(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Allenamento da Sprinter

data di redazione: 28 Agosto 2015 - data modifica: 29 Agosto 2015
Allenamento da Sprinter

Diventare più Potenti e Veloci


Siete muscolosi e forti, ma questo non significa essere per gioco forza atletici, pensate ad uno scatto di Usain Bolt o Justin Gatlin o ad una volata del tedesco Greippel, sono tutti molto forti, ma per loro muscoli e forza sono un mezzo per raggiungere altri obiettivi: correre veloce, pedalare alla massima velocità. In questo articolo vi daremo qualche consiglio su come migliorare la vostra condizione di atleta a 360°.

Gli sprinter devono bilanciare l'ampiezza della falcata con la sua velocità, se la velocità é eccessiva, ne risente la falcata e viceversa.

Per ottenere un equilibrio ottimale, provate il seguente esercizio: state in posizione eretta con i piedi uniti e fate un normale passo in avanti. Durante il passo, sollevate la caviglia della gamba in elevazione fino all'altezza del ginocchio opposto. Questa è la posizione da mantenere sempre durante la corsa e permette di abbinare in modo ideale l'ampiezza della falcata alla sua frequenza.

Se glutei, anche e posteriori sono la forza di propulsione di un velocista, anche un potente movimento delle braccia favorisce l'azione delle gambe.

Per la tecnica giusta pensate "mento-tasca": mentre correte, arrivate con la mano alla tasca dei calzoncini e poi oscillate di 15 cm dal mento. Tenendo a mente le suddette meccaniche, ecco i consigli di alcuni preparatori U.S.A. per aumentare le prestazioni nei 100 metri.

1) per 6 settimane fate strappi, slanci e squat ad elevato numero di ripetizioni, in detto periodo correte anche su distanze più elevate sui 5-6 km a passo moderato per 3 volte la settimana.

2) Fate anche una sessione di 4-6 scatti da 400 metri a circa il 75% della vostra velocità massima

3) Al termine staccate dai pesi per una o due settimane e partite con il seguente protocollo:

Protocollo Sprint

  • 10 sprint da 100 metri con 5' di pausa tra l'uno e l'altro
  • 10 sprint da 60 metri con 4' di pausa tra l'uno e l'altro
  • 5 sprint da 150 metri con 6' di pausa tra l'uno e l'altro
  • 10 sprint da 50 metri con 3' di pausa tra l'uno e l'altro

Consigliamo detto protocollo 2 volte alla settimana in giornate distanti dove nella giornata mediana inserirete un workout con i pesi (magari per la parte superiore) con esercizi base a medio basse ripetizioni

Buon ABC Allenamento

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Le Modalità di Allenamento con la Corsa nella Preparazione per gli Sport da Combattimento
22 Settembre 2015

Le Modalità di Allenamento con la Corsa nella Preparazione per gli Sport da Combattimento

Corsa a scatti, balzi, Skip a ginoccha alte e soprattutto il Fartlek per la preparazione dell'atleta

La parola "fartlek" è scandinava e significa "gioco veloce", si tratta di un allenamento abbastanza impegnativo ma efficace, idealmente svolto in ambiente collinare o comunque con dolci cambi di pendenza, ed è consigliabile solo nel mese di preparazione precedente al match.

Sport e Vacanze - L'allenamento Incrociato Estivo
23 Luglio 2017

Sport e Vacanze - L'allenamento Incrociato Estivo

L'estate è il periodo che la maggior parte degli atleti agonisti sfrutta per riposarsi e rigenerarsi. Nonostante ciò non è intelligente fermarsi del tutto, portando la condizione atletica a livelli troppo bassi per poi ritrovarsi a settembre in condizioni atletiche disastrose.

Ultimi post pubblicati

Il Miglior Allenamento Per Perdere Grasso
15 Febbraio 2019

Il Miglior Allenamento Per Perdere Grasso

Programma di allenamento per dimagrire con esercizi di forza, cardio, protocolli HIIT e consigli alimentari perchè senza una buona alimentazione non si va da nessuna parte.

Riso Pilaf Con Frutta e Cipollotti
14 Febbraio 2019

Riso Pilaf Con Frutta e Cipollotti

Il termine pilaf di per sè, contrariamente al significato che ha acquisito per metonimia in italiano e in altre lingue, non si riferisce al riso, ma alla maniera di cucinarlo: pilaf è la cottura del riso, non il riso in sè.
Preparazione: 30 min.
Difficoltà: 3
N. porzioni: 4