(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Massa Quadricipiti Pressa a 45°

data di redazione: 04 Gennaio 2014 - data modifica: 23 Luglio 2018
Massa Quadricipiti Pressa a 45°

L'Esercizio migliore per sostituire lo SQUAT per la massa dei quadricipiti

Massa Quadricipiti Pressa a 45°
 
Lo Squat con bilanciere è il migliore esercizio che esista per lo sviluppo delle gambe e non solo , infatti ci sono proverbi nel mondo del body building del tipo " Vuoi braccia grosse? aumenta i carichi nello squat" , questo è un paradosso che testimonia l'importanza di questo esercizio per quanto riguarda lo sviluppo muscolare di tutto il corpo e non solo dei quadricipiti. Lo Squat provoca un vero terremoto ormonale che provoca uno stimolo pazzesco degli ormoni anabolici ed è questo il motivo principale per collocare Questo movimento nel piano alto del podio degli esercizi di body building
 
C'è un particolare da non sottovalutare , lo squat diventa importante, se però viene eseguito in modo corretto, quindi se l'esecuzione dell'atleta, non è da manuale, con accosciate belle profonde, ed i risultati in termini di crescita muscolare sono deprimenti, forse sarà meglio cambiare registro e valutare altri movimenti altrettanto validi . Non credete ??
 
Lo Squat per essere efficace deve essere profondo, in stile Tom Platz per intenderci , eseguire movimenti parziali , dove non si arriva nemmeno al parallelo , a cosa servono ? a poco !
 
Molti ragazzi hanno particolari fisici che non permettono una corretta esecuzione dello squat come : anche rigide , caviglie bloccate , la zona lombare poco flessibile come una battilarda , il collo rigido e hanno magari un principio di ernia , in questo caso perché torturarsi con un esercizio per il quale non si é predisposti e nel quale non vi sono miglioramenti oggettivi ? Per arrivare a Roma partendo da Milano avete molte alternative per scegliere l'itinerario ed è così anche per sviluppare la massa nei quadricipiti .
 
LA MIGLIORE ALTERNATIVA PER LO SQUAT è LA PRESSA A 45°. 

PRESSA A 45°

 
La posizione di partenza vede l'atleta seduto nella macchina, con le ginocchia flesse ed i piedi sull'apposita pedana, in modo che: la schiena sia nella sua posizione di forza a contatto con lo schienale, la parte posteriore dei glutei sia a contatto con lo schienale e la parte inferiore dei glutei sia a contatto con il sedile.  I piedi sono posti ad una distanza pari o superiore a quella tra le spalle ed il grado di apertura varia in funzione del passo, tra i 10° (passo larghezza spalle) e i 45° (passo molto più largo delle spalle), ma con margini di modifica in base alle caratteristiche individuali. 
 
Avvicinando i piedi al margine superiore della pedana, si riduce il grado di allungamento del quadricipite e si aumenta quello di semimembranoso, semitendinoso e capo lungo del bicipite femorale, favorendo il coinvolgimento di questo gruppo muscolare nell'estensione dell'anca in fase concentrica.
 
Viceversa accade quando si avvicinano i piedi al margine inferiore della pedana. In ogni caso è sempre sconsigliabile abbassare i piedi a tal punto da trovarsi con le ginocchia oltre le punte dei piedi al termine o durante la fase eccentrica.  Un altro consiglio è quello che vede il "passo" più o meno largo . Se allargate molto le gambe nella pedana lavoreranno maggiormente i muscoli adduttori , invece se chiudete il "passo" lavorerà in modo maggiore il muscolo a goccia "vasto mediale". 
 
Non è un reato mantenere le mani sulle ginocchia durante l'esecuzione della pressa , è una sicurezza in più ed in caso non riusciste ad effettuare l'ultima ripetizione prevista, le mani saranno il vostro "spotter"! perchè privarsene ? E' un ottimo e valido esercizio di base per la massa dei quadricipiti , adduttori e femorali e si possono usare pesi molto alti , di norma si eseguono carichi che equivalgono al doppio dei carichi usati nello squat . Ad esempio se siete in grado di eseguire 100 kg per 10 ripetizioni nello squat , nella pressa eseguirete 200 kg per 10 ripetizioni . Però se quei 100 kg nello squat equivalgono a 5 centimetri di movimento , meglio che passiate alla pressa!
 
L'unico difetto della pressa è che i glutei lavorano poco e quindi le donne che desiderano glutei degni di una Miss Fitness devono integrare  la pressa con esercizi tipo affondi o jump squat o box squat . Anche i maschi che ambiscono ad un lavoro muscolare completo devono integrare la pressa con leg extension e leg curl per completare il lavoro sui quadricipiti e femorali e poi affondi e jump squat per il lavoro sui glutei .
 
LA PRESSA ORIZZONTALE E' VALIDA?
Per quanto riguarda la pressa orizzontale , non la riteniamo un attrezzo con la A maiuscola , è un attrezzo utile per la riabilitazione ma poco utile per lo sviluppo muscolare , optate sempre e comunque per la versione a 45°
Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Come Utilizzare la Pressa Orizzontale per Incrementare la Massa Muscolare
13 Novembre 2017

Come Utilizzare la Pressa Orizzontale per Incrementare la Massa Muscolare

La pressa orizzontale vi permetterà di effettuare protocolli ad alta intensità in tutta sicurezza, cosa che è alquanto difficile effettuarla con lo squat, stacco e anche pressa a 45°.

Polpacci - Lista Degli Esercizi Migliori
02 Settembre 2018

Polpacci - Lista Degli Esercizi Migliori

È costituito da tre ventri: ventre mediale o gemello mediale, la cui origine è immediatamente al di sopra del condilo mediale del femore, posteriormente; ventre laterale o gemello laterale, che origina immediatamente al di sopra del condilo laterale del femore, posteriormente; ventre anteriore 

Ultimi post pubblicati

WHOODCHOPPER CON 1 MANUBRIO
15 Ottobre 2018

WHOODCHOPPER CON 1 MANUBRIO

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.

SIDE BEND CON 1 MANUBRIO
15 Ottobre 2018

SIDE BEND CON 1 MANUBRIO

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.