(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

La Teoria della Corporatura Fisica

data di redazione: 07 Luglio 2014 - data modifica: 13 Marzo 2016
La Teoria della Corporatura Fisica

La teoria della corporatura fisica propone 3 corporature di base con associate delle specifiche caratteristiche di personalità.

Oggi le descrizioni di Sheldon sono divenute i punti fondamentali della letteratura sulla perdita del peso, e sull’esercizio (bodybuilding).

Sheldon definisce 3 categorie di corpi umani:

  1. l’endomorfo, caratterizzato dalla preponderanza di massa grassa;
  2. il mesomorfo, caratterizzato da un buon sviluppo muscolare;
  3. l’ectomorfo caratterizzato dalla insufficienza di massa muscolare o di massa grassa.

Naturalmente nelle 3 categorie non rientrano tutte le persone, anzi la maggior parte può essere definita come intermedia tra due delle 3 categorie.

L’ECTOMORFO è un Hard Gainer che ha difficoltà a crescere in termini di massa muscolare, poco muscoloso, dimostra meno anni di quelli reali, costituzione delicata, petto piatto, alto di statura, forma squadrata, leggero di peso corporeo

IL MESOMORFO è un Easy Gainer con facile crescita muscolare. Aspetto maturo anche da giovane. Il peso corporeo puo’ variare facilmente, postura diritta, cute spessa, muscoloso.

L’ENDOMORFO è tendenzialmente grasso con al momento muscolatura sottosviluppata , forma tonda a botte, difficoltà a perdere peso, facile crescita muscolare.

CONSIGLI PER L'ALLENAMENTO

Se hai un corpo endomorfo e fai un allenamento breve perché ti senti subito affaticato per via del grasso in eccesso e del peso in più, non solo non avrai mai risultati di dimagrimento, ma cosi facendo andrai ad aumentare di massa muscolare e contemporaneamente di volume e peso.

Invece l’endomorfo per avere fin da subito dei buoni risultati, deve iniziare con un piano di allenamento intenso e prolungato come il total-body (tutto il corpo in un unica sessione), con pause breve e affidarsi di più al cardio-fitness (corsa, cyclette ecc).

Invece la genetica mesomorfica, è il somatotipo più fortunato, per lui può funzionare di tutto, serie alte con basse pause di recupero, o molte serie e ripetizioni basse con carichi eccessivi, avrà comunque degli ottimi risultati, o mangiare di tutto e mettere ugualmente massa muscolare senza problemi. Certamente rischia di mettere un pò di grasso addominale, ma per via del suo metabolismo favorevole può dimagrire facilmente senza problemi.

Invece il somatotipo ectomorfo detto hardgainer, è quello che ha la fortuna di mangiare di tutto e difficilmente ingrassa, ma il problema è che difficilmente mette massa muscolare. Allora se hai un corpo ectomorfo il tuo allenamento deve essere breve e intenso, con più esercizi composti e meno di isolamento, con serie basse e numero di ripetizioni 8, al massimo 12.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Cosa significa Pre Stancaggio Muscolare nel Bodybuilding?
15 Febbraio 2016

Cosa significa Pre Stancaggio Muscolare nel Bodybuilding?

Come incrementare la massa muscolare di alcuni distretti muscolari a voi ostici invertendo l'ordine di esecuzione degli esercizi e le modalità

Programma per Hardgainer in POF
03 Agosto 2015

Programma per Hardgainer in POF

Difficoltà nella Crescita Muscolare?

Dato che il Bodybuilding è il modo migliore per aumentare la massa muscolare è logico che la maggior parte di quelli attratti dal sollevamento pesi siano ectomorfi magrolini con le caratteristiche tipiche dell'hardgainer. Non tutti i magrolini sono hardgainer, perché anche Arnold Schwarzenegger quando ha cominciato era magrissimo senza un muscolo; quindi solo se vi allenate quindi potrete scoprire se avete una genetica favorevole alla crescita muscolare.

Ultimi post pubblicati

Speciale Allenamento Deltoidi
20 Ottobre 2018

Speciale Allenamento Deltoidi

4 Esempi di Allenamento per Sviluppare i Deltoidi

I deltoidi sono muscoli collocati all’interno dell'articolazione della spalla, i muscoli deltoidi si suddividono in anteriori, mediali e posteriori, infraspinato, sovraspinato, piccolo rotondo e grande rotondo, sottoscapolare.

Gran Dentato
19 Ottobre 2018

Gran Dentato

Origine, Inserzione ed Azione

Il muscolo Gran Dentato è incluso tra i muscoli del cingolo scapolo-omerale. Con la sua azione porta in rotazione esterna la scapola, un movimento importante per l’elevazione dell’omero sopra i 90°, permette inoltre di far aderire la scapola al torace e può come azione secondaria coadiuvare i movimenti delle coste utili all’inspirazione.