(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Pompaggio Pettorale Estremo

data di redazione: 18 Settembre 2017
Pompaggio Pettorale Estremo

Scheda di Allenamento per i Pettorali in puro Pump

Avete qualche anno di allenamento alle spalle e volete provare un allenamento per i pettorali, diciamo "estremo"? La scelta del carico ideale nei vari esercizi, utile per garantire il massimo sviluppo della massa muscolare è da sempre oggetto di discussione.  C'è chi sostiene che è meglio esaurire i muscoli con un elevato numero di ripetizioni e chi sostiene sia meglio concentrare gli stimoli in poche serie ad elevata intensità.

In pratica vi sono 2 partiti: coloro che prediligono esercizi di sostanza con protocolli di forza, altri invece che prediligono schede più complesse ad alto voliume con carichi minori eseguiti con un numero maggiore di ripetizioni. Diciamo che nel bodybuilding il carico è un mezzo per incrementare la massa muscolare e non un fine, ma come in tutte le cose la verità sta sempre nel mezzo.

In questo articolo di breve lettura, vi daremo una nostra interpretazione per allenare i pettorali con un pompaggio estremo, tenendo conto sia della componente di forza, sia della componente di pump.

Consigli per l'allenamento dei pettorali




Iniziate la vostra seduta di allenamento con un esercizio base di distensione, con un protocollo di forza. Non esagerate con il numero di serie, cercate di impiegarci al massimo 15 minuti, riscaldamento compreso. Per tale scopo, potrebbe andare bene il sistema piramidale classico per 4 serie, previo riscaldamento.

Dopo aver effettuato il compito della giornata, che vi servirà a mantenere la forza entro certi standard qualitativi ed altresì stimolare le fibre bianche di potenza, passate alla fase di pompaggio, alquanto spettacolare e divertente.

Per tale obiettivo vi consigliamo di provare le serie giganti come ad esempio:

  • DIP alle Parallele 5-15 reps
  • Croci ai cavi 5-15 reps
  • Distensioni su Panca inclinata con manubri 5-15 reps
  • Pullover con piastra 5-15 reps
  • Piegamenti sulle braccia con maniglie oppure agli anelli 5-15 reps

Effettuate 3-4 serie giganti a seconda del vostro livello, recuperando al termine 2-3 minuti. Se siete alquanto esperti e volete portare i pettorali ad un nuovo cedimento muscolare, al termine del protocollo in serie giganti, potete inserire un paio di trisere alle macchine isotoniche come ad esempio:

  • Chest Press 5-15 reps
  • Pullover Machine 5-15 reps
  • Pectoral Machine 5-15 reps

Questo tipo di allenamento durerà poco più di un'ora ed avrete allenato i pettorali sotto ogni punto di vista e da ogni angolazione. E' un tipo di allenamento per gente esperta, già muscolosa, che ricerca nell'allenamento una migliore qualità muscolare.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

3 Opzioni di Allenamento per Scolpire i vostri pettorali
01 Ottobre 2014

3 Opzioni di Allenamento per Scolpire i vostri pettorali

3 tipi di allenamento pettorali con Esercizio base e serie speciali

Allenare i pettorali con l'obiettivo di definirli . Prova una delle 3 opzioni proposte nell'articolo e scolpisci una volta per tutte i tuoi pettorali

Pettorali Enormi con la Smith Machine
20 Dicembre 2015

Pettorali Enormi con la Smith Machine

La Smith Machine in Italia meglio conosciuta con il termine multypower è una delle attrezzature più discusse nel mondo delle palestre di bodybuilding...

Ultimi post pubblicati

HAMMER CURL IN PIEDI CON MANUBRI ALTERNATO
16 Gennaio 2019

HAMMER CURL IN PIEDI CON MANUBRI ALTERNATO

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.

Ashwagandha: benefici, dosaggio ed effetti collaterali
16 Gennaio 2019

Ashwagandha: benefici, dosaggio ed effetti collaterali

Gli effetti anabolizzanti dell'Ashwagandha: Il cortisolo è un ormone steroideo che il corpo rilascia in momenti di stress fisico e / o emotivo. La sua funzione è quella di aiutare a mobilitare i depositi di energia nel tessuto muscolare. In altre parole, il cortisolo è un ormone catabolico.