ABC Allenamento
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Distensioni a Presa Stretta su Panca Reclinata con i Manubri

data di redazione: 08 Novembre 2015
Distensioni a Presa Stretta su Panca Reclinata con i Manubri

Posizione Scomoda che Garantisce Risultati Strepitosi

Esercizio di bodybuilding fantastico, molto simile alla versione su panca piana, che permette di fornire uno stimolo diverso alla crescita muscolare di pettorali e tricipiti. La differenza è che con la panca declinata le spalle lavorano molto meno.

ESECUZIONE

  • Regolate la panca a circa 30-40° sotto l’orizzontale.
  • Agganciate i piedi sotto i rulli imbottiti per avere stabilità durante l’esecuzione dell’esercizio
  • Con i manubri i mano sdraiatevi sulla panca

  • Testa, spalle e glutei devono rimanere pienamente a contatto con la panca, mentre la colonna lombare è leggermente inarcata. Tenete i gomiti vicino ai fianchi e state attenti a non aprirli.
  • Tenete i manubri vicini, ma non separati, con le palme rivolte verso l’interno (presa neutra).
  • All’inizio potete appoggiarli su di voi.

MOVIMENTO


  • Distendete verticalmente le braccia mantenendo i pesi staccati in modo da costringere ciascun braccio a lavorare singolarmente per stabilizzarli
  • Distendete completamente e contraete a tutta forza i tricipiti per un secondo
  • Abbassate i manubri portandoli ai lati della parte inferiore del petto e fermandovi poco prima del contatto
  • Ripetete per il numero di ripetizioni desiderato

CONSIGLI TECNICI


  • Lavorate con un Assistente che, oltre a verificare il vostro lavoro, potrà togliervi i pesi alla fine di ogni serie in modo da evitare eventuali traumi alle spalle nel getto dei manubri a terra.
  • Da una posizione declinata infatti il getto dei manubri a terra può essere traumatico
  • Sollevate i manubri seguendo una traiettoria verticale e non all’indietro verso il volto
  • Cercate di mantenere una distanza di 5 cm tra i manubri
  • Esercizio che può essere inserito in una scheda pettorali e tricipiti come esercizio di transizione dei due distretti muscolari
  • E’ possibile eseguirlo anche con un braccio alla volta
  • Se avete la possibilità è possibile eseguire tale esercizio con i manubri UNITAMENTE ai cavi. In questo caso i cavi saranno collegati con delle polsiere ai polsi in modo da aumentare la tensione continua dei muscoli. Una volta giunti al cedimento, gettate i manubri a terra e continuate con i cavi.


Potrebbe interessarti anche

Squat con Bilanciere
02 Ottobre 2014

Squat con Bilanciere

L'Esercizio Migliore per la Costruzione della Massa delle Gambe e Non Solo

Il termine inglese squat è uno dei più conosciuti dai frequentatori di palestre, letteralmente il verbo "to squat" significa accovacciarsi. Lo Squat con bilanciere è sicuramente uno degli esercizi più importanti nella panoramica della pesistica

18 Modi per Effettuare il Pulley
10 Aprile 2020

18 Modi per Effettuare il Pulley

Il Pulley è un esercizio di bodybuilding classico per allenare lo spessore dei dorsali, in tutta sicurezza, utilizzando carichi alti senza farsi male. Tutti conosciamo la versione con la maniglia tradizionale, con impugnatura parallela..

Ultimi post pubblicati

Scheda Di Allenamento Push Pull Leg Da Casa
18 Gennaio 2021

Scheda Di Allenamento Push Pull Leg Da Casa

Aumenta la massa muscolare a casa con questo programma

La premessa di un set gigante è che eseguirai quattro o più esercizi uno dopo l'altro, con un riposo minimo tra ciascuno. I giant sets o serie giganti non sono da confondere con i circuiti. I circuiti servono per migliorare la condizione atletica dell'atleta, le serie giganti servono invece per aumentare la massa muscolare e migliorare la composizione corporea.

Il Segreto Del BodyBuilding Anche Natural
16 Gennaio 2021

Il Segreto Del BodyBuilding Anche Natural

Vuoi Aumentare La Massa Muscolare e Costruire il Fisico Dei Tuoi Sogni?

Quando il muscolo viene chiamato ad un impegno super, sarà ovviamente richiesto un maggiore apporto di ossigeno e nutrienti per continuare a sostenere le contrazioni. Ed ecco il caro "pump".