(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Allenamento Deltoidi e Superallenamento

data di redazione: 21 Aprile 2014 - data modifica: 14 Febbraio 2019
Allenamento Deltoidi e Superallenamento

Delt's overtraining

Allenamento Deltoidi e superallenamento.

  • Il capo laterale del deltoide è un muscolo piuttosto piccolo, perfino più piccolo dei bicipiti. 
  • Si trova però in un punto così importante che spesso viene bombardato da una quantità di allenamento disordinato nella ricerca disperata dell’ampiezza e rotondità maggiori delle spalle.

Nel caso di un gruppo muscolare piccolo come il capo laterale del deltoide , questo lavoro aggiuntivo solitamente significa stagnazione o addirittura perdita della massa muscolare; semplicemente il muscolo non riesce a recuperare e a crescere, così resta in uno stato costante di rincorsa e spesso si disgrega invece di crescere. 

Per prevenire la comparsa di questo stato di superallenamento si deve rendere l’allenamento per i deltoidi efficiente e preciso, efficiente nel senso che dovrebbe utilizzare la quantità minima di allenamento necessaria a stimolare la crescita muscolare e preciso nel senso che dovrebbe colpire principalmente il capo laterale che è il più importante. 

E gli altri due capi del deltoide? 

Sebbene sia vero che il deltoide è formato da tre capi laterale, anteriore e posteriore è anche vero che i capi anteriore e posteriore ricevono un lavoro talmente intenso da altri esercizi che non hanno bisogno di uno stimolo diretto . 

Nelle Distensioni su panca piana con bilanciere, macchina o manubri oltre ai pettorali e tricipiti lavorano moltissimo anche i muscoli deltoidi anteriori, come anche nel curl con bilanciere per i bicipiti e altresì come negli esercizi di rematore dove lavorano tantissimo i muscoli deltoidi posteriori. 

Bisogna ricordarsi che nessun muscolo è un’isola, con la loro stretta interrelazione, i tre capi del deltoide sono un po’ dipendenti l’uno dall’altro, quando un capo lavora, lavorano tutti in una certa misura o percentuale, come ad esempio nelle alzate laterali con manubri adibite ai deltoidi laterali, lavorano anche i deltoidi anteriori e posteriori in maniera minima, ma lavorano. 

Però un discorso a parte va fatto per i deltoidi laterali, nel senso che questa piccola area muscolare deve essere colpita in maniera precisa e selettiva in quanto non riceve stimolo sufficiente da altri esercizi, quindi se dovete sacrificare qualche esercizio per i deltoidi, per non incorrere nel sovrallenamento, evitate pure le alzate frontali e qualche esercizio per i posteriori, ma non levate mai le alzate laterali con manubri o al cavo le quali sono il migliore esercizio di isolamento per i deltoidi. 

L’allenamento per i deltoidi dovrebbe essere composto da un esercizio in posizione intermedia, da un esercizio in posizione allungata e da un esercizio in posizione contratta, scegliendo un esercizio per ognuna di queste tre posizioni, si allena il muscolo senza sprechi e senza doppioni che potrebbero portare a troppa disgregazione di massa muscolare. 

  • Esercizio in posizione intermedia : distensioni sopra la testa avanti o indietro

  • Esercizio in posizione allungata : sollevamenti laterali , in piedi , seduti , sdraiati con manubri , cavi o macchine

  • Esercizio in posizione contratta : come ad esempio le tirate al mento con bilanciere

Il numero di serie e ripetizioni dipende dall’anzianità di allenamento, dall’obiettivo della scheda di allenamento, dal tipo di fisico e con quale altri gruppi muscolari si allenano i muscoli deltoidi, un buon allenamento standard per i deltoidi potrebbe essere questo: 

  1. Distensioni bilanciere dietro la nuca 3-4 serie x 8-12 ripetizioni

  2. Alzate laterali su panca inclinata con un braccio 2-3 serie x 8-12 ripetizioni

  3. Tirate al mento con presa larga 2-3 serie x 8-12 ripetizioni

Se siete neofiti basteranno 2 serie per ogni esercizio, invece se siete esperti saranno necessarie le 10 serie globali dell’allenamento, molto dipende dal vostro attuale stato di forma ovviamente. 

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

L'Allenamento delle Spalle di ​Shawn Rhoden
16 Settembre 2018

L'Allenamento delle Spalle di ​Shawn Rhoden

Come Allena le Spalle il Grande ​Shawn Rhoden

​Shawn Rhoden è uno degli atleti più simmetrici e con un fisico classico che possiamo vedere sui palchi di gare pro ifbb. Infatti Shawn Rhoden, non ha un fisico immenso in stile freak, super massoso, ma bensì armonico, tirato e simmetrico.

Consigli e trucchi per allenare le Spalle
01 Ottobre 2014

Consigli e trucchi per allenare le Spalle

Esiste un esercizio che isola perfettamente i deltoidi ? I deltoidi vengono allenati con varie distensioni : -lento avanti con bilanciere , multypower -lento dietro con bilanciere -shoulder press -distensioni con manubri panca 85° -military press in piedi -girata + distensione in piedi in questi esercizi lavorano certamente i deltoidi , ma anche tantissimo i trapezi ed i tricipiti! molte perso...

Ultimi post pubblicati

DIFESA PERSONALE - COME TIRARE UNA GOMITATA EFFICACE
17 Febbraio 2019

DIFESA PERSONALE - COME TIRARE UNA GOMITATA EFFICACE

Consigli sugli errori da non fare e gli accorgimenti da adottare

Le gomitate sono un tema scottante per la difesa personale, e se vuoi dei consigli per tirarla in modo efficace trovi un video esplicativo in coda all’articolo.

Warrior Diet - La Dieta Del Guerriero
17 Febbraio 2019

Warrior Diet - La Dieta Del Guerriero

Il digiuno, la riduzione o l'astinenza dal consumo di cibo, è una pratica alimentare che è stata usata fin dall'antichità per vari scopi: religiosi, sanitari e fisici finalizzati a migliori performance in combattimento. La Warrior Diet o dieta del guerriero (avente similitudini con la Paleo Diet) nasce a seguito di uno studio delle abitudini alimentari dei guerrieri dell'antica Roma, e in generale degli uomini dell'età della pietra.