero di ripetizioni possibili, ancora recupero/i da 45’’, fino al raggiungimento delle 75 ripetizioni totali
  • RECUPERO 60’’
  • Fino al raggiungimento delle 100 ripetizioni totali


Vi posso assicurare che con questa semplice metodologia vi tremeranno le gambe.
VOLETE RENDERE IL TUTTO ANCORA PIU’ DIFFICILE?
Allora ecco qualche accorgimento in più da seguire:

- Durante le pause non staccare le gambe dalla macchina;
- Inserite un picco di contrazione di 1 o 2 secondi ad ogni ripetizione;
- Una volta completate le 100 ripetizioni totali, restate in posizione e cercate di sollevarvi più volte con le cosce (questo renderà il tutto maledettamente più intenso).

Eccovi serviti ragazzi. Provate la leg extension in questo modo e ricordate di inserirla ad inizio allenamento.
Questo per due semplici motivi:

  • Ad inizio del workout avrete più energie da sfruttare;
  • Avrete un maggior pompaggio muscolare con una maggiore circolazione nei quadricipiti da sfruttare poi in tutto l’allenamento.

Ultimo consiglio: non mantenete questa tecnica a lungo nelle vostre schede di allenamento. Inseritela in un mesociclo e poi cambiate. Se vorrete potrete riprenderla più avanti ovviamente.


Spero di esservi stato di aiuto e di aver contribuito a darvi qualche nuova idea per ottimizzare l’utilizzo della leg extension.
Buon allenamento!



Potrebbe interessarti anche

Massa Cosce Senza Lo Squat
13 Ottobre 2020

Massa Cosce Senza Lo Squat

Lo squat con bilanciere è il migliore esercizio per allenare le cosce e non solo; è scientificamente provato che eseguire tale esercizio permette di sviluppare altri distretti muscolari in quanto è un esercizio fortemente "anabolico".

Come imparare in Sicurezza lo Stacco da Terra a Gambe Tese
10 Febbraio 2019

Come imparare in Sicurezza lo Stacco da Terra a Gambe Tese

Esercizio fantastico per i bicipiti femorali e lombari che va eseguito in maniera corretta per evitare spiacevoli infortuni. Nel metodo di allenamento P.O.F. gli stacchi a gambe tese sono considerati come un esercizio di stretching forzato per i bicipiti femorali da eseguirsi dopo esercizi base come squat e pressa e prima degli esercizi di concentrazione come il leg curl.

Ultimi post pubblicati

BodyBuilding a Circuito Per Perdere Grasso e Conservare La Massa Muscolare
21 Aprile 2021

BodyBuilding a Circuito Per Perdere Grasso e Conservare La Massa Muscolare

Come Perdere peso in grasso, senza perdere muscoli

Non ci sono dubbi che l’esercizio, in particolare quello orientato all’allenamento della forza, possa contribuire al mantenimento della massa muscolare durante la riduzione del peso. Per perdere grasso bisogna mettersi a dieta, i provvedimenti dietetici devono dare particolare attenzione all’assunzione delle proteine

Scheda in Monofrequenza con Richiami Muscolari
08 Aprile 2021

Scheda in Monofrequenza con Richiami Muscolari

Scheda di Allenamento Old School anni 80

La monofrequenza “pura” non esiste, perché la fisiologia del nostro corpo va in una direzione completamente diversa. Chi pensa d’allenare un muscolo una volta a settimana in monofrequenza, in realtà non sa che sta facendo un allenamento pesante, più diversi richiami, perché nessun muscolo può mai lavorare in modo totalmente isolato. Fatta questa premessa entriamo nel nocciolo dell'articolo.