Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Il Modo Migliore Per Dimagrire Con La Corsa

data di redazione: 08 Gennaio 2018 - data modifica: 28 Gennaio 2018
Il Modo Migliore Per Dimagrire Con La Corsa

Corsa - Quale Velocità Adottare per Dimagrire?

Qual é l'Andatura Migliore Per Dimagrire Con La Corsa? Molti corrono per passione, alcuni per agonismo, tantissimi per dimagrire. Che correre faccia dimagrire è risaputo, ma sul "come" correre le opinioni spesso sono discordanti. Alcuni sono convinti che sia il tempo della corsa il fattore determinante per perdere peso, ed in parte è vero.

Un concetto sul quale siamo tutti d'accordo è che per dimagrire è necessario bruciare più calorie di quante se ne assumono con l'alimentazione. Detto questo, tenendo presente che correndo bruciamo calorie, il ragionamento più sensato sembra essere che per perdere peso basta correre per molto tempo, e come abbiamo già detto in questo c'è una parte di verità, ma detta così è alquanto riduttiva.

  • In primo luogo bisogna tenere in considerazione che per dimagrire è fondamentale abbinare una corretta alimentazione all'attività motoria. 
  • A riguardo è importante sapere che i carboidrati che assumiamo tramite l'alimentazione si trasformano in grasso solamente se le riserve degli stessi sono al massimo
  • Quando andiamo a correre il nostro organismo usa sia il grasso che i carboidrati come energia e la quantità di questi che viene utilizzata dipende dall'intensità del nostro allenamento. 
  • Se il ritmo della nostra corsa sarà lento il nostro organismo tenderà a bruciare grassi, al contrario se l'intensità sarà alta utilizzerà prevalentemente carboidrati.

Detto questo sembra logico e scontato che per dimagrire devo correre a ritmo blando e per un tempo relativamente lungo, ma la realtà è che se voglio bruciare molte calorie, quindi più di quelle che assumo con l'alimentazione, devo correre sicuramente per un determinato periodo di tempo ma anche ad una certa intensità, stimata intorno al 70% della massima frequenza cardiaca.

  • Per capirci meglio la frequenza cardiaca per una corsa blanda si aggira intorno al 50%, mentre quella moderata (ovvero quella ideale in termini di dimagrimento) come abbiamo detto è intorno al 70%. 
  • Per la corsa veloce la frequenza cardiaca è invece dell'80% e per ultimo quella agonistica può arrivare anche al 90%.

Correre ad un'intensità medio-elevata consente di bruciare in generale un numero maggiore di calorie, questo anche perché il nostro organismo una volta terminato l'esercizio fisico continua a bruciarle per ristabilire l'equilibrio perso, cosa che invece succede solo in piccola parte con la corsa blanda. In definitiva possiamo affermare che la giusta intensità abbinata ai chilometri percorsi e quindi al tempo determinano i livelli di dimagrimento.

  • Facendo un calcolo approssimativo si stima si bruci circa 1Kcal per chilogrammo di peso corporeo per ogni chilometro percorso, per cui un soggetto di 70 Kg che percorre 10 chilometri brucerà approssimativamente 700 Kcal. 
  • Considerando le calorie assunte con l'alimentazione, quelle bruciate attraverso le varie attività e tenendo conto del metabolismo basale si può stabilire quindi se stiamo lavorando bene e se siamo quindi nella direzione giusta per perdere peso.

COME COMINCIARE A CORRERE PER DIMAGRIRE

La fase iniziale è quella più difficile. consigliamo di iniziare con sessioni di allenamento brevi e a bassa intensità, ma regolari. Questa fase si rende necessaria per costruire le basi e per insegnare al corpo a prendere una percentuale più alta di energia dalle riserve di grasso. Dovete sapere che soprattutto all'inizio, il corpo prenderà le energie dai carboidrati che ha a disposizione nei muscoli e nel fegato, invece che attingere dalle riserve di grasso. 

Si dice che nei primi 30 minuti di movimento non si bruciano grassi, ma non è così: il corpo brucia carboidrati e grassi contemporaneamente, ma ovviamente durante una corsa lunga si bruciano più calorie, rispetto a una corsa breve. Dopo la fase iniziale, è necessario cambiare il contenuto, la distanza e l’intensità degli allenamenti. Nella prima fase, che dura all’incirca 3-4 settimane, ci si concentra sul fare della corsa un allenamento regolare. Dopo questa fase bisogna aumentare lo stimolo di allenamento per far davvero bruciare i grassi.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Walking
10 Marzo 2015

Walking

Consigli Tecnici per Migliorare le Proprie Prestazioni durante le Camminate

Camminare bene aiuta la funzionalità dell'apparato cardiovascolare, rinforza le ossa e permette di mantenere il peso sotto controllo. Questi benefici variano naturalmente in relazione all'età, al percorso (salita, piano, discesa), alla temperatura esterna e a tanti altri fattori.

Lezioni di gruppo in palestra
01 Ottobre 2014

Lezioni di gruppo in palestra

Le lezioni di gruppo sono consigliate a tutti? E quando possiamo definire una lezione di gruppo "allenante"?

I corsi in palestra sono molto popolari ed hanno successo tra quegli utenti che, non praticando uno sport, hanno bisogno di muoversi per migliorare la forma fisica generale: ma le attività di gruppo sono efficienti?

Ultimi post pubblicati

Cosce Che Non Crescono
25 Marzo 2020

Cosce Che Non Crescono

Proposta di allenamento ad alto volume e multi frequenza per far crescere i muscoli delle cosce. Scheda di allenamento in German Volume Training per dare nuovo stimolo allo sviluppo muscolare.

Definizione Muscolare Con La Scheda Upper e Lower Body
23 Marzo 2020

Definizione Muscolare Con La Scheda Upper e Lower Body

Con l'allenamento inferiore superiore è possibile concentrarsi maggiormente su sollevamenti pesanti rispetto ad altri piani di allenamento. I sottoprodotti chimici derivati ​​dal metabolismo anaerobico chiamato stress metabolico è responsabile dell'ipertrofia del 25%. L'aumento dello stress metabolico dovuto alla maggiore intensità e frequenza di allenamento è ciò che ti avvantaggia quando segui la divisione inferiore superiore.