Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Programma Massa Muscolare

data di redazione: 24 Settembre 2013 - data modifica: 02 Ottobre 2014
Programma Massa Muscolare

Programmare un aumento di massa, un obiettivo ambizioso ma raggiungibile


In questo approfondimento parliamo, non  a caso, di “programma” per la massa muscolare, ovvero una vera e propria pianificazione per l’atleta che pone l’aumento di massa al primo posto tra i suoi obiettivi.
Dico non a caso, perché un programma per la massa muscolare consta di molti elementi, da un lato, e di un’analisi approfondita, dall’altro.
I macro elementi che vanno a comporre un programma come questo sono:

  • Una buona alimentazione, varia e qualitativa
  • Uno stile di vita adeguato, che rispetti i bioritmi e favorisca il raggiungimento dell’obiettivo
  • Un programma di allenamento pianificato e dinamico, che vada incontro agli sviluppi dell’atleta

Mentre, per quanto riguarda l’analisi dell’atleta, è sempre bene valutare alcuni punti fondamentali, come:

  • Assenza di traumi scheletro-muscolari e, quindi, il perfetto stato di forma e salute
  • Lo storico dell’atleta, ovvero (se presenti) gli allenamenti, l’alimentazione, gli integratori ed i risultati conseguiti dallo stesso
  • Analisi corporea, tramite plicometria, per creare un “punto zero” che ci permetta di valutare i progressi delle azioni intraprese.


Non ci dimenticheremo mai di ricordare che ogni essere umano è unico e nelle sue peculiarità va studiato e trattato.
Ci sentiamo di dare anche un consiglio, in virtù delle esperienze personali che abbiamo vissuto. Spesso gli atleti ci chiedono di aumentare la massa e dopo 5-6 mesi si lamentano per l’appannaggio delle fasce addominali. Quindi, è bene chiarire una cosa. Un programma per l’aumento di massa muscolare richiede un apporto calorico importante che probabilmente incrementerà, anche se non di molto, la percentuale di grasso nel nostro corpo. Detto questo si evince che la programmazione permette, a fronte di un aumento di massa, di inserire una fase più rivolta alla definizione, che permette comunque il mantenimento della massa acquisita. Solitamente la prima fase avviene nei mesi invernali, quando abbiamo naturalmente più bisogno di cibi calorici (per proteggerci dal freddo), mentre la seconda nei mesi primaverili, in previsione dell’estate.


Programmare l’aumento di massa, ma i muscoli non sono tutti uguali


Una volta, mentre mi allenavo in una palestra, ho visto un ragazzino eseguire 4-6 ripetizioni per serie con l’intento di allenare i polpacci. In quel momento mi sono reso conto che c’è ancora molta confusione in merito alle tipologie di muscoli che compongono il nostro corpo. In linea del tutto generale è vero che diminuendo le ripetizioni e aumentando i carichi si lavora in maniera più specifica per l’aumento di massa, ma i muscoli non sono tutti uguali!
Nel caso dei polpacci, volendo stimolare adeguatamente le fibre rosse che lo compongono, occorre esercitare uno sforzo lavorativo di circa 70-90 secondi (si, è moltissimo…). Questo si traduce in serie che possono avere, a seconda della velocità d’esecuzione dell’esercizio, anche 20-30 ripetizioni l’una. Può sembrare un numero abnorme, ma usare il giusto peso.

A seguire un piccolo riassunto per ricordare la composizione dei nostri muscoli:

  • I tipi di fibre muscolari: sono bianche, rosse, intermedie e semitendinose. Ogni nostro muscolo, senza nessuna eccezione, è costituito in parti variabili da questi elementi. La diversa composizione determina importanti differenze nell’approccio all’allenamento.
  • Pettorali: hanno prevalentemente fibre intermedie
  • Spalle: hanno prevalentemente fibre rosse
  • Bicipiti: hanno prevalentemente fibre rosse
  • Tricipiti: hanno prevalentemente fibre bianche
  • Quadricipiti: hanno prevalentemente fibre intermedie
  • Dorsali: hanno prevalentemente fibre bianche
  • Gambe: hanno prevalentemente fibre intermedie
  • Avanbracci: hanno prevalentemente semitendinose
  • Polpacci: hanno prevalentemente semitendinose
  • Femorali: hanno prevalentemente semitendinose


Come anticipato, ogni muscolo dev’essere trattato diversamente, con il numero di ripetizioni più appropriato. A seguire dei valori che possono essere “mediamente attendibili”: 6-8 per le bianche, 8-10 per le intermedie e 12-25 per le rosse.
Anche le tempistiche di riposo cambiano: lungo per bianche (fino a 240 secondi), medio per le intermedie (fino a 150 secondi) e breve per le rosse (fino a 90 secondi).

Questi concetti sono alla base di ogni buon allenamento e, a maggior ragione, per perseguire l’aumento di massa muscolare.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Esercizi body building
19 Gennaio 2016

Esercizi body building

Gli esercizi del body building possono essere in parte catalogati e definiti come “esercizi primari del body building”, e rappresentano la base di ogni buon body builder, che probabilmente ha costruito la sua muscolatura cominciando proprio così. Ma la storia di quest’affascinante disciplina ci racconta che dietro ai classici esercizi di body building ci sono numerose varianti, talvolta simili e più spesso molto diverse, dei classici esercizi.

Allenamento Arti Marziali
02 Ottobre 2014

Allenamento Arti Marziali

Peculiarità dell’allenamento per chi pratica arti marziali. L’allenamento per arti marziali è sicuramente molto particolare, perché particolari sono i fini stessi dell’allenamento. Spero di non aver confuso nessuno, ma cercherò di essere più chiaro.

Ultimi post pubblicati

YMCA Bench Press Test
15 Luglio 2019

YMCA Bench Press Test

L'obiettivo dell'YMCA bench press test è di valutare la forza e la resistenza dei muscoli estensori del gomito e dei muscoli flessori ed adduttori della spalla.

Tricipite Brachiale
15 Luglio 2019

Tricipite Brachiale

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo tricipite brachiale è il principale mu­scolo estensore dell’avambraccio e, per mezzo del capo lungo, promuove una adduzione dell’omero. È formato da tre parti denominate capo lungo, capo laterale e capo mediale.