(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

L'Allenamento di Jujimufu

data di redazione: 10 Aprile 2018
L'Allenamento di Jujimufu

Chi è e Come si Allena Jujimufu, il Bodybuilder Acrobata

Jujimufu, 32 anni è un marzialista e bodybuilder statunitense diventato un'icona del web grazie alle sue performance acrobatiche e fisiche. Jujimufu, 178 cm per 108 kg di peso, è la prova vivente che una notevole massa muscolare non pregiudica la possibilità di avere una grande flessibilità e di effettuare dei veri e propri numeri da circo. 

Come si allena Jujimufu?

Ogni giorno questo atleta effettua routine di allenamento che prevedono i salti. Egli sostiene che bisogna esercitarsi in tal senso tutti i giorni.

"Quando smetto di saltare, comincio a sentirmi un comune mortale. Le mie ginocchia, caviglie e schiena cominciano a farmi male. Quando ricomincio a saltare, comincio a sentirmi come un bambino." 

Continua dicendo: "Cosa fanno i ragazzi? Saltano e corrono tutti i giorni e senza "riscaldamento" e non si fanno mai male.  E lo faccio anch'io. Perché? Perché salto tutti i giorni! L'età è solo una questione mentale e non fisica!"

La flessibilità è un'altra caratteristica peculiare della sua preparazione e tutti i giorni effettua routine avanzate di stretching ereditate dalla sua esperienza marziale nel taekwondo. Per quanto riguarda l'aumento della massa muscolare questo atleta ha un approccio alquanto pragmatico: 

Non mi importa delle differenze tra ipertrofia muscolare, forza, capillarizzazione e quant'altro. Vuoi costruire muscoli? Devi allenarti fino alla massima congestione e questo significa che al termine dell'allenamento le braccia devono esplodere nelle maniche della camicia, e dovete avere difficoltà a pettinarvi i capelli!"

Secondo Jujimufu per diventare grossi bisogna diventare forti e per fare ciò bisognerebbe raggiungere i risultati rappresentati da questa slide. 

  • Squat con almeno il doppio del proprio peso
  • Stacco da terra idem (i più forti anche 2.5)
  • Panca 1.25 del proprio peso
  • 10 ripetizioni alla sbarra fatte bene
  • 20 ripetizioni alle parallele fatte bene

"Se non puoi effettuare questi benchmark, allora sforzarti per raggiungerli. I vantaggi del raggiungimento di questi parametri di riferimento includono una migliore resilienza agli infortuni, maggiore esplosività, maggiore capacità di recupero, maggiore flessibilità (poiché la flessibilità dipende dalla forza) e una migliore condizione atletica"

E' un approccio alquanto pragmatico ed il succo del discorso è: " Diventa una bestia con i pesi ed i muscoli cresceranno"

UPPER BODY WORKOUT VIDEO 

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Bodybuilding Cutting
23 Aprile 2018

Bodybuilding Cutting

Bodybuilding Cutting​, termine moderno che rappresenta la fase di definizione muscolare dove gli atleti ricercano la minore percentuale di grasso con la migliore qualità muscolare possibile. Dopo una fase bulk di massa invernale arriva sempre una fase di definizione muscolare.

Cosa Mangia e Come Prepara i Muscoli un Body Builder il Giorno della Gara?
18 Settembre 2016

Cosa Mangia e Come Prepara i Muscoli un Body Builder il Giorno della Gara?

Consigli Alimentari, su come Abbronzarsi e su come Pompare i Muscoli il giorno della Gara

L'alimentazione per il giorno della gara non è semplice da gestire, in quanto l'atleta deve avere energie per tutto l'arco della giornata, con un buona idratazione e nel contempo non deve avere problemi digestivi o di altro genere

Ultimi post pubblicati

Speciale Allenamento Deltoidi
20 Ottobre 2018

Speciale Allenamento Deltoidi

4 Esempi di Allenamento per Sviluppare i Deltoidi

I deltoidi sono muscoli collocati all’interno dell'articolazione della spalla, i muscoli deltoidi si suddividono in anteriori, mediali e posteriori, infraspinato, sovraspinato, piccolo rotondo e grande rotondo, sottoscapolare.

Gran Dentato
19 Ottobre 2018

Gran Dentato

Origine, Inserzione ed Azione

Il muscolo Gran Dentato è incluso tra i muscoli del cingolo scapolo-omerale. Con la sua azione porta in rotazione esterna la scapola, un movimento importante per l’elevazione dell’omero sopra i 90°, permette inoltre di far aderire la scapola al torace e può come azione secondaria coadiuvare i movimenti delle coste utili all’inspirazione.