(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Interval Training Nella Corsa

data di redazione: 14 Febbraio 2018
Interval Training Nella Corsa

Anche nella corsa, come in tanti altri sport, si utilizza l'interval training come metodo di preparazione alle gare. L'interval training è sostanzialmente un tipo di allenamento che comprende una corsa intervallata, discontinua, per cui è caratterizzata da ritmi più intensi che si alternano a ritmi invece di intensità minore. Questo genere di allenamento è estremamente produttivo, in quanto permette di migliorare la propria capacità aerobica, consentendo di conseguenza di incrementare la propria velocità di corsa. Generalmente l'interval training è utilizzato da runner professionisti, capaci quindi di gestire l'allenamento e il successivo recupero, cosa non semplice per un semplice amatore.

INTENSITÀ DELL'ALLENAMENTO

Come abbiamo già detto l'interval training è un alternarsi di ritmi di corsa, quindi è strettamente correlato al fattore intensità, ovvero all'entità dello sforzo che l'atleta stesso esprime. Per capire bene come utilizzare in maniera ottimale l'interval training è necessario quindi saper gestire l'intensità dell'allenamento, che dovrà tenere conto di tre parametri fondamentali:

  • la velocità
  • la frequenza cardiaca
  • la percezione personale della fatica

Generalmente l'atleta professionista utilizza la frequenza cardiaca solamente come metodo di valutazione e monitoraggio dell'allenamento, mentre i ritmi al chilometro e la percezione della fatica sono i suoi principali parametri di valutazione. Solitamente all'amatore agonista viene consigliato di miscelare tutti e tre i metodi di valutazione dell'intensità, chiaramente in funzione del tipo di allenamento. Ad ogni modo la frequenza cardiaca è consigliata:

  • nei lavori lenti della durata di circa un'ora
  • nelle uscite collinari
  • come mezzo di monitoraggio degli allenamenti per valutare eventuali miglioramenti di condizione a parità di velocità
  • come mezzo di monitoraggio per valutare l'intensità degli allenamenti
  • nei tragitti dove a causa del dislivello risulta difficoltoso impostare dei ritmi al chilometro

Il ritmo o velocità è invece consigliato:

  • nelle ripetute in percorsi piani
  • nel fondo medio in pianura, svolto qualche secondo al chilometro più veloce del ritmo di gara (tipo maratona)
  • nei lunghi in pianura di durata superiore all'ora
  • e nei lunghi specifici a ritmo di gara

La percezione personale della fatica dovrebbe essere la base che permette al runner di decidere se effettuare un allenamento più intenso o più blando. Nelle gare non troppo lunghe e comunque quando non si ricerca il personale, la percezione della fatica deve essere utilizzata come strumento di adeguamento dei ritmi del proprio allenamento. 

All'amatore o comunque a chi utilizza la corsa come mezzo per tenersi in forma viene consigliato di utilizzare la frequenza cardiaca in quasi tutti gli allenamenti in pianura o in lieve ondulazione, tranne le ripetute inferiori ai tre minuti. 

Il ritmo al chilometro invece, per questo tipo di runner, è un metodo di valutazione da utilizzare solo successivamente, per alcune valutazioni da effettuare dopo una sorta di periodo di "preparazione". La percezione personale della fatica invece è da utilizzare nelle brevi fasi di corsa inferiori ai tre minuti e come strumento di gestione generale degli allenamenti. 

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

11 Consigli per Tornare in Forma con la Corsa
16 Gennaio 2017

11 Consigli per Tornare in Forma con la Corsa

È ora di mettersi in riga, di trovare quella mezz'ora almeno due o tre giorni a settimana, di attrezzarsi e di partire. Se siete un tipo sedentario è il momento di cambiare il vostro modo di vivere, unito ad una riforma in positivo del vostro regime alimentare, e non stupitevi poi se già dalla mattina vi sentirete meglio...

Corsa - I Vantaggi dell'Allenamento con Sedute Consecutive
28 Gennaio 2018

Corsa - I Vantaggi dell'Allenamento con Sedute Consecutive

La frequenza degli allenamenti è un argomento sempre molto discusso, sia nell'ambiente del bodybuilding che per tutti gli altri sport, e la corsa non fa eccezione.

Ultimi post pubblicati

Dove Effettuare Le Tecniche Ad Alta Intensità?
23 Aprile 2019

Dove Effettuare Le Tecniche Ad Alta Intensità?

In un allenamento ad alta intensità il distretto muscolare target è spinto fino al limite massimo, producendo il massimo della forza possibile in quel determinato momento dell'esercizio effettuato.

Bodybuilding: Come Nutrirsi Correttamente
22 Aprile 2019

Bodybuilding: Come Nutrirsi Correttamente

Il bodybuilding si distingue dal powerlifting e dal sollevamento olimpico in quanto il giudizio è sul fisico del concorrente, la forza, le performance non interessano i giudici o le vostre ammiratrici. Pertanto, i bodybuilder aspirano a sviluppare e mantenere un fisico ben bilanciato, armonico, magro e muscoloso.