(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Esercizi di Body Building efficaci per allenare i deltoidi

data di redazione: 14 Maggio 2014 - data modifica: 02 Ottobre 2014
Esercizi di Body Building efficaci per allenare i deltoidi

Allenamento spalle efficace

ALLENAMENTO DELTOIDI

 

I deltoidi sono formati da tre capi: frontale, laterale e posteriore che si originano rispettivamente dalla clavicola, dall'acromion della scapola e dalla spina ancora della scapola. Tutti e tre i capi convergono in un unico tendine che si inserisce sull'omero.

 

La funzione dei tre capi frontale, laterale e posteriore é quella di spostare il braccio in tutte le direzioni, ma sempre assistiti da altri muscoli. Per questo motivo i muscoli deltoidi non sono facilmente isolabili in quanto lavorano sempre in sinergia con pettorali , dorsalie muscoli delle braccia bicipiti e tricipiti inoltre in fisica un tipo di leva come quella della spalla é detta svantaggiosa in quanto la potenza (muscolo deltoide) é posta vicina al fulcro (articolazione) e lontana dalla resistenza (braccio con eventuale peso).

 

Per i motivi sopra esposti è chiaro che eseguire un allenamento per i deltoidi con carichi pesanti non è la cosa migliore in quanto una grande percentuale del lavoro sarà svolto da altri muscoli , come ad esempio pettoralie trapezi e non dai i deltoidi .

 

Un fattore importante per avere spalle larghe è la larghezza delle clavicole , se queste sono strette di natura , con una genetica svantaggiosa, il risultato finale non sarà mai lo stesso di una persona che ha le clavicole larghe .

 

Non bisogna demoralizzarsi , mettete sempre dedizione e passione in quello che fate in quanto dobbiamo trarre sempre il massimo dal nostro potenziale e Sappiate che tutti i fisici hanno le loro problematiche .

 

L’allenamento dei deltoidi deve , a nostro avviso , rispettare alcuni linee guida :

  1. essere eseguito con carichi medio leggeri

  2. eseguire molte ripetizioni

  3. eseguire movimenti lenti

  4. eseguire movimenti precisi con tecnica perfetta

  5. mantenere i tempi di recupero al minimo

  6. dividere le spalle in due grandi aree : Deltoidi laterali – anteriori e Deltoidi posteriori

  7. allenare i deltoidi laterali anteriori dopo i muscoli pettorali

  8. allenare i deltoidi posteriori dopo i muscoli dorsali e trapezi

Quando allenate i muscoli pettorali vengono sollecitati in modo secondario anche i muscoli deltoidi anteriori e laterali , soprattutto durante l’esecuzione della panca piana e panca inclinata sia con bilanciere , macchine o manubri, quindi collocare la seduta per i muscoli deltoidi dopo la seduta pettorale è consigliabile e ottimale , basteranno pochi esercizi per terminare il lavoro .

 

Probabilmente saranno sufficienti un esercizio di distensione e un paio di alzate per completare il vostro allenamento , avete a disposizione un vasto campo di esercizi per allenare i deltoidi , potete usare il bilanciere , manubri e macchine , variate il vostro allenamento e cercate esercizi a voi congeniali.

 

Le macchine isotoniche possono aiutare molto , in quanto i movimenti guidati permettono di isolare meglio i deltoidi , se l’obiettivo primario è aumentare la massa muscolare ovviamente.

 

Quindi, soprattutto per chi è alle prime armi, l’uso di macchine isotoniche facilita molto l’allenamento , la Shoulder Press con movimento circolare sopra la testa che simula le distensioni con manubri è ottima , ma anche la Delt’s Press dove vengono simulate le alzate laterali . Il discorso fatto per i deltoidi laterali e anteriori vale anche per i deltoidi posteriori i quali vengono sollecitati tantissimo durante l’esecuzione di esercizi per i dorsali quali i rematori in varie maniere. Collocare questa area dopo l’allenamento dei dorsali è la cosa migliore in modo tale da avere un recupero muscolare ottimale senza troppe ripetizioni o sovrapposizioni durante la settimana.

 

Un buon esercizio per i deltoidi posteriori sono le alzate a 90° con manubri , cavi o la macchina specifica Rowing Torso .Nel primo caso è utile appoggiare il busto o in una panca inclinata oppure in un sedile di un calf seduto per permettere di concentrarsi meglio sul movimento .

 
Il movimento di questi esercizi è simile e deve simulare il volo di un’aquila , cercando di eseguire movimenti ampi . L’errore comune è quello di usare grossi carichi portando le braccia non avanti al capo ma leggermente indietro , in questo caso lavorano poco i deltoidi posteriori , ma molto e male i dorsali .

 
La macchina Rowing Torso è la macchina isotonica per l’allenamento dei deltoidi posteriori dove si agisce con i gomiti su appositi rulli , se è presente nella vostra palestra usatela perché è ottima per isolare questa piccola area muscolare.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Alzate Laterali ai Cavi da Supino
13 Settembre 2017

Alzate Laterali ai Cavi da Supino

Un gruppo muscolare molto importante per un aspetto complessivamente massiccio sono certamente i deltoidi, non certo facili da sviluppare.

Come Allena le  Spalle Jay Cutler
14 Febbraio 2016

Come Allena le Spalle Jay Cutler

Alzata monolaterale dietro la schiena alla Cutler

L'esercizio si esegue abducendo le braccia contro la resistenza offerta dai cavi. Impugnando la manopola inferiore sinistra con la mano destra (o viceversa) e abducendo il braccio

Ultimi post pubblicati

Intercostali Esterni ed Interni
22 Ottobre 2018

Intercostali Esterni ed Interni

Origine, Inserzione ed Azione

I muscoli intercostali occupano gli spazi intercostali; sono 11 per lato e si distinguono in esterni, medi ed interni. Sono innervati dai nervi intercostali dal 1° all’11° e, contraendosi, elevano ed abbassano le coste; sono, pertanto, muscoli inspiratori ed espiratori.

La Dieta Dello Yogurt - Programma Settimanale
22 Ottobre 2018

La Dieta Dello Yogurt - Programma Settimanale

Lo yogurt è un alimento perfetto per perdere peso; consumato quotidianamente infatti, è utile sia per sgonfiarsi che per depurarsi, ripristinando quei processi intestinali molto spesso alterati da un tipo di alimentazione ricca di grassi o comunque eccessiva.