Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Alzate Frontali con Bilanciere Proni su Panca Inclinata

data di redazione: 11 Aprile 2015
Alzate Frontali con Bilanciere Proni su Panca Inclinata

Un esercizio per isolare ulteriormente i deltoidi anteriori

Esericio: Alzate Frontali con Bilanciere Proni su Panca Inclinata - Questo esercizio è una variante delle alzate frontali in piedi.

Isolare ulteriormente un muscolo che già viene allenato con un esercizio d'isolamento, è l'obiettivo che si pone di realizzare questo movimento.

Con questa particolare versione, il già duro sollevamento frontale con bilanciere diventa ancora più duro. Siccome non è possibile inclinarsi indietro o usare slancio, tutta l'enfasi è posta sul capo anteriore dei deltoidi oltre che sulla parte bassa del trapezio che solitamente è difficile da stimolare.

 

Come iniziare: come posizione iniziale, afferrate il bilanciere ez con una presa prona e distendetevi proni su una panca inclinata a 45°. Mettetevi a cavalcioni del sedile e tenete i piedi completamente appoggiati sul pavimento. Se è più comodo, appoggiate le ginocchia sul sedile con i piedi uniti.

 

Premete il petto contro la panca, con il mento sopra l'estremità alta della panca. Nella posizione iniziale consentite alle braccia di distendersi verso il pavimento.

 

Il movimento dovrà iniziare tenendo le braccia dritte, sollevando il bilanciere davanti a voi più in alto possibile o fino a che le braccia sono appena sopra la parallela al pavimento. Trattenete per un secondo, poi abbassate lentamente alla posizione iniziale e ripetere.

 

Per inserirle nel vostro programma, dopo le distensioni sopra la testa, includete un movimento monoarticolare per ciascuno dei tre capi dei deltoidi per tre serie da 12 ripetizioni circa.

 

Alcuni consigli
Evitate di guardare in alto, probabilmente uno degli errori più comuni commessi durante questo movimento è guardare in alto quando si solleva il peso, cosa che può sforzare il collo. Per evitare ciò, tenete la testa in posizione neutra – scegliete un punto qualche metro davanti a voi e fissate lo sguardo su di esso durante tutta la serie.

 

Un'altra cosa importante è quella di tenere i gomiti completamente stesi e cercare di non oscillare.

 

Se cominciate a piegare i gomiti, quello che è un movimento fenomenale per il capo anteriore dei deltoidi, diventa velocemente un curl inverso per i bicipiti e avambracci. Se non riuscite a sollevare il bilanciere, usate un carico più leggero invece di oscillare il bilanciere con lo slancio.
Non occorre un carico molto pesante per rendere efficace questo esercizio.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Pulley Alto
21 Aprile 2018

Pulley Alto

Il Pulley alto è un esercizio di bodybuilding che pone il focus sui muscoli dorsali, deltoidi posteriori, trapezi, bicipiti e flessori dell'avambraccio. Una schiena di tutto rispetto necessita di un certo spessore muscolare e non solo di larghezza. il trucco utilizzato da tutti i culturisti del mondo è quello di attaccarla da ogni angolo possibile ed immaginabile, cambiando range di ripetizioni, modalità di allenamento, accoppiate con altri muscoli.

Rematore con sbarra a T
14 Febbraio 2019

Rematore con sbarra a T

Valori di questo esercizio: i sollevamenti con sbarra a T , tipo remata sviluppano inanzittutto lo spessore del Dorsale. Una forte sollecitazione secondaria è sugli erettori spinali, trapezio, deltoidi posteriori, bicipiti , brachiale e muscoli flessori degli avambracci.

Ultimi post pubblicati

Braccia Enormi con i Migliori Esercizi Base
21 Febbraio 2020

Braccia Enormi con i Migliori Esercizi Base

Se volete aumentare le dimensioni dei vostri bicipiti, allora allenate duramente i dorsali, e se volete aumentare le dimensioni dei vostri tricipiti dovete allenare duramente pettorali e deltoidi con gli esercizi di distensione.

I Migliori Esercizi Per Cosce Grosse e Funzionali
19 Febbraio 2020

I Migliori Esercizi Per Cosce Grosse e Funzionali

I muscoli delle gambe sono tra i più voluminosi, affamati di ossigeno e forti che abbiamo nel corpo. Allenarli coinvolge rapidamente la respirazione e il metabolismo. L'allenamento funzionale impiega i movimenti tipici pionieristici: accosciate, piegamenti braccia, piegamenti gambe, salti e tutte le forme di trazione.