Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Il BodyBuilding come Cura per le problematiche legate alla Colonna Vertebrale

data di redazione: 25 Aprile 2016 - data modifica: 24 Novembre 2018
Il BodyBuilding come Cura per le problematiche legate alla Colonna Vertebrale

Siamo una macchina perfetta, il nostro scheletro e i nostri muscoli sono talmente in sintonia che un piccolo difetto può alterare tutto il sistema provocando degli scompensi e di conseguenza dolori e malfunzionamenti. Il lavoro di bodybuilding, che spesso viene praticato per questioni estetiche o per pura passione, può essere invece utilizzato come prevenzione o come "correttore" di quelle disfunzioni provocate da tali scompensi (molto spesso concentrati nella colonna vertebrale), raddrizzando di fatto la macchina umana. Ma vediamo più nel dettaglio.

La colonna vertebrale (rachide), ha un doppio compito:

  1. quello di sostenere il tronco e la testa
  2. e quello di fungere da cerniera per gli arti

Siccome la colonna vertebrale è così flessibile e mobile, ci permette ampie escursioni di movimento. Sul piano frontale si presenta rettilineo, mentre su quello sagittale (profilo) si presenta con tre curve fisiologiche. Le curve del rachide assumono un ruolo funzionale fondamentale in quanto riducono il carico dovuto alla forza di gravità.

Queste curve le troviamo:

  • a livello cervicale (lordosi fisiologica cervicale)
  • a livello dorsale (cifosi fisiologica dorsale)
  • a livello lombare (cifosi fisiologica lombare)

LE ALTERAZIONI AI VALORI DELLE CURVE

Purtroppo la colonna vertebrale può essere affetta da diverse alterazioni dovute a cause diverse, e possono provocare:

IL DISFORMISMO, che è un'alterazione della forma della colonna e dell'atteggiamento del corpo con modificazioni ossee strutturali; non subisce mutazioni di rilievo anche se si cambia la posizione

IL PARAFORMISMO, che invece è un'alterazione della forma e della colonna e dell'atteggiamento del corpo, ma "non irreversibile"; con le dovute attenzioni è possibile correggere gli atteggiamenti di paraformismo avvalendosi di attività mirata con i pesi e quindi con un corretto lavoro di bodybuilding

I paraformismi più comuni sono l'ipercifosi e l'iperlordosi, quando cioè le curve fisiologiche hanno un valore maggiore di quello normale; si parla di ipercifosi quando l'angolo delle cifosi dorsale si accentua ed è una delle situazioni più comuni, che può avere anche cause psicologiche, posturali, educative e soprattutto sono legate molto spesso alla professione e alla sedentarietà. L'iperlordosi invece è una patologia più delicata e molto più comune nelle donne, proprio a causa della diversa conformazione ossea e delle abitudini non proprio corrette, tipo i tacchi alti. Si parla di iperlordosi quando la curva lordotica lombare è accentuata.

IL BODYBUILDING COME CURA

Per combattere il problema dell'ipercifosi gli esercizi consigliati sono:

  • le trazione al pulley con gomiti alti
  • le alzate a 90° con manubri
  • le scrollate con bilanciere o manubri

Contrariamente sarà necessario allungare e distensionare il gran pettorale, il gran dorsale, il gran rotondo e il sottoscapolare, tutti quei muscoli che possono di conseguenza accentuare la cifosi, quindi consigliamo:

  • le croci su panca piana
  • le trazioni al lat machine con impugnatura inversa stretta

Per combattere l'iperlordosi dobbiamo invece lavorare in accorciamento sui muscoli che diminuiscono la lordosi, cioè tutti quei muscoli che realizzano il movimento di retroversione del bacino, e viceversa in allungamento sugli altri. Quindi andremo a lavorare nella parte posteriore della coscia (ischiocrurali), sugli addominali e i glutei e andranno potenziati tramite esercizi tipo:

  • il leg curl
  • il leg press
  • crunch a gambe tese
  • calcio all'indietro (dell'asino)

Viceversa, dobbiamo lavorare sui lombari, sull'ileopsoas e nella parte anteriore della coscia (retto femorale) tramite un buon lavoro di stretching specifico, perchè dovranno essere allungati e detensionati.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Palestra: Errori e Apprendimenti nel Bodybuilding e Fitness
11 Maggio 2020

Palestra: Errori e Apprendimenti nel Bodybuilding e Fitness

In realtà, se si tiene conto del fatto che molte persone entrano per la prima volta in una sala attrezzi avendo come unico punto di riferimento le esecuzioni di livello atletico viste su youtube, questo atteggiamento di assoluto perfezionismo non deve sorprenderci più di tanto. Il problema nasce quando da una scrupolosa attenzione tecnica si passa ad un perfezionismo estremo che, anziché spingere al miglioramento, porta solo alla frustrazione e allo stallo nei risultati.

Body Building & Kettlebell
02 Maggio 2018

Body Building & Kettlebell

I kettlebell furono per molto tempo gli unici strumenti d'allenamento in Russia, utilizzati sia a livello scolastico, sia nell'allenamento sportivo. Se volete continuare con il vostro allenamento da culturista, potete farlo. Potete tranquillamente eseguire i classici esercizi di Body building con questi attrezzi, quali?

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.