Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Rematore a T

data di redazione: 08 Novembre 2018 - data modifica: 24 Novembre 2018
Rematore a T

Rematore a T

Vuoi costruire una schiena enorme come quella di Arnold? Il rematore a T era un punto fermo nel suo repertorio di esercizi e dovrebbe esserlo anche per te. Arnold lo eseguiva a piedi nudi con un numero medio alto di ripetizioni.

La gamma di movimento che usava era completa, l'angolo in cui teneva il suo corpo era perfetto, i carichi utilizzati erano abnormi come del resto lo sviluppo della sua schiena.

Non è considerato un movimento fondamentale come la panca, lo stacco da terra o lo squat, ma, per noi, è sicuramente un esercizio base da inserire nelle vostre routine di allenamento soprattutto se avete difficoltà nell'eseguire in maniera corretta il rematore a busto flesso con bilanciere.

Se volete una schiena spessa dovrete inserire questo straordinario esercizio nella vostra routine di allenamento, anche se si sta estinguendo nelle palestre commerciali. Se non avete la postazione apposita, mettete un bilanciere olimpionico in un angolo della sala pesi e dall'altra parte inserirete le piastre. Come maniglia, consigliamo la barra del pulley a triangolo da inserire sotto il bilanciere.

Consigliamo di eseguire il Rematore a T, dopo un esercizio di trazione come i pullup e di effettuare almeno 3 serie da 8 ripetizioni con il 75% del vostro massimale sull'esercizio. 

Se avete a disposizione l'apposita macchina, avrete la possibilità di eseguirlo al meglio, in quanto le pedane per appoggiare i piedi sono fatte in maniera tale da avere poi una postura del corpo perfetta durante l'esecuzione dell'esercizio. Se la macchina in questione è dotata di un pacco pesi, potrete eseguire tecniche speciali come il protocollo stripping.

Nella nostra GUIDA DEGLI ESERCIZI potrete conoscere la tecnica di esecuzione. Il rematore a T vi garantirà oltre allo sviluppo dello spessore della schiena, anche uno sviluppo dei bicipiti ed avambracci.

Arnold Schwarzenegger in azione con il Rematore a T

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Il Migliore Allenamento per la Schiena con i 3 Migliori Esercizi
20 Marzo 2019

Il Migliore Allenamento per la Schiena con i 3 Migliori Esercizi

La schiena può essere fatta a pezzi con esercizi di body building per i dorsali eseguiti alla lat machine, pulley, cavi e macchine varie  ma se manca quella massa muscolare densa, non si avranno mai quelle forme granitiche che si desiderano esibire in gara o al mare.

Quando la Schiena Non Cresce
20 Settembre 2018

Quando la Schiena Non Cresce

C'è chi ha difficoltà a scolpire gli addominali, chi non riesce a far crescere il petto o le gambe e chi invece incontra maggiori difficoltà nel costruire una schiena larga e spessa, proporzionata al resto del fisico. Il problema, quando non si vedono risultati soddisfacenti, per quello che riguarda la crescita della schiena, potrebbe dipendere dagli esercizi, dai carichi, dal genere di allenamento adottato.

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.