ABC Allenamento
(0)
Carrello (00)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Correre Sulla Neve

data di redazione: 01 Marzo 2018
Correre Sulla Neve

Correre Sulla Neve? Maltempo e corsa non vanno d'accordo. Molti runner quando si trovano in presenza di condizioni atmosferiche avverse optano per un training in palestra o al tapis roulant, anche se sono comunque tantissimi i podisti "convinti" che nonostante pioggia o neve non sacrificano il loro programma di allenamento e non rinunciano alla loro uscita di corsa esterna. Sicuramente l'evento atmosferico più fastidioso è la pioggia, ma dato il particolare momento che stiamo vivendo non è di questa che oggi vogliamo parlare, bensì della neve.

WINTER RUNNING

Correre sulla neve, anche se indubbiamente più faticoso, può essere un'esperienza fantastica e suggestiva. Ci sono runner che amano in particolar modo la corsa su terreni innevati, per il contesto magico, il senso di calma e pace che trasmette; non per niente negli ultimi anni ha preso piede anche in Italia il winter running, ovvero la disciplina di corsa sulla neve, che ammette anche vere e proprie competizioni, che per ovvie ragioni qui da noi per lo più vengono organizzate nelle zone alpine e pre-alpine, tra boschi incontaminati ed emozionanti panorami, che rendono il tutto un'esperienza senza eguali.

PRIMA DI TUTTO IL VESTIARIO

Dal momento in cui si decide di avventurarsi in una corsa in mezzo alla neve la prima regola in assoluto da rispettare è quella di condurre un'attenta e ben curata analisi del vestiario. Non è mai facile vestirsi correttamente; l'errore più comune è quello di coprirsi troppo e con indumenti non idonei, dato che la percezione del calore durante la corsa aumenta di circa una decina di gradi. 

Le parti del corpo che dobbiamo prendere maggiormente in considerazione sono le estremità, cioè la testa, le mani e i piedi.

Al riguardo è molto importante coprirsi il capo con un berretto in tessuto traspirante, in quanto è proprio dalla testa che viene dissipato circa il 30% del calore corporeo. Per quello che riguarda le mani è consigliabile indossare un paio di guanti tecnici, mentre per i piedi, grazie al continuo impatto con il terreno (che garantisce una microcircolazione molto attiva), in condizioni di terreno asciutto (neve compatta) non è necessario esagerare con le calzature.

Ma l'accessorio più importante sono le scarpe.

Per terreni innevati sono indispensabili scarpe impermeabili e con battistrada scolpito. L'impermeabilità della scarpa garantisce un ambiente asciutto per i nostri piedi, mentre il battistrada scolpito permette alla neve di formare un velo, che al contrario di quello che si pensa, conferisce maggiore aderenza con il terreno innevato. 

LA NEVE GIUSTA

È necessario fare attenzione al ghiaccio, perchè è insidiosissimo e sarebbe da evitare sempre e comunque. La neve fresca è meno insidiosa di quello che si pensa e con le scarpe adatte offre una risposta alla compressione simile a quella della sabbia. 

L'insidia dell'andare a correre sulla neve fresca è quella di imbattersi su superfici molto diverse, per cui è importante stare attenti a dove si mettono i pedi (per evitare lastroni di ghiaccio) ma soprattutto ai tratti in discesa, dove il precario bilanciamento del corpo aumenta esponenzialmente il rischio di cadute.

Dobbiamo essere consapevoli che la sicurezza viene prima di tutto, per cui se decidete di immergervi in un'inconsueta e suggestiva corsa sotto la neve per una volta non date importanza all'andatura, alla falcata e alle tempistiche, ma godetevi semplicemente il vostro insolito allenamento.

DISPENDIO ENERGETICO 

Camminare sulla neve (snow walking)

>> 547,78 Kcal/h
(assumendo un peso corporeo di 70 Kg)

>> Uomo, 35 anni, alto un metro e 75 cm, peso 75 kg
Consumo calorico: 562,77 KCal/h

>> Donna, 35 anni, alta un metro e 65 cm, peso 55 kg 
Consumo calorico: 421,33 KCal/h



Potrebbe interessarti anche

Lezioni di gruppo in palestra
01 Ottobre 2014

Lezioni di gruppo in palestra

Le lezioni di gruppo sono consigliate a tutti? E quando possiamo definire una lezione di gruppo "allenante"?

I corsi in palestra sono molto popolari ed hanno successo tra quegli utenti che, non praticando uno sport, hanno bisogno di muoversi per migliorare la forma fisica generale: ma le attività di gruppo sono efficienti?

QUAL È IL RITMO IDEALE DI CORSA PER OTTIMIZZARE L'UTILIZZO DELLE FONTI ENERGETICHE?
29 Novembre 2018

QUAL È IL RITMO IDEALE DI CORSA PER OTTIMIZZARE L'UTILIZZO DELLE FONTI ENERGETICHE?

I muscoli devono diventare bravi al punto da bruciare gli acidi grassi anche ad andature elevate, cioè quelle in cui di solito i muscoli stessi si alimentano bruciando invece glicogeno.

Ultimi post pubblicati

BodyBuilding a Circuito Per Perdere Grasso e Conservare La Massa Muscolare
21 Aprile 2021

BodyBuilding a Circuito Per Perdere Grasso e Conservare La Massa Muscolare

Come Perdere peso in grasso, senza perdere muscoli

Non ci sono dubbi che l’esercizio, in particolare quello orientato all’allenamento della forza, possa contribuire al mantenimento della massa muscolare durante la riduzione del peso. Per perdere grasso bisogna mettersi a dieta, i provvedimenti dietetici devono dare particolare attenzione all’assunzione delle proteine

Scheda in Monofrequenza con Richiami Muscolari
08 Aprile 2021

Scheda in Monofrequenza con Richiami Muscolari

Scheda di Allenamento Old School anni 80

La monofrequenza “pura” non esiste, perché la fisiologia del nostro corpo va in una direzione completamente diversa. Chi pensa d’allenare un muscolo una volta a settimana in monofrequenza, in realtà non sa che sta facendo un allenamento pesante, più diversi richiami, perché nessun muscolo può mai lavorare in modo totalmente isolato. Fatta questa premessa entriamo nel nocciolo dell'articolo.