Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Squat in Rest Pause

data di redazione: 11 Ottobre 2014 - data modifica: 09 Giugno 2017
Squat in Rest Pause

Ottimo per le gambe e non solo

Uno degli esercizi più importanti nella panoramica degli esercizi di body building e pesistica in genere è sicuramente lo squat, quest’ultimo è infatti considerato come il re tra gli esercizi esistenti per le gambe, ma definirlo esercizio esclusivo per le gambe è riduttivo in quanto è un vero e proprio esercizio globale.

Quali muscoli vengono allenati con lo squat?

Lo squat allena tutti i muscoli delle gambe

  • quelli della parte anteriore
  • quelli della parte posteriore

nella parte anteriore si trova il quadricipite che è formato da

  1. vasto mediale
  2. vasto intermedio
  3. vasto laterale
  4. retto del femore

mentre nella parte posteriore abbiamo:

  1. bicipite femorale
  2. glutei ( i muscoli più potenti del corpo umano)

Cosa accade a livello ormonale effettuando lo squat?

Studi scientifici dimostrano che un lavoro di alta intensità nella parte inferiore del corpo, induce ad un innalzamento dei principali ormoni preposti all’aumento della ipertrofia , della forza e dell’attivazione lipolitica. Lo Squat è il vero anabolizzante naturale.

Lo Squat è un stimolatore naturale di testosterone ed ormone gh

Si è visto che eseguirlo con serie lunghe da 20 ripetizioni con tecniche di alta intensità come il rest- pause lo rendono un esercizio super anabolico.

Avete notato che il giorno dopo si ha un aumento della libido? con irrefrenabile voglia di “donna”?

Questo significa che i livelli di testosterone si sono alzati e non di poco.

Come si esegue lo Squat in rest pause

Per poter eseguire questo esercizio c’è bisogno dell’assistenza di uno spotter fidato e senza ombra di dubbio la sicurezza dell’attrezzo power rack non deve mancare.

  1. Mettete sul bilanciere un peso che vi permette di fare al massimo 10 ripetizioni
  2. posizionate il bilanciere sui trapezi e appena pronti iniziate a scatenare la vostra potenza
  3. appena siete arrivati a compiere 10 colpi fermatevi con il bilanciere sui trapezi e le gambe in isometria
  4. respirate profondamente e lentamente in quanto il peso che vi comprime sulla gabbia toracica non vi permette una buona espansione
  5. dopo di che andate avanti
  6. vi potranno venire altre 2 o 3 ripetizioni, come una soltanto
  7. potete fermarvi tutte le volte che volete
  8. il vostro obbiettivo è arrivare a 20 ripetizioni

Note conclusive

Appena eseguite le 20 ripetizioni sarete cosi pieni di acido lattico da farvi scoppiare. Questo esercizio va eseguito con un carico pari a 70%-75%del vostro massimale per aver un'unità di misura certa.

Fate due serie, intervallate da 3 minuti tra di loro, nella seconda serie scalate dal bilanciere un buon 10-20% del carico perchè se nella prima eravate al limite, la seconda sarà un inferno.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Squat da 20 Ripetizioni è Un Anabolizzante Naturale?
15 Ottobre 2017

Squat da 20 Ripetizioni è Un Anabolizzante Naturale?

Lo Squat a 20 ripetizioni è uno degli esercizi più efficaci, svolti con un metodo particolare, per elevare gli ormoni testosterone e GH

I Benefici Apportati dalla Leg Extension
23 Luglio 2018

I Benefici Apportati dalla Leg Extension

L'estensione della gamba è un esercizio di isolamento che ha come obiettivo lo stimolo muscolare dei quadricipiti, che sono i muscoli nella parte anteriore della coscia.

Ultimi post pubblicati

Shawn Rhoden Squalificato a Vita
23 Luglio 2019

Shawn Rhoden Squalificato a Vita

Il 2019 non ha portato fortuna a Shawn Rhoden, infatti il campione in carica,  non potrà più gareggiare sul palco del mr Olympia per il resto della sua vita. Dopo l’accusa di stupro, l'azienda che organizza l'evento del mr Olympia ha deciso di squalificare a vita il vincitore del mr Olympia 2018.

PRONATORE ROTONDO
18 Luglio 2019

PRONATORE ROTONDO

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo pronatore rotondo fa parte dei muscoli del primo strato della regione anteriore dell'avambraccio ove è anche il più laterale.