Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Overtraining o Sovrallenamento

data di redazione: 15 Ottobre 2014 - data modifica: 24 Novembre 2018
Overtraining o Sovrallenamento

Vi è mai capitato di alzarvi la mattina e sentirvi come se foste appena investiti da un rullo compressore, le gambe pesanti e il cuore che batte all'impazzata?

Magari avete anche fatto fatica ad addormentarvi e vi siete girati e rigirati tutta la notte e durante il giorno qualsiasi cosa anche banale vi fa arrabbiare più del solito?

Probabilmente siete in sovrallenamento!

In passato, nei periodi nei quali l'energia mi usciva da tutti i pori, magari nelle prime belle giornate di primavera, preso dalla passione sfrenata della mia attività curavo poco il riposo e mi allenavo tutti i santi giorni della settimana, persino la domenica!

Consideravo il riposo una perdita di tempo, e lo vivevo come un NON allenamento, un'occasione persa per poter migliorare le mie capacità... però inevitabilmente mi scontravo con una spiacevole realtà: comparivano gli spiacevoli sintomi della sindrome da superallenamento!

Sicuramente c'è di peggio, voi direte, ma io non lo auguro a nessuno!!

  1. Prima di tutto, le difese immunitarie si abbassano e nel migliore dei casi mi compare quell'antipatico Herpes simplex (labiale), e nel peggiore dei casi sopraggiunge l'influenza di stagione;
  2. se non ti ammali ( e cioè il tuo fisico non si ribella così brutalmente) si può individuare misurandosi il battito cardiaco a riposo, meglio alla mattina appena svegli, e se è più alto del solito di 8/10 battiti al minuto diciamo che è un punto a sfavore.

Altri sintomi da superlavoro sono:

  1. irritabilità,
  2. calo della libido,
  3. insonnia oppure cattiva qualità del sonno,
  4. dolori muscolari e articolari,
  5. perdita di peso e di appetito,
  6. pressione bassa,
  7. calo dell'umore e stanchezza cronica.

Diciamo che tutti questi sintomi che ho appena elencato non devono per forza comparire tutti sarebbe un disastro, ma con almeno tre di questi si potrebbe pensare di intervenire.

Se volete essere sicuri si può controllare anche il vostro stato di forma con un semplice esame del sangue, infatti alcuni valori in presenza della sindrome si alzano:

  • CPK,
  • cortisolo,
  • azotemia,
  • ematocrito eccetera...

Voi direte, ok se comincio a riconoscere i sintomi mi fermo e faccio un po' di riposo?

purtroppo molte volte ve ne accorgete quando è troppo tardi, perchè per riconoscere i sintomi bisogna avere un po' di esperienza, bisogna cioè esserci passati!!! Pensate che io ci sono caduto fino a 35 anni inoltrati!..

COME RIMEDIARE

Ora vi do alcuni consigli come riprendersi da un sovrallenamento:

  1. RIPOSO. Prima di tutto completo riposo! Anche due settimane se necessario.
  2. ALIMENTAZIONE. Mangiare bene cercando di ridurre un po' le proteine e aumentare i carboidrati presi dalla frutta e la verdure.
  3. DORMIRE. Andare a letto presto e dormire almeno otto ore a notte.
  4. INTEGRARE. Integrare l'alimentazione magari con gluttammina e vitamina C, ancora meglio un multivitaminico.

...E PER NON CADERCI ANCORA!

Riconoscere in tempo dai sintomi sopra descritti e mi raccomando:

MEGLIO UN BUON RIPOSO CHE UN CATTIVO ALLENAMENTO!

Buon allenamento....e riposo a tutti!

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Massa Muscolare con Bodybuilding e Crossfit
25 Novembre 2018

Massa Muscolare con Bodybuilding e Crossfit

Obbiettivi, consigli pratici e scheda di allenamento diversa dalle solite

Siamo nell’era globale che ha coinvolto anche il mondo delle palestre, dove un tempo erano frequentate esclusivamente da appassionati di bodybuilding e fitness, mentre ora sono aperte a tutte le discipline della pesistica e ginnastica, quali crossfit, vari metodi di functional training, allenamento calistenico ecc..

Time Under Tension TUT o Tempo Sotto Tensione Muscolare
01 Ottobre 2014

Time Under Tension TUT o Tempo Sotto Tensione Muscolare

Come lo stesso titolo suggerisce, in questo articolo vi voglio parlare di uno degli aspetti più sottovalutati dal frequentatore di palestra medio.Riallacciandomi al mio articolo precedente sui tempi di recupero da adottare in base all’obbiettivo che si vuole ottenere, mi preme farvi venire a conoscenza, o ampliare quelle che sono già le vostre conoscenze, sul Time Undet Tension (TUT) ossia il Tempo Sotto Tensione.

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.