(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Diventare Grossi e Perdere Grasso con Escalating Density Training (EDT)

data di redazione: 25 Novembre 2016
Diventare Grossi e Perdere Grasso con Escalating Density Training (EDT)

Più Massa e meno grasso con allenamenti brevi, densi e frequenti

Avete mai sentito parlare di densità di allenamento? La densità è un parametro dell’allenamento che rapporta il tonnellaggio kg sollevati x totale delle ripetizioni al tempo impiegato per effettuare gli esercizi. A parità di tonnellaggio, tanto più sarà breve l’allenamento, tanto più questo sarà definibile come denso. Se settimana, dopo settimana gli allenamenti diventeranno più densi il corpo avrà un maggiore stimolo per la crescita muscolare e ci sarà una contestuale perdita di grasso.

L’Escalating Density Training (EDT), traducibile in italiano come Allenamento ad aumento della densità, è un tipo di allenamento con sovraccarichi (resistance training) applicato nell'attività di bodybuilding, e creato dal culturista statunitense Charles Staley. Questo metodo è

  1. Semplice: consiste nel fare due esercizi (scelti in modo tale che i muscoli coinvolti non siano sinergici tra loro), intervallandoli all’interno di una “zona PR” della durata di 15 minuti.
  2. Rapido: Mezz’ora, massimo 45 minuti e si va sotto la doccia.
  3. Efficace: se svolto correttamente può essere una soluzione per i periodi di stallo

Cos’è la zona PR?

  • Rappresenta la quantità delle ripetizioni totali che si possono eseguire per i due esercizi scelti dentro l’arco di tempo predefinito di 15 minuti, così che ad ogni aumento del numero delle ripetizioni in tale arco, ci sarà un corrispondente miglioramento delle prestazioni.

Il progressivo aumento delle ripetizioni all'interno delle "zone PR" rappresenterà un evidente indicatore del miglioramento delle prestazioni. Nel EDT Staley suggerisce una durata delle "Zone PR" che varia tra i 15 e i 20 minuti ciascuna all'interno della sessione completa, ma è possibile suggerire una durata delle "zone PR" di 10 minuti per i soggetti poco allenati e poco dotati di resistenza alla fatica.

Come si struttura un allenamento ad alta densità EDT?

  1. La prima cosa da fare è scegliere gli esercizi da abbinare a coppie; un classico esempio sono le distensioni su panca piana con bilanciere insieme alle trazioni o rematore, oppure il curl con bilanciere e la french press.
  2. Distensioni su panca e la military press assieme non sono ammessi in questo metodo, poiché deltoidi e tricipiti sono attivamente coinvolti in tutti e due i casi.
  3. Consigliamo altresì di evitare esercizi unilaterali come rematore con manubrio o shoulder press con 1 manubrio.
Carico da utilizzare?


  1. Bisogna determinare il 70% del massimale sugli esercizi che abbiamo scelto da effettuare nella scheda di allenamento.
  2. Con questo carico non resta che regolare il conto alla rovescia sul tempo impostato.
  3. Il cedimento è altamente sconsigliato ed è invece preferibile eseguire circa la metà delle ripetizioni che si potrebbero fare con il carico scelto.
  4. Tra un esercizio e l’altro il recupero non è tangibile: sarà minimo all'inizio e un pò più esteso al termine del macinamento di ripetizioni.
  5. Bisognerà eseguire il 50% delle ripetizioni che abbiamo in canna prima di passare all’esercizio seguente.

Conteggi

  • Allo scadere dei 15 minuti è necessario fermarsi e fare il conto delle ripetizioni svolte in totale.
  • Questo dato è il PR (Personal Record) che negli allenamenti successivi dovrà essere migliorato.

La routine di allenamento EDT

Lunedì (dorso – petto)


  • 15′:
  • A1: Rematore o Vertical Row o Low Row
  • A2: Chest Press
  • Pausa 5′
  • 15′:
  • B1: Lat machine avanti al petto
  • B2: Distensioni su panca inclinata con manubri o macchina

Martedì (gambe – spalle)

  • 15'
  • A1: Stacchi da terra
  • A2: Military press o Lento da seduto
  • Pausa 5′
  • 15'
  • B1: Leg curl
  • B2: Tirate al petto o Alzate laterali

Giovedì (Tricipiti e Bicipiti)

  • 15′:
  • A1: French Press
  • A2: Curl con bilanciere ez su scott
  • Pausa 5′
  • 15′:
  • B1: Pushdown cavo alto
  • B2: Curl cavo basso


Venerdì: (Polpacci e Addome)

  • 15′:
  • A1: Calf in piedi
  • A2: Sit up
  • Pausa 5′
  • 15′:
  • B1: Calf seduto
  • B2: Russian sit up


Come si evince uno dei pregi di questo protocollo è la sua estrema personalizzazione, nonché velocità con meno di 40' di allenamento a seduta.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Elenco Esercizi di Bodybuilding per l'allungamento
01 Ottobre 2014

Elenco Esercizi di Bodybuilding per l'allungamento

body building esercizi di allungamento Senza addentrarci troppo nello specifico, quando raggiungete in un esercizio il massimo allungamento muscolare (ad esempio, la posizione bassa delle croci su panca) e invertite immediatamente la direzione, una più ampia parte di fibre muscolari si contrae. Questo riflesso, permette una ipercontrazione del muscolo, quindi una maggiore crescita.

Ripetizioni Negative
24 Novembre 2014

Ripetizioni Negative

Mike Mentzer ha scritto molto sulle tecniche ad alta intensità e ha trattato il tema dell'allenamento solo negativo soprattutto nel suo periodo agonistico, infatti Mike sosteneva che, i nostri muscoli scheletrici hanno tre tipi di forza

Ultimi post pubblicati

I 7 Migliori Allenamenti Per Quadricipiti, Glutei e Bicipiti Femorali
25 Settembre 2018

I 7 Migliori Allenamenti Per Quadricipiti, Glutei e Bicipiti Femorali

Giorno delle gambe, la stessa frase evoca immagini di nausea, giorni di zoppicamento e gambe che sembrano costituite da gelatina. La maggior parte degli allenamenti si basa sul re degli esercizi per le gambe e non solo: SQUAT. In effetti è un esercizio unico ed insostituibile per far crescere i muscoli delle vostre cosce e glutei. Però non bisogna fossilizzarvi esclusivamente sul classico squat con bilanciere.

Fritelle di Zucchine con Formaggio Caprino
24 Settembre 2018

Fritelle di Zucchine con Formaggio Caprino

E' una di quelle sfiziosità che ogni tanto vale la pena preparare e che non debbono mai mancare a un buffet in piedi. Sfiziose e croccanti, sono salvacena quando abbiamo le zucchine in frigo e amici a tavola.
Preparazione: 30 min.
Difficoltà: 1
N. porzioni: 4