Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Allenamento Deltoidi e Superallenamento

data di redazione: 21 Aprile 2014 - data modifica: 14 Febbraio 2019
Allenamento Deltoidi e Superallenamento

Delt's overtraining

Allenamento Deltoidi e superallenamento.

  • Il capo laterale del deltoide è un muscolo piuttosto piccolo, perfino più piccolo dei bicipiti. 
  • Si trova però in un punto così importante che spesso viene bombardato da una quantità di allenamento disordinato nella ricerca disperata dell’ampiezza e rotondità maggiori delle spalle.

Nel caso di un gruppo muscolare piccolo come il capo laterale del deltoide , questo lavoro aggiuntivo solitamente significa stagnazione o addirittura perdita della massa muscolare; semplicemente il muscolo non riesce a recuperare e a crescere, così resta in uno stato costante di rincorsa e spesso si disgrega invece di crescere. 

Per prevenire la comparsa di questo stato di superallenamento si deve rendere l’allenamento per i deltoidi efficiente e preciso, efficiente nel senso che dovrebbe utilizzare la quantità minima di allenamento necessaria a stimolare la crescita muscolare e preciso nel senso che dovrebbe colpire principalmente il capo laterale che è il più importante. 

E gli altri due capi del deltoide? 

Sebbene sia vero che il deltoide è formato da tre capi laterale, anteriore e posteriore è anche vero che i capi anteriore e posteriore ricevono un lavoro talmente intenso da altri esercizi che non hanno bisogno di uno stimolo diretto . 

Nelle Distensioni su panca piana con bilanciere, macchina o manubri oltre ai pettorali e tricipiti lavorano moltissimo anche i muscoli deltoidi anteriori, come anche nel curl con bilanciere per i bicipiti e altresì come negli esercizi di rematore dove lavorano tantissimo i muscoli deltoidi posteriori. 

Bisogna ricordarsi che nessun muscolo è un’isola, con la loro stretta interrelazione, i tre capi del deltoide sono un po’ dipendenti l’uno dall’altro, quando un capo lavora, lavorano tutti in una certa misura o percentuale, come ad esempio nelle alzate laterali con manubri adibite ai deltoidi laterali, lavorano anche i deltoidi anteriori e posteriori in maniera minima, ma lavorano. 

Però un discorso a parte va fatto per i deltoidi laterali, nel senso che questa piccola area muscolare deve essere colpita in maniera precisa e selettiva in quanto non riceve stimolo sufficiente da altri esercizi, quindi se dovete sacrificare qualche esercizio per i deltoidi, per non incorrere nel sovrallenamento, evitate pure le alzate frontali e qualche esercizio per i posteriori, ma non levate mai le alzate laterali con manubri o al cavo le quali sono il migliore esercizio di isolamento per i deltoidi. 

L’allenamento per i deltoidi dovrebbe essere composto da un esercizio in posizione intermedia, da un esercizio in posizione allungata e da un esercizio in posizione contratta, scegliendo un esercizio per ognuna di queste tre posizioni, si allena il muscolo senza sprechi e senza doppioni che potrebbero portare a troppa disgregazione di massa muscolare. 

  • Esercizio in posizione intermedia : distensioni sopra la testa avanti o indietro

  • Esercizio in posizione allungata : sollevamenti laterali , in piedi , seduti , sdraiati con manubri , cavi o macchine

  • Esercizio in posizione contratta : come ad esempio le tirate al mento con bilanciere

Il numero di serie e ripetizioni dipende dall’anzianità di allenamento, dall’obiettivo della scheda di allenamento, dal tipo di fisico e con quale altri gruppi muscolari si allenano i muscoli deltoidi, un buon allenamento standard per i deltoidi potrebbe essere questo: 

  1. Distensioni bilanciere dietro la nuca 3-4 serie x 8-12 ripetizioni

  2. Alzate laterali su panca inclinata con un braccio 2-3 serie x 8-12 ripetizioni

  3. Tirate al mento con presa larga 2-3 serie x 8-12 ripetizioni

Se siete neofiti basteranno 2 serie per ogni esercizio, invece se siete esperti saranno necessarie le 10 serie globali dell’allenamento, molto dipende dal vostro attuale stato di forma ovviamente. 

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Deltoidi - 2 Esercizi di Isolamento Insoliti
19 Ottobre 2015

Deltoidi - 2 Esercizi di Isolamento Insoliti

Aumenta la Massa Muscolare dei Tuoi Deltoidi con questi esercizi

Accoppiate con una vita stretta, spalle ben costruite sono determinanti per ottenere un V-Shape “spaziale”. Per quanto riguarda l’allenamento delle spalle, eseguire solo distensioni con pesi pesanti non basta, bisogna aggiungere esercizi che colpiscano i deltoidi in isolamento come un mirino al laser.

Alzate Laterali Con Manubri Da Seduti Multidirezionali
22 Gennaio 2018

Alzate Laterali Con Manubri Da Seduti Multidirezionali

Un allenamento efficace delle spalle deve avere angolazioni e protocolli differenti per stimolare al 100% i deltoidi. L'esercizio per le spalle a sei direzioni, che presenteremo in questo articolo, è un esempio di movimento che allena tutti e tre i piani: sagittale, frontale, trasversale in ogni singola ripetizione.

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.