Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Riscaldamento Corretto per L'Allenamento Pesi

data di redazione: 12 Settembre 2016 - data modifica: 25 Novembre 2018
Riscaldamento Corretto per L'Allenamento Pesi

Come avevamo già spiegato nel nostro articolo precedente poca gente dà la giusta importanza al riscaldamento di tipo aerobico (per intenderci la corsetta e lo stretching dinamico) specie nel mondo del bodybuilding. 

Questa fase del riscaldamento è in genere la più trascurata, e se ignorata oltre a provocare spiacevoli infortuni è in grado di ridurre in modo significativo la nostra prestazione.

Moltissimi avventori, soprattutto coloro che chiedono meno dall'allenamento in termini di prestazioni, arrivano in sala pesi caricano il bilanciere, con il carico target, ed iniziano a macinare ripetizioni, senza nessuna forma di riscaldamento generale e specifico, niente di più sbagliato.

Questa prima fase di riscaldamento ci permette di aumentare la temperatura corporea interna, stimolando la circolazione a livello sistematico in maniera tale da preparare il nostro corpo alla seconda fase, non per questo meno importante, quella del riscaldamento diretto.

È in questa seconda fase che in molti esagerano, e facendo ciò non si rendono conto che:

  • riducono di gran lunga le loro prestazioni
  • compromettono le loro capacità di recupero complessiva
  • e ritardano la crescita muscolare

Quindi riscaldamento sì, ma nella misura giusta. Se effettuiamo troppe ripetizioni nelle serie dedicate al riscaldamento non facciamo altro che esaurire le riserve energetiche muscolari causando un'inevitabile accumulo di acido lattico, cosa che a sua volta è in grado di ridurre la forza.

Il riscaldamento diretto è molto importante perchè provoca un aumento di flusso di sangue e nutrienti ai muscoli e alle articolazioni coinvolte nell'esercizio, oltre a conferire un'ottima connesione mente-muscolo e l'attivazione del sistema nervoso centrale per il tipo di esercizio che abbiamo intenzione di fare successivamente.

Facendo qualche ripetizione con poco peso non facciamo altro che mandare un chiaro messaggio al sistema nervoso centrale, ai muscoli e ai tessuti connettivi circa il tipo di intensità e movimento che dovranno compiere subito dopo.

Non sono necessarie decine di ripetizioni, non dobbiamo sfinirci prima di cominciare.

Un riscaldamento come si deve non deve ostacolare in alcun modo la nostra prestazione, non deve causare in alcun modo un eccessivo accumulo di acido intracellulare e deve preparare efficientemente le nostre articolazioni e i nostri muscoli controllati dal sistema nervoso centrale all'onere a cui si sottoporranno.

Vediamo un esempio di riscaldamento ottimale per la distensione su panca.

  • SERIE DI RISCALDAMENTO 50 x 6
  • SERIE DI RISCALDAMENTO 60 x 5
  • SERIE DI RISCALDAMENTO 70 x 4
  • SERIE DI RISCALDAMENTO 80 x 2
  • SERIE DI RISCALDAMENTO 90 x 2
  • SERIE DI ALLENAMENTO 100 x 6 - 7 all'incapacità

Un buon riscaldamento significa miglioramento delle nostre prestazioni e del recupero post-allenamento, quindi un allenamento che possiamo definire produttivo, in poche parole quello che vogliamo.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Perché Incrementare la Massa Muscolare in Inverno?
27 Maggio 2019

Perché Incrementare la Massa Muscolare in Inverno?

Perché tutti i body-builder del mondo cercano di Incrementare la Massa Muscolare in Inverno? Tale filosofia ha senso perché: le temperature più fredde permettono di adottare alimentazioni più robuste e ricche di calorie, spingendo nel contempo carichi più elevati.

Bodybuilding: Qual è il Momento Ideale della Giornata per Allenarsi?
25 Novembre 2018

Bodybuilding: Qual è il Momento Ideale della Giornata per Allenarsi?

Dal Laboratorio in palestra tramite uno studio Australiano

I livelli di TESTOSTERONE sono al massimo al mattino, ed i maschietti se ne dovrebbero accorgere, ma però sono alti anche i livelli di CORTISOLO, se il primo sostiene l'anabolismo ( crescita muscolare), il secondo inibisce l'anabolismo e favorisce i processi catabolici ossia la distruzione dei tessuti muscolari.

Ultimi post pubblicati

YMCA Bench Press Test
15 Luglio 2019

YMCA Bench Press Test

L'obiettivo dell'YMCA bench press test è di valutare la forza e la resistenza dei muscoli estensori del gomito e dei muscoli flessori ed adduttori della spalla.

Tricipite Brachiale
15 Luglio 2019

Tricipite Brachiale

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo tricipite brachiale è il principale mu­scolo estensore dell’avambraccio e, per mezzo del capo lungo, promuove una adduzione dell’omero. È formato da tre parti denominate capo lungo, capo laterale e capo mediale.