(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Pulley con la fune

data di redazione: 23 Settembre 2014 - data modifica: 01 Ottobre 2014
Pulley con la fune

Dopo aver fissato un'impugnatura a fune al cavo del vostro pulley, sedetevi sulla seduta, con le gambe leggermente piegate e la schiena diritta. 

 

Esecuzione dell'esercizio pulley con la fune 

 

  • Inclinate il busto in avanti per afferrare la fune con una presa dominante e cioè cone le palme rivolte verso il basso
  • Riportate il busto diritto in posizione eretta la quale andrà mantenuta per tutto l'arco del movimento
  • Inspirate e trattenete il respiro mentre tirate la fune verso l'addome
  • Mantenete i gomiti vicino ai fianchi
  • Man mano che i gomiti si avvicinano al corpo, ruotate le palme verso il basso in modo da assumere una presa in pronazione e tirate i gomiti più indietro possibile
  • Tenete la contrazione di picco per 1 o 2 secondi, espirando aria tornate alla posizione iniziale
  • Il tronco va mantenuto in posizione eretta per tutto l'esercizio
  • Prima di cominciare ogni ripetizione lasciate che le braccia si allunghino bene e le scapole si rilassino.

 

 

CONSIGLI TECNICI

 

Cercate di concentrare lo sforzo della trazione nei gran dorsali e deltoidi posteriori piuttosto che lombari e bicipiti. Pertanto evitate di incurvare la schiena quando vi inclinate in avanti e di iperestendere quando tirate all'indietro.

 

Evitate che siano i bicipiti a dominare la trazione, quindi dovete cercare di compiere almeno il 50% del movimento solamente con la contrazione dei dorsali e ovviamente tirare con i bicipiti l'ultimo tratto della traiettoria del movimento.

 

Questo è l'errore principale di ogni sportivo, che effettua i rematori ai cavi o alle macchine e cioè tira di puro bicipite. Purtroppo il bicipite è un muscolo piccolo, che si stanca prima del dorsale e quindi se i dorsali non crescono, cercate di migliorare la tecnica di esecuzione.

 

Per concentrare meglio lo stimolo sui muscoli target allenati il busto non dovrebbe oscillare avanti o indietro ma solo di 10°, questo perché il pulley con la fune è un esercizio di isolamento e non di aumento della forza muscolare.

 

Per eseguire la contrazione di picco avvicinate le scapole tra loro mentre tirate indietro i gomiti. Trattenere il respiro durante le trazioni aiuta a stabilizzare il tronco consentendo di utilizzare carichi di un certo calibro. I muscoli lombari hanno una funzione di "Reggi struttura" e quindi vanno mantenuti in contrazione per tutto il movimento.

 

Quando utilizzare questo esercizio ?

Quale esercizio inserire dopo un esercizio come il pulley con la fune?

 

  • pull down alla lat machine con presa ampia e larga 

Serie e ripetizioni consigliate?

  • 3 serie da 12 ripetizioni

Carichi?

  • medio bassi

 

Buon ABC Dorsale 

 

 

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Affondi inversi con bilanciere, manubri o corpo libero
30 Settembre 2014

Affondi inversi con bilanciere, manubri o corpo libero

Esercizio per l'allenamento dei muscoli delle Gambe

Esercizio per l'allenamento di quadricipiti e glutei in primis, effettuabile con bilanciere, manubri o a corpo libero

Deltoidi Posteriori Definiti con le Reverse Fly ai Cavi
10 Marzo 2016

Deltoidi Posteriori Definiti con le Reverse Fly ai Cavi

Un problema comune a molte persone che praticano body-building è quello di avere la parte posteriore dei propri deltoidi sproporzionata e sotto sviluppata rispetto al resto del corpo.

Ultimi post pubblicati

Speciale Allenamento Deltoidi
20 Ottobre 2018

Speciale Allenamento Deltoidi

4 Esempi di Allenamento per Sviluppare i Deltoidi

I deltoidi sono muscoli collocati all’interno dell'articolazione della spalla, i muscoli deltoidi si suddividono in anteriori, mediali e posteriori, infraspinato, sovraspinato, piccolo rotondo e grande rotondo, sottoscapolare.

Gran Dentato
19 Ottobre 2018

Gran Dentato

Origine, Inserzione ed Azione

Il muscolo Gran Dentato è incluso tra i muscoli del cingolo scapolo-omerale. Con la sua azione porta in rotazione esterna la scapola, un movimento importante per l’elevazione dell’omero sopra i 90°, permette inoltre di far aderire la scapola al torace e può come azione secondaria coadiuvare i movimenti delle coste utili all’inspirazione.