Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Come Eseguire il Vuoto Addominale

data di redazione: 17 Dicembre 2016
Come Eseguire il Vuoto Addominale

Un esercizio che secondo alcuni può far apparire il punto vita più stretto

Il vuoto addominale risale a più di 25 anni fa, ai tempi di Arnold Shawarzenegger e di Frank Zane, che ne lanciarono una specie di moda. Anche se non si direbbe, questo vero e proprio esercizio, che in realtà sembra pervenire dallo Yoga (Uddiyana Bandha), è in grado di conferire benefici, sia reali che in termini di apparenza.


Il vuoto addominale, eseguito più volte (come in seguito vi illustreremo), allena il traverso dell'addome, che è uno dei muscoli più interni della struttura addominale, e facendo ciò in sostanza crea una specie di cintura solida interna al corpo che è in grado sia di fornire sostegno al bacino e agli organi interni, sia di migliorare i processi digestivi. Infatti, c'è chi sostiene che un traverso dell'addome ben solido e allenato possa facilitare la digestione e accelerare così il passaggio dei cibi nel corpo; di conseguenza migliora l'assorbimento dei nutrienti e riduce l'assorbimento dei grassi.


Questo esercizio secondo alcuni può far apparire il punto vita più stretto, inoltre stimola una leggera espansione della cavità del petto, facendo apparire il bodybuilder più grosso.


Ecco il Glucomannano, un ottimo integratore dimagrante consigliato per scolpire il tuo addome!
Leggi info sul glucomannano nel nostro blog

COME ESEGUIRE L'ESERCIZIO DI VUOTO ADDOMINALE


  • mettetevi a sedere su una sedia
  • appoggiate comodamente le mani sulle cosce
  • espandete lo stomaco con una profonda inspirazione
  • poi espirate completamente
  • a questo punto sollevate il petto e spingete l'ombelico verso la spina dorsale
  • non inspirate, trattenete il respiro per una decina di secondi poi rilasciate
  • ripetete l'esercizio due o tre volte nell'arco di un minuto, prendetevi un minuto di pausa e ripetete
eseguite l'esercizio 3 o 4 volte a settimana, aumentando gradualmente il tempo in cui mantenete la posizione
Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

5 Esercizi Insoliti da Inserire nel Vostro Workout
28 Marzo 2017

5 Esercizi Insoliti da Inserire nel Vostro Workout

Per evitare la monotonia dei soliti esercizi, e per allargare il proprio bagaglio tecnico personale, di tanto in tanto bisognerebbe provare qualche movimento alternativo, che sia altrettanto efficace per lo sviluppo fisico, con lo scopo di avere nuovo slancio verso l'allenamento e la crescita muscolare.

Stacco Gambe Tese Al Cavo Basso
24 Novembre 2018

Stacco Gambe Tese Al Cavo Basso

Lo stacco a gambe tese non è altro che una variante del classico stacco da terra, uno degli esercizi base del bodybuilding, avente però il focus sull'allenamento dei bicipiti femorali, che sono collocati nella parte posteriore delle cosce. Infatti rispetto allo stacco classico, in questa variante, i quadricipiti non sono reclutati e l'accento è sui muscoli lombari, sui glutei e sui bicipiti femorali (ischiocrurali).

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.