Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Body Building - Teoria Dell'Allenamento

data di redazione: 09 Marzo 2014 - data modifica: 26 Gennaio 2019
Body Building - Teoria Dell'Allenamento

Body Building - Teoria Dell'Allenamento

Esistono mille idee e teorie sull'allenamento

  • dall'allenamento mirato ad aumentare il glicogeno cellulare ( riserve energetiche muscolari ed epatiche), 
  • allenamenti che mirano all'ipertrofia/iperplasia delle fibre; 
  • ed infine allenamenti che comprendono sia l'una che l'altra funzione, 

Ma una legge rende comune qualsiasi teoria, ovvero:

  • creare un'ambiente il più possibile anabolico e limitare la fase catabolica.

Il corpo, regola le sue funzioni di bilanciamento (omeostasi) costantemente, cerca cioè di evitare il più possibile grandi variazioni-modificazioni di se stesso; esistono quindi bilanciamenti elettrolitici, ormonali, posturali, ecc ecc. 

Per fare un piccolo e semplice esempio:

Per regolare il quantitativo di acqua all'interno delle nostre cellule il corpo adotta la strategia della pompa sodio-potassio, l'uno in contrapposizione dell'altro per l'equilibrio al proprio interno del quantitativo di acqua che dobbiamo trattenere ma c'e' una funzione che regola il quantitativo di questi due minerali che vengono regolati a loro volta da meccanismi di bilanciamento appunto ( lipofisi rilascia acth ormone adenocorticotropo, che stimola la produzione da parte delle ghiandole cortico surrenali, alla produzione di aldosterone, ormone antidiuretico che a sua volta influisce il trattenimento del sodio, che a sua volta diventa messaggero di questo meccanismo e stimolando o riducendo la produzione di acth, mantiene l'equilibrio elettrolitico). 

Questo processo, viene a sua volta regolato dalla secrezione di un'altra ghiandola l'ipotalamo che rilasciando altri ormoni stimolano l'ipofisi ecc ecc . 

Tornando alla fase precedente, per stimolare l'anabolismo, bisogna, per logica, stimolare i processi che regolano e stimolano la produzione degli ormoni preposti a questa funzione, (lo saprete tutti, i principali sono gli ormoni sessuali TESTOSTERONE ANDROSTENEDIONE, somatotropo o gh) e ovviamente ridurre al massimo la stimolazione degli ormoni catabolici, dove il principale protagonista, è il cortisolo, e certi metaboliti degli ormoni maschili. 

Ragazzi non odiate il cortisolo: 

  • ha funzioni importantissime per l'organismo e a volte ci salva la vita, senza non si vivrebbe, diciamo che nel nostro caso, serve un po' meno.

Quindi, le leggi che a noi interessano principalmente sono quelle che tendono a stimolare ormoni anabolici e ridurre gli ormoni catabolici. Alcuni dicevamo allenamenti brevi, intensi e infrequenti, la logica ci dice questo ed effettivamente e' tutto vero in linea di massima SE FOSSIMO TUTTI CLONI, si perchè in realtà siamo tutti differenti.

Anche tra fratelli, le differenze possono essere abbastanza grandi, da non permettere di fare indistintamente programmi uguali. 

Per poter capire chiaramente cio che intendo, posso portare l'esempio delle differenze genetiche che contraddistinguono alcuni popoli africani, portati in paragone a noi europei, essendo le differenze direi abissali; i popoli del marocco, gli etiopi, hanno una carnagione scura, dovuta alla maggior produzione di melanociti, per adattamento ai raggi solari, una struttura ossea più esile ed una muscolatura lunga, ricca di fibre rosse ( fibre cioè ad alta resistenza) un volume epatico molto maggiore, per la diversa alimentazione, un corpo in definitiva più adatto alla corsa per lunghe distanze.

Avrete notato infatti i risultati vincenti che ottengono proprio negli sport che richiedono alta resistenza e lunghe distanze, dove emergono direi in maniera nettissima.

