Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Deltoidi: Cosa c'è da Sapere

data di redazione: 17 Febbraio 2020
Deltoidi: Cosa c'è da Sapere

Deltoidi: Cosa c'è da Sapere

Un distretto muscolare molto importante per un aspetto complessivamente massiccio sono sicuramente i deltoidi, ma purtroppo non tutti gli atleti li riescono a sviluppare al massimo. 

Molti si arrendono dando la colpa alla genetica. Questo in parte è sicuramente vero soprattutto per i deltoidi: 

  • un soggetto A con una buona distanza acromiale mostra apparentemente uno sviluppo dei deltoidi migliore rispetto a quello di un soggetto B con spalle strette; 
  • e il soggetto B non può pretendere di sviluppare diversi centimetri di deltoide per arrivare ad avere le spalle larghe come quelle di A.

La condizione genetica di avere le spalle strette va accettata tanto quanto quella di essere più o meno alti, ma questo non deve impedire la possibilità di allenare proficuamente i deltoidi nel migliore modo possibile. 

Anatomia dei deltoidi

I deltoidi sono costituiti da tre capi: frontale, laterale e posteriore che si originano rispettivamente dalla clavicola, dall'acromion della scapola e dalla spina ancora della scapola. Tutti e tre i capi convergono in unico tendine che si inserisce sull'omero.

La funzione dei tre capi frontale, laterale e posteriore è quella di spostare rispettivamente il braccio in avanti, lateralmente e dietro, ma non da soli: in ognuno di questi movimenti i capi dei deltoidi sono sempre assistiti da altri muscoli. 

  • Non è possibile isolare l'azione del solo deltoide poiché esso lavora sempre in sinergia con il pettorale, il trapezio, il dorsale e il grande rotondo 
  • Non è possibile isolare l'azione di uno dei tre capi del deltoide poiché essi confluiscono in un unico tendine sull'omero. 
  • In fisica un tipo di leva come quella della spalla è detta svantaggiosa in quanto la potenza (muscolo deltoide) è posta vicina al fulcro (articolazione) e lontana dalla resistenza (braccio con eventuale peso). 
  • Ecco un altro motivo per cui il deltoide non lavora da solo ma è sempre assistito.

Alzate Laterali per lo sviluppo dei deltoidi, approfondiamo l'argomento. 

Abbiamo visto che è impossibile isolare il deltoide e ancora più impossibile è isolarne addirittura un solo capo, per cui nelle alzate laterali interverrà sempre tutto il deltoide e il trapezio e variabilmente con l'inclinazione del busto durante l'esercizio anche il pettorale, il dorsale e il grande rotondo.

Chi ha le spalle "a bottiglione" ovvero strette e cadenti vengono consigliate le alzate laterali invece del lento avanti o delle portate al mento, perché si sostiene che sviluppando solo il deltoide non si incrementerà lo sviluppo del trapezio che acuisce la forma a bottiglione. Il trapezio è sicuramente il muscolo che lavora sempre in sinergia con i deltoidi.

L'impatto complessivo di questo esercizio è abbastanza alto a livello articolare a causa del fulcro della leva; l'accorgimento di piegare le braccia ad L per evitare sovraccarichi articolari su gomiti e polsi e sollevare più peso, appare sensato in quanto diminuendo la lunghezza della leva diminuisce sicuramente lo stress sui polsi e i gomiti e aumenta il carico sollevabile, ma non altera il meccanismo di intervento degli altri muscoli "assistenti" ed il sovraccarico sull'articolazione scapolo-omerale. Credo a questo punto, risulti abbastanza evidente l'impossibilità di isolare il deltoide o addirittura svilupparne il capo laterale. 

L'esercizio fondamentale per sviluppare i deltoidi rimane il lento avanti o military press o shoulders press nelle varianti seduti, in piedi con bilanciere o con manubri.

  • Se analizziamo il military press vediamo che il bilanciere dalle clavicole (posizione di partenza) viene sollevato sopra la testa fino alla completa distensione delle braccia (posizione di arrivo). 
  • Durante la traiettoria intervengono i deltoidi, i pettorali, il trapezio, il grande rotondo ed i tricipiti. 
  • Ma i deltoidi lavorano in maniera concentrica solo fino a quando le braccia sono parallele al suolo e perpendicolari al busto, oppure il bilanciere è circa all'altezza degli occhi.
  • Oltre questa posizione i deltoidi rimangono contratti isometricamente e la distensione viene svolta in maniera concentrica solo dal trapezio e dai tricipiti. 
  • Pertanto per ogni ripetizione di military press avremo mezzo movimento concentrico che produce ipertrofia sul deltoide e mezzo movimento isometrico che non produce ipertrofia sul deltoide. 
  • Sarà pertanto sufficiente eseguire l'esercizio sollevando il bilanciere fino circa all'altezza degli occhi. 
  • Eseguendo tale variante parziale del military press, si noterà poi una cosa importante: nonostante il movimento sia dimezzato il carico sollevato sarà minore.
  • Questo perché il military press è un esercizio composito. 
  • La sinergia della maggior parte dei muscoli della parte superiore del corpo consente di sollevare carichi notevoli, che verranno però sostenuti dai muscoli più potenti (trapezi, pettorali, romboide, gran dentato, tricipiti) che "copriranno" l'anello debole (i deltoidi). 
  • Ma se limitiamo l'escursione degli altri muscoli, i deltoidi si troveranno, non soli poiché è impossibile, ma poco assistiti e quindi più sovraccaricati, oltre che continuamente sotto tensione.

Se andate a vedere i vecchi video di Lou Ferrigno in Pumping Iron noterete che il grande campione eseguiva i military press con movimento parziale. 

Detto questo allenatevi con gli esercizi base ed allenatevi con noi con ABC ALLENAMENTO FIT 

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Allenamento spalle ed il Lento con bilanciere
01 Ottobre 2014

Allenamento spalle ed il Lento con bilanciere

LENTO DIETRO BILANCIERE   Il lento dietro con bilanciere è forse l'esercizio più popolare per lo sviluppo delle spalle. I muscoli bersaglio colpiti da questo esercizio sono : i tre capi dei deltoidi , trapezi e tricipiti . L'esercizio si esegue su apposita panca da lento dietro dove lo schienale è posto a 90° con il sellino di seduta , la seduta è regolabile in...

Esercizio per Spalle Più Forti per Fighter Deboli
31 Luglio 2016

Esercizio per Spalle Più Forti per Fighter Deboli

​Vi vogliamo proporre un'ottimo esercizio, specie per la categoria dei lottatori, che necessitano di forza e potenza nella parte superiore del corpo. Stiamo parlando delle alzate frontali su panca inclinata col bilanciere.

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.