Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Croci Inverse alla Pec Deck

data di redazione: 02 Novembre 2015 - data modifica: 07 Febbraio 2016
Croci Inverse alla Pec Deck

I Movimenti monoarticolari come le croci inverse alla pec deck vanno eseguiti verso la fine del workout, dopo aver completato gli esercizi composti pesanti per dorsali o spalle. Non dimenticate però di eseguire qualche movimento dedicato per ogni capo del deltoide.

In linea di massima le distensioni vanno eseguite con carichi pesanti e meno ripetizioni, mentre esercizi come quello che vi stiamo per proporre richiedono pesi relativamente leggeri, che permettano di completare correttamente almeno 10-12 ripetizioni.

Dato che esercizi di distensioni (PRESS) agiscono prevalentemente sui deltoidi anteriori ed esterni, il capo posteriore tende spesso ad essere trascurato. In ogni caso, è bene invertire periodicamente l'ordine di esecuzione di ogni esercizio, così da dedicare a ciasciun gruppo muscolare il massimo della concentrazione all'inizio del workout.

Ovviamente inserire le croci inverse alla pec deck come primo esercizio è una sorta di PRE STANCAGGIO (Pre Exaust) che può essere utile per coloro che hanno deltoidi posteriori pigri che non rispondono come dovrebbero.

ESECUZIONE ESERCIZIO

  1. Regolare il sedile in modo che le spalle e le braccia si trovino alla stessa altezza
  2. Alcune macchine richiedono la regolazione della posizione delle braccia
  3. State seduti con il busto eretto
  4. Faccia in avanti e petto ben premuto contro l'imbottitura
  5. Evitate di voltare la testa durante l'esecuzione perchè può essere pericoloso per il collo, zona del nostro corpo alquanto delicata e noiosa
  6. Utilizzate una presa neutra con i pollici in opposizione
  7. Non lasciate che le piastre tornino a contatto con le altre
  8. portate le maniglie verso l'esterno, il più possibile senza avere fastidio nel farlo
  9. I gomiti devono arrivare più indietro rispetto al piano verticale del collo
  10. Mantenete la contrazione di picco prima di tornare alla posizione originale di partenza
  11. Cercate di limitare il movimento dell'articolazione delle spalle e di non oscillare con il corpo
  12. Non fate altri movimenti per facilitare l'esecuzione dell'esercizio, se li fate il carico è troppo elevato, abbassatelo, non serve tirare come dei Dinosauri in questo esercizio.

In questo esercizio lavorano:

  • Trapezi
  • Deltoidi posteriori
  • romboidi

Questo esercizio secondo il nostro parere è chirurgico per i deltoidi posteriori, i quali sono muscoli difficili da allenare e soprattutto richiedono molta tecnica e sensibilità muscolare. La macchina agevola molto il movimento, è difficile sbagliarsi e quindi è un esercizio consigliato.

Inoltre con questa macchine potrete provare anche tecniche ad alta intensità come lo stripping.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Distensioni e Croci ai cavi bassi
02 Ottobre 2014

Distensioni e Croci ai cavi bassi

Combinazione di 2 Esercizi per l'allenamento dei Pettorali

La combinazione di Distensioni e Croci con i cavi bassi e manubri permette di stimolare in modo intenso i pettorali sfruttando il principio del cedimento muscolare .

Alzate Laterali con Manubri
20 Febbraio 2019

Alzate Laterali con Manubri

Esecuzione e consigli sull'esercizio complementare di isolamento migliore per i deltoidi: le alzate laterali.

Ultimi post pubblicati

Braccia Enormi con i Migliori Esercizi Base
21 Febbraio 2020

Braccia Enormi con i Migliori Esercizi Base

Se volete aumentare le dimensioni dei vostri bicipiti, allora allenate duramente i dorsali, e se volete aumentare le dimensioni dei vostri tricipiti dovete allenare duramente pettorali e deltoidi con gli esercizi di distensione.

I Migliori Esercizi Per Cosce Grosse e Funzionali
19 Febbraio 2020

I Migliori Esercizi Per Cosce Grosse e Funzionali

I muscoli delle gambe sono tra i più voluminosi, affamati di ossigeno e forti che abbiamo nel corpo. Allenarli coinvolge rapidamente la respirazione e il metabolismo. L'allenamento funzionale impiega i movimenti tipici pionieristici: accosciate, piegamenti braccia, piegamenti gambe, salti e tutte le forme di trazione.