(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Arnold Press: L'Esercizio Per i Deltoidi Di Schwarzenegger

data di redazione: 02 Marzo 2015 - data modifica: 18 Febbraio 2019
Arnold Press: L'Esercizio Per i Deltoidi Di Schwarzenegger

Arnold Press: L'Esercizio Per i Deltoidi Di Schwarzenegger

L'Arnold Press, in italiano distensioni alla Arnold, è un esercizio per allenare i deltoidi, inventato dal grande Arnold Schwarzenegger. Questo esercizio stimola:

  • deltoidi anteriori
  • deltoidi laterali

 

Per eseguire questo esercizio avete bisogno di 2 manubri e di una panca reclinabile. 

Lo schienale della panca dovrà essere ortogonale rispetto a terra, in modo tale che l’intero carico debba essere sopportato dall'articolazione della spalla.

La schiena durante l’intera esecuzione dell’esercizio non deve mai staccarsi dallo schienale della panca. I piedi saranno divaricati per aumentare la stabilità e dovranno stare a terra sempre.

ESECUZIONE ARNOLD PRESS

Ecco gli 11 punti essenziali per eseguire le spinte alla Arnold 

  1. Sedetevi su di una panca con lo schienale posizionato a circa 80/85°
  2. Alzate anche il sellino delle seduta, in modo tale che la zona lombare aderisca perfettamente allo schienale 
  3. I piedi poggiano saldamente a terra
  4. Impugnate i manubri
  5. Portateli all'altezza delle spalle
  6. I palmi sono rivolti all'interno
  7. I gomiti sono davanti al busto
  8. Mentre spingete i manubri sopra la testa
  9. Ruotate i palmi delle mani contemporaneamente
  10. Fino a distendere le braccia e trovarvi con i palmi rivolti davanti a voi come in una spinta per le spalle tradizionale
  11. Eseguite la fase eccentrica, ovvero la discesa, in modo contrario riportando i manubri alla posizione originaria.

CONSIGLI PER L'UTILIZZO DI QUESTO ESERCIZIO


E' un esercizio composto che allena i deltoidi, consigliamo pesi medio leggeri, in modo tale da adottare una tecnica di allenamento sopraffina. 

Se allenate i deltoidi dopo i pettorali, e volete utilizzare questo esercizio, non c'è necessità di effettuare altri esercizi di distensione (lento dietro o avanti), inserite le spinte alla Arnold come piatto forte dell'allenamento per i deltoidi.  

Altro consiglio riguarda i deltoidi anteriori: questi muscoli lavorano molto con l'allenamento pettorale e sono stimolati anche in questo esercizio e quindi a nostro avviso non serve effettuare ulteriori alzate frontali in seguito ma altresì lavorare sul deltoide posteriore mediante alzate a 90° nelle varie salse. 

In conclusione essendo un esercizio composto cercate di non effettuare inutili doppioni nell'allenare i deltoidi, cercate di inserirlo in routine dove abbia un senso, come ad esempio dopo un allenamento per i pettorali, dove abbiamo già spinto pesi enormi con le distensioni su panca piana con bilanciere.
 

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Curl con Bilanciere Ez collegato al Cavo Basso
09 Dicembre 2015

Curl con Bilanciere Ez collegato al Cavo Basso

Fantastico Esercizio per la Massa dei Bicipiti che sfrutta 2 principi Fondamentali

​Il Curl con Bilanciere è uno degli esercizi con i pesi più famosi al mondo, infatti quando si pensa al bodybuilding o ad esercizi muscolari le persone fanno il gesto della flessione del braccio simulando un ipotetico curl a vuoto.

Sissy Squat - Esercizio per Stirare i Quadricipiti
06 Dicembre 2018

Sissy Squat - Esercizio per Stirare i Quadricipiti

Il sissy squat è una complessa variante di accosciata (squat) che, in un certo senso, richiede una sorta di abilità nel mantenere l'equilibrio.

Ultimi post pubblicati

Scheda Palestra Massa Muscolare
26 Marzo 2019

Scheda Palestra Massa Muscolare

L’obiettivo della maggior parte delle persone che frequentano le palestre è quello di aumentare il tono e la massa muscolare a discapito della massa grassa. Vediamo come fare....

9 Disturbi Del Comportamento Alimentare
24 Marzo 2019

9 Disturbi Del Comportamento Alimentare

Anoressia e bulimia sono i disturbi alimentari più conosciuti, ma non significa che siano gli unici e tanto meno i più comuni, esistono infatti molte altre anomalie minori del comportamento alimentare, alcune scoperte anche di recente.