ABC Allenamento
(0)
Carrello (00)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Rematore con Bilanciere a Busto Flesso

data di redazione: 31 Luglio 2014 - data modifica: 10 Marzo 2017
Rematore con Bilanciere a Busto Flesso

REMATORE CON BILANCIERE A BUSTO FLESSO

Molti ragazzi quando eseguono questo esercizio, adibito allo sviluppo in primis dei dorsali e secondariamente per bicipiti, deltoidi posteriori, lombari e trapezi, più aumentano il carico e più si ritrovano in una posizione quasi eretta. In pratica l'esercizio viene trasformato in un movimento a metà tra tirate al mento e stacco da terra. L'esercizio serve per sviluppare i dorsali e per essere efficace bisogna effettuarlo in maniera corretta:


Il busto deve essere posizionato quasi a 90°con la zona lombare inarcata, portando altresì il bilanciere all'ombelico .


Esecuzione dell'Esercizio

  • posizionarsi se possibile su un lieve rialzo di 5 – 10 cm circa
  • tenere la schiena parallela al pavimento o quasi e lo sguardo rivolto in avanti
  • tenere le gambe leggermente flesse e larghe quanto la larghezza delle spalle o poco più
  • contrarre fortemente i glutei e femorali, e schiacciare la pancia contro la colonna vertebrale
  • impugnare il bilanciere con una presa media (poco più larga dalla larghezza delle spalle)
  • cercare di mantenere la schiena piatta per quanto possibile
  • tirare il bilanciere verso la parte bassa dello sterno o la bocca dello stomaco mantenendo i gomiti vicini ai fianchi e facendo in modo che il bilanciere rimanga sempre vicino al corpo (considera questo esercizio come il movimento contrario alla panca piana)
  • addurre le scapole a fine concentrica (in pratica devi avvicinarle il più possibile) e rilasciarle nella fase eccentrica (se vuoi puoi fare un piccolo fermo allo sterno per avere una maggiore percezione delle scapole), e riposizionare il bilanciere a terra ad ogni ripetizione (in questo modo eviterai di perdere l’impostazione corretta)
  • non strattonare e non agitare la schiena durante tutto l’arco del movimento

Rematore con la testa in appoggio

Trovate un posto dove posizionare il viso come ad esempio uno schienale di una panca. La soluzione è quella di appoggiare la fronte su un supporto imbottito poco più alto del punto vita (ad esempio l'estremità più alta di una panca inclinata) e tenercela per tutta la serie. In questo modo , l'angolazione del corpo sarà ottimale e lo sforzo sarà costante e si concentrerà sui vostri dorsali.



Potrebbe interessarti anche

Bulgarian Squat
14 Agosto 2015

Bulgarian Squat

Una delle Tanti Varianti dello Squat

L'Esercizio che vi proponiamo in questo breve, ma speriamo utile, post è : BULGARIAN SQUAT, in italiano Squat alla Bulgara.

Curl su Panca Inclinata
14 Febbraio 2019

Curl su Panca Inclinata

Esercizio di allungamento per i bicipiti

Il Curl con manubri su panca inclinata è un esercizio complementare adibito allo sviluppo della massa dei bicipiti. La Panca deve essere inclinata di almeno 30°, al massimo 45° e anche il sellino deve essere inclinato per avere la giusta postura della schiena, durante l'esecuzione dell'esercizio.

Ultimi post pubblicati

BodyBuilding a Circuito Per Perdere Grasso e Conservare La Massa Muscolare
21 Aprile 2021

BodyBuilding a Circuito Per Perdere Grasso e Conservare La Massa Muscolare

Come Perdere peso in grasso, senza perdere muscoli

Non ci sono dubbi che l’esercizio, in particolare quello orientato all’allenamento della forza, possa contribuire al mantenimento della massa muscolare durante la riduzione del peso. Per perdere grasso bisogna mettersi a dieta, i provvedimenti dietetici devono dare particolare attenzione all’assunzione delle proteine

Scheda in Monofrequenza con Richiami Muscolari
08 Aprile 2021

Scheda in Monofrequenza con Richiami Muscolari

Scheda di Allenamento Old School anni 80

La monofrequenza “pura” non esiste, perché la fisiologia del nostro corpo va in una direzione completamente diversa. Chi pensa d’allenare un muscolo una volta a settimana in monofrequenza, in realtà non sa che sta facendo un allenamento pesante, più diversi richiami, perché nessun muscolo può mai lavorare in modo totalmente isolato. Fatta questa premessa entriamo nel nocciolo dell'articolo.