(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Integratore Creatina

data di redazione: 24 Settembre 2013 - data modifica: 19 Gennaio 2016
Integratore Creatina

Funzioni principali e leggende sulla creatina

“Per aumentare la massa muscolare l’assunzione della creatina è fondamentale”. Questa affermazione non è del tutto vera, ma certamente la creatina può, in alcuni casi, aiutare lo sviluppo muscolare. Questo approfondimento sull’integratore creatina non vuole certo demonizzare questo integratore, ma solamente aumentare la conoscenza dei nostri lettori. E ricordate che se volete comprare questo prodotto, potete farlo direttamente online attraverso il nostro shop, dove trovate i migliori integratori di creatina selezionati dal nostro staff.


Troppo spesso infatti abbiamo sentito degli atleti (ma anche dei personal trainer) definire la creatina in modo errato, consigliando ad altre persone assunzione di dosi massicce di questo integratore. La creatina è legale, e come molti integratori ha dei pro e dei contro che è bene conoscere. Poi il libero arbitrio vi permetterà di fare la scelta giusta (o almeno speriamo).


Definiamo l’integratore creatina: la terminologia deriva dal greco “kres”, ovvero carne, ed è un aminoacido presente nel nostro organismo. Ponendo come esempio di massima un soggetto di 80kg normoforme, la quantità di creatina presente nel suo corpo è di circa 130gr.
La scoperta si deve al chimico francese Eugène Chevreul, che riuscì ad isolarla dal brodo di carne.


Integrazione creatina, il ruolo fisiologico

Cosa succede quando compiamo uno sforzo molto intenso? Attiviamo un meccanismo energetico anaerobico chiamato alattacido, che ci permette di avere il fabbisogno di energia richiesta. La creatina interviene proprio in questa reazione, proprio per soddisfare quelle richieste energetiche.

Le peculiarità di questo meccanismo sono facilmente desumibili dal nome stesso: anaerobico ci suggerisce la mancanza di ossigeno, mentre alattacido presuppone la produzione di acido lattico.

L’enzima che catalizza la reazione è chiamato creatinchinasi.

Quando noi assumiamo della creatina (ma lo stesso discorso vale per la creatina già presente nel nostro organismo) attiviamo fegato, pancreas e reni, che ne permettono la sintesi.

L’arginina, la metionina e la glicina vengono quindi trasformate in un processo chimico coadiuvato da degli enzimi attivatori. Una trascurabile parte della creatina viene espulsa dai reni dopo essere stata modificata in creatinina.

Un uomo medio ha un fabbisogno di creatina pari a circa 2 gr e tali quantità possono essere tranquillamente assimilate tramite l’assunzione di carne e pesce.

Assumere l’integratore creatina per aumentare le performance atletiche

La creatina, in una buona percentuale di atleti (circa l’80%) sortisce effetti positivi sulle performance, poiché da un surplus di energia nei momenti di massimo sforzo, in virtù delle reazioni chimiche sopra evidenziate.
Alcuni soggetti invece possono soffrire di intolleranze nei confronti di questo integratore e, di conseguenza, il risultato sarà nullo.

All’interno del nostro organismo la creatina incorpora un atomo di fosforo e diventa così fosfocreatina. Questo dettaglio è fondamentale nel momento in cui il corpo svolge un’attività breve e molto intensa, infatti l’ATP si converte in ADP, liberando fosforo, che a sua volta ci da energia pronta. E grazie alla fosfocreatina è possibile riconvertire l’ADP in ATP, ridando energia alle cellule. Come di deduce la caratteristica di questo ciclo è quella di fornire energia per dei picchi molto intensi e questo spiega perché la creatina sia utile per sforzi massimali, tipi del body building e praticamente inutile (anzi dannosa, perché appesantisce) negli sport di resistenza, come la maratona.

Attenzione però! Come abbiamo anticipato, la disinformazione, spesso, miete molte vittime e sulle reali necessità di assumere la creatina come integratore e sulle relative dosi ci sono pareri molto discordanti, a conferma della confusione sull’argomento.

La creatina non va presa in caso di ambienti molto caldi e relativa disidratazione, in casi ipersensibilità e problematiche relative ai reni. Se assunta in dosi massicce può causare problemi intestinali.

Per quanto riguarda le dosi, è sempre consigliabile il parere di un medico, perché soggetti diversi possono avere dei fabbisogni molto vari, anche in funzione dell’alimentazione seguita.

Quindi, se è vero che la creatina migliora, in molti casi, le performance atletiche negli sforzi atletici intensi di breve durata, è altrettanto vero che scarse sono le informazioni e i test relativi a questo integratore.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Allenamento body building
19 Gennaio 2016

Allenamento body building

La persona, i fondamentali e gli allenamenti avanzati per body builder.L’allenamento per il body building è spesso ed erroneamente associato solo al superamento dei propri limiti e all’intensità dell’allenamento, ma per diventare un body builder è necessaria un’accurata conoscenza del proprio corpo e delle tecniche di allenamento

Incremento massa muscolare
19 Gennaio 2016

Incremento massa muscolare

L’incremento di massa muscolare si può ottenere, concettualmente, in maniera molto semplice, ma il paradosso è dato dal fatto che il raggiungimento della “semplicità”, sia essa riferita all’allenamento, all’alimentazione  al recupero, è abbastanza complesso.

Ultimi post pubblicati

DIFESA PERSONALE - COME TIRARE UNA GOMITATA EFFICACE
17 Febbraio 2019

DIFESA PERSONALE - COME TIRARE UNA GOMITATA EFFICACE

Consigli sugli errori da non fare e gli accorgimenti da adottare

Le gomitate sono un tema scottante per la difesa personale, e se vuoi dei consigli per tirarla in modo efficace trovi un video esplicativo in coda all’articolo.

Warrior Diet - La Dieta Del Guerriero
17 Febbraio 2019

Warrior Diet - La Dieta Del Guerriero

Il digiuno, la riduzione o l'astinenza dal consumo di cibo, è una pratica alimentare che è stata usata fin dall'antichità per vari scopi: religiosi, sanitari e fisici finalizzati a migliori performance in combattimento. La Warrior Diet o dieta del guerriero (avente similitudini con la Paleo Diet) nasce a seguito di uno studio delle abitudini alimentari dei guerrieri dell'antica Roma, e in generale degli uomini dell'età della pietra.