Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Lento Avanti con Bilanciere

data di redazione: 02 Luglio 2014 - data modifica: 30 Settembre 2014
Lento Avanti con Bilanciere

lento avanti con bilanciere

 

L’esecuzione comunemente eseguita di questo esercizio, sia per la sua discendenza dal powerlifting, sia per la tendenza delle palestre commerciali a convogliare sul multy power, prevede che il bilanciere partendo dalla base del collo percorra una traiettoria verticale sopra la testa e perpendicolare al suolo.

 

Questo si ottiene spingendo la testa all’indietro e portando il busto, tramite l’inarcamento della bassa schiena, esattamente sotto il bilanciere. In questo modo il bilanciere può percorrere una traiettoria verticale e priva di ostacoli e che consente grazie anche al minimo dissipamento di forze stabilizzatrici, alzate consistenti.

 

Tale esecuzione però sposta completamente il sovraccarico dai muscoli target (i deltoidi) ad altri muscoli (pettorali e tricipiti) con scarico negativo sulla bassa schiena.

 

Ecco allora che si è inventato di eseguire il lento avanti seduti su una panca inclinata di 70°- 80° per ovviare ai problemi alla bassa schiena.

 

Ma, e i deltoidi?

 

Continuano a non lavorare: eseguito così l’esercizio diventa sostanzialmente una duplicazione della panca inclinata!

 

Occorre ristabilire la giusta esecuzione, o meglio quella giusta per sovraccaricare i deltoidi, rivedendo l’assetto del busto e la traiettoria del bilanciere.

 

Il busto va mantenuto perfettamente eretto con la curva lordotica della colonna vertebrale (la bassa schiena) leggermente retroversa (appiattita).

 

Per fare ciò bisogna, piegando leggermente le gambe, pensare di spingere in fuori il pube, mantenendo contratti i retti addominali.

 

Il capo deve rimanere diritto e appoggiato sul collo rilassato e non iperesteso, con lo sguardo diritto davanti a sé.

 

Con questo assetto impugniamo il bilanciere all’altezza delle clavicole e alziamolo sopra la testa

 

Dimenticavo di dirvi, attenti al mento!!!!!

 

Il bilanciere col nuovo assetto e la testa dritta, non potrà più percorrere una traiettoria verticale e vi sbatterà sul mento!

 

Ed è questa la chiave dell’esercizio.

 

Il bilanciere dovrà alzarsi sopra la testa compiendo una traiettoria simile ad una parabola.

 

In questo modo i deltoidi, assistiti dal trapezio, compieranno tutto lo sforzo, ed ai tricipiti, una volta che il bilanciere sarà sopra la testa rimarrà solo un piccolo movimento di spinta finale.

 

Lo sforzo dei deltoidi si svilupperà in un limitato ma "fisiologico" raggio di azione che inizia con gli omeri aderenti al torace e arriva alla parallela col suolo. Infatti oltre la linea parallela degli omeri col suolo, i deltoidi sono completamenti contratti e non lavorano più.

 

Questa esecuzione umilierà l’ego (dovrete usare un peso inferiore di circa la metà del vostro solito per eseguire circa 10 ripetizioni) ma vi avvierà sulla giusta strada per un consistente sviluppo dei vostri deltoidi.

 

 

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

4 esercizi a Croce per allenare i pettorali
02 Ottobre 2014

4 esercizi a Croce per allenare i pettorali

Ecco il menù completo delle croci. Quali muscoli vengono coinvolti e come effettuarle ! Su panca piana: grande pettorale Ai cavi (in piedi): grande pettorale in modo particolare i fasci costali Su panca inclinata: grande pettorale, parte clavicolare esterna Croci alte ai cavi bassi: grande

Trap Bar: Altri 5 Esercizi da Inserire Nel Tuo Allenamento
30 Marzo 2019

Trap Bar: Altri 5 Esercizi da Inserire Nel Tuo Allenamento

La trap bar è un tipo di bilanciere con il quale si possono eseguire molti esercizi per aumentare forza, massa e per perdere grasso. E' un attrezzo che viene utilizzato di rado ed i pochi atleti che lo utilizzano effettuano solamente lo stacco parallelo, una sorta di esercizio che è un mix tra stacco e squat.

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.