(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Il Miglior Esercizio Per La Zona Centrale Dei Pettorali

data di redazione: 29 Marzo 2018 - data modifica: 30 Marzo 2018
Il Miglior Esercizio Per La Zona Centrale Dei Pettorali

Plate Press - Esercizio con Piastra per La Zona Centrale Dei Pettorali

Allenate i pettorali esclusivamente con distensioni su panca piana con bilanciere e croci con manubri? Sicuramente avrete sviluppato pettorali degni di nota, ma se volete portarli ad un livello superiore, in termini di completezza muscolare, dovete aggiungere qualche esercizio tattico nella vostra routine di allenamento.

Uno dei distretti muscolari più difficili da raggiungere per chi si allena in palestra con i pesi è sicuramente la parte alta ed interna dei pettorali. 

Uno sviluppo non adeguato di questa parte determina un aspetto incompleto dei pettorali. Di norma la parte bassa dei pettorali è quella che si sviluppa più facilmente in quanto ricca di fibre bianche di potenza stimolate con la panca e le croci.

La parte alta ed interna, invece, spesso viene trascurata, o a volte risente in maniera negativa della particolare conformazione fisica di chi si allena. 

Le spalle portano via spesso e volentieri il carico dalla parte alta dei pettorali mentre la si allena. 

Eppure un pettorale sviluppato in maniera completa, soprattutto nella parte alta ed interna, è tutta un'altra cosa, conferisce un aspetto completamente diverso a tutta l'area.

Provate ad inserire al termine del vostro allenamento un esercizio finalizzatore denominato PLATE BENCH PRESS. 

PLATE BENCH PRESS

  • Prendete una piastra da 5,10, 15 o 20 kg
  • Stringetela con i palmi delle vostre mani, contraendo i pettorali per tenere ferma la piastra in una sorta di isometria pettorale
  • Sdraiatevi sopra ad una panca piana, appoggiando i piedi saldamente a terra
  • A questo punto con movimento lento e controllato distendete la piastra avanti al vostro petto
  • Ritornate in maniera lenta e controllata

VARIANTI DELL'ESERCIZIO

  • Per stimolare maggiormente la parte alta del petto consigliamo di inclinare la panca di 30°- 45° in modo da spostare lo stimolo verso il petto alto ed interno.

CONSIGLI PER L'ALLENAMENTO

Consigliamo di effettuare tale esercizio al termine della vostra routine per i pettorali e quindi dopo distensioni su panca con bilanciere, parallele, croci. Per i principianti sono sufficienti 3-4 serie da 15 ripetizioni con 60 secondi di recupero. Per gli avanzati consigliamo invece un protocollo a tempo e cioè 8 serie da 20 secondi cadauna con 10"-15" di recupero per un pump mostruoso.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

P come Pettorali - 2° Parte
02 Dicembre 2017

P come Pettorali - 2° Parte

Incremento della Parte Superiore del Petto - Consigli tecnici e Riflessioni - 2° parte

Questo articolo è il secondo Capitolo di P come Pettorali, dove si evince dal titolo, che l'argomento clou sono appunto i muscoli pettorali. In questo secondo capitolo parleremo di pettorali alti. Quelli che sentono che le distensioni su panca piana non stimolano molto il proprio petto, spesso le sostituiscono con le distensioni su panca inclinata.

Il Petto Perfetto, Obiettivo Possibile?
25 Novembre 2016

Il Petto Perfetto, Obiettivo Possibile?

Bisogna tenere conto che la struttura dei nostri muscoli è immutabile, non possiamo perciò cambiare certi aspetti come per esempio allungare un ventre muscolare o la forma dei tasselli nell'addome.

Ultimi post pubblicati

TWIST ROLLER PER ESTENSORI AVAMBRACCI
12 Dicembre 2018

TWIST ROLLER PER ESTENSORI AVAMBRACCI

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.

Infortunio ai Muscoli Ischiocrurali
10 Dicembre 2018

Infortunio ai Muscoli Ischiocrurali

Il migliore metodo per evitare un doloroso infortunio ai flessori della coscia è la prevenzione. Spesso accade che gli atleti, quando sono in forma, tendono a strafare e spesso e volentieri sono gli eccessivi carichi di lavoro a produrre questo genere di infortunio.