Certamente, se gli atleti di queste etnie, facessero sport di potenza e velocità, sarebbero assolutamente inferiori ad altre (basta guardare sempre in atleti giamaicani afro-americani) che emergono maggiormente appunto in sport di velocità e potenza. 

Va da se, che gli allenamenti, vanno assolutamente adattati in funzione proprio della morfologia dell'atleta.

Noi europei, per esempio, essendo all'oggi una razza mista, abbiamo, nei nostri geni (ed e' un discorso generale) un mix di diverse etnie, che ci qualificano in una posizione intermedia tra le due razze precedenti, avendo quindi predominanze muscolari estremamente varie.

Per complicare un pò le cose dobbiamo prendere altri parametri quali:

  1. morfologia (endomorfo, ectomorfo, mesomorfo, meso-ectomorfo, endo-mesomorfo ecc ecc)
  2. abitudini alimentari
  3. assetto endocrino
  4. eta'
  5. altezza
  6. sesso ecc ecc.
     

Vi è una considerazione importantissima, che a volte viene assolutamente dimenticata (ammesso che molti la considerino degna di importanza) e cioè che in un solo individuo generalmente coesistono per ogni distretto muscolare, percentuali di fibre totalmente diverse, che all'occhio di un preparatore esperto non sfuggono.

Quindi, va da sè, che nella personalizzazione dei programmi di allenamento, i distretti con percentuali maggiori di fibre rosse, non andranno allenati come altri distretti con percentuali più alte di fibre bianche, (la percentuale di fibre intermedie che abbiamo, andrà ovviamente ad adattarsi al tipo di carico che diamo al distretto in questione).

Gli allenamenti, inoltre come sappiamo, inducono la risposta ormonale personale, va da sè che un"testosteronico" avrà un recupero diverso di un " cortisonico", e che un tiroideo, avrà risposte differenti ad un linfatico, sia in termini di recupero, che di sviluppo. 

Ricapitolando, potrebbe essere che alcuni gruppi muscolari necessitino di pause di riposo che possono superare anche la settimana, mentre alcune aree possono aver bisogno di più allenamenti nella stessa settimana.

Bisogna fare esperimenti e miscelare sapientemente i protocolli di allenamento, alternando volume, intensità, giorni di allenamento e percentuali di carico, come avviene nel nostro metodo ABC FIT.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Crescita Muscolare in Modo Naturale
28 Gennaio 2019

Crescita Muscolare in Modo Naturale

I muscoli aumentano di dimensioni e volume come conseguenza del surplus proteico ingerito con i vari pasti assunti durante l'arco della giornata. L’effetto opposto della crescita muscolare si chiama catabolismo ed avviene quando l’atleta si allena con i pesi in maniera pesante, distruggendo le fibre muscolari dei muscoli allenati.

Heavy Duty La Perla di Mike Mentzer
05 Marzo 2019

Heavy Duty La Perla di Mike Mentzer

Il metodo di allenamento ad alta intensità per antonomasia

Le ripetizioni negative o forzate possono aiutare, ma solo se usate occasionalmente, se si utilizzano in ogni serie per ogni allenamento il superallenamento è inevitabile

Ultimi post pubblicati

Programma Alimentare per Bodybuilding: cosa mangiare e cosa evitare
16 Ottobre 2019

Programma Alimentare per Bodybuilding: cosa mangiare e cosa evitare

Per massimizzare i risultati ottenibili tramite l’allenamento in palestra, è necessario porre estrema attenzione sulla propria dieta, in quanto alimentarsi in maniera sbagliata può rallentare di molto il raggiungimento dei propri obiettivi relativi alla crescita muscolare e al miglioramento della propria composizione corporea.

Personal Trainer Sì o No?
27 Settembre 2019

Personal Trainer Sì o No?

I personal trainer sono atleti avanzati, magari anabolizzati? Questa è una credenza popolare anni 90 che in questo post sarà smentita. Affidarsi ad un personal trainer vuol dire scegliere di fare il giusto ingresso in una palestra; vuol dire approcciarsi correttamente al mondo dell’allenamento fitness.