(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Nordic Walking e Camminata - Quali sono le Differenze?

data di redazione: 08 Giugno 2017
Nordic Walking e Camminata - Quali sono le Differenze?

Chiunque può praticare il Nordic Walking. È uno sport che si può praticare senza distinzioni di età, di condizione, quindi sia il soggetto sportivo che il meno allenato, e senza alcuna controindicazione. Questa attività sportiva dà risposte più che soddisfacenti per diverse problematiche di salute. Per esempio chi soffre di mal di schiena troverà nel Nordic Walking un ottimo alleato per ritrovare la postura corretta, come il soggetto in riabilitazione, che con l'uso dei bastoncini può riacquistare stabilità, sicurezza e l'appoggio corretto del piede.

Il Nordic Walking si pratica all'aria aperta, ed è un'attività che sviluppa resistenza, generando benessere mentale. La tecnica si basa sulla camminata biomeccanicamente corretta e si esercita con la combinazione dei movimenti di braccia, busto e gambe, come nello sci nordico. A questa camminata viene aggiunto l'uso funzionale di due particolari bastoncini che, a differenza del trekking, servono a spingere ed aiutare dinamicamente i movimenti.

COME FUNZIONA IL NORDIC WALKING?

Per ottenere il massimo dei benefici, come per qualsiasi altro sport, la tecnica diventa determinante.

Il passo alternato, cioè l'alternanza dei movimenti di braccio e gamba opposti (gamba destra con braccio sinistro e viceversa), deve funzionare come i meccanismi di un orologio.

Il nordic walking ci può aiutare a recuperare la camminata naturale, che i ritmi di vita frenetici ci hanno fatto dimenticare, infatti nella vita di tutti i giorni assumiamo inconsapevolmente posture scorrette.

Per renderci conto di questo ci basta pensare al fatto che quando camminiamo, per evitare gli ostacoli, abbiamo preso l'abitudine di guardare per terra.

Questo comportamento sbagliato porta ad un irrigidimento della porzione cervicale della colonna e delle spalle, una chiusura della respirazione e uno scarso lavoro della muscolatura addominale