Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Stacco Gambe Tese Al Cavo Basso

data di redazione: 18 Novembre 2018 - data modifica: 24 Novembre 2018
Stacco Gambe Tese Al Cavo Basso

Lo stacco a gambe tese è uno degli esercizi di bodybuilding più complessi e difficile da capire a livello tecnico.

Lo stacco a gambe tese non è altro che una variante del classico stacco da terra, uno degli esercizi base del bodybuilding, avente però il focus sull'allenamento dei bicipiti femorali, che sono collocati nella parte posteriore delle cosce. Infatti rispetto allo stacco classico, in questa variante, i quadricipiti non sono reclutati e l'accento è sui muscoli lombari, sui glutei e sui bicipiti femorali (ischiocrurali).

Consigliamo di utilizzare all'inizio pesi molto bassi in quanto la zona lombare, in questo esercizio, non è in una posizione ottimale per sorreggere e sollevare carichi enormi. Diciamo che la zona lombare deve solo sorreggere il carico che servirà a stimolare soprattutto i vostri bicipiti femorali.

Per avere una tensione continua per tutto l'arco del movimento e per far lavorare sodo i bicipiti femorali vi consigliamo di provare questa versione che prevede l'utilizzo di un cavo basso.

ESECUZIONE ESERCIZIO

  • Prendete uno step o box 
  • Mettetelo davanti ad un cavo basso
  • Collegate una sbarra al cavo basso, oppure prendete le 2 maniglie, se avete la macchina della foto a disposizione nella vostra palestra
  • Selezionate un carico medio basso
  • Salite sullo Step/box
  • Accovacciatevi in uno squat profondo per afferrare la sbarra o maniglie
  • Mettetevi in posizione eretta 
  • Ora cercando di mantenere le gambe tese, abbassate la sbarra, trattenendo il peso in modo lento e controllato, cercando di mantenere la curva fisiologica della zona lombare. 
  • In questa fase inspirate aria.
  • Cercate di arrivare nel punto più basso che riuscite con la vostra struttura.
  • A questo punto, espirando, risalite in maniera lenta e controllata.
  • E' un esercizio da effettuare in maniera lenta e lo scopo è quello di sottoporre i bicipiti femorali in una situazione di stretching forzato.
  • Consigliamo molte serie da 12-15 ripetizioni.
  • Dopo aver eseguito uno stacco a gambe tese al cavo basso potete optare per un leg curl in piedi, sdraiato o seduto.
Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Rematore con Bilanciere a Busto Flesso
10 Marzo 2017

Rematore con Bilanciere a Busto Flesso

L'importanza della tecnica per una buona riuscita del rematore con bilanciere a busto flesso.

I Migliori Esercizi Complementari o di Isolamento nel Body Building
02 Giugno 2016

I Migliori Esercizi Complementari o di Isolamento nel Body Building

L'allenamento di BodyBuilding dovrebbe contenere sia Esercizi base con l'utilizzo di grossi carichi , sia esercizi complementari con l'utilizzo di carichi medio bassi con tecniche di esecuzione sopraffine. Nell'articolo spiegheremo quali e quanti esercizi complementari usare nelle nostre routine di allenamento.

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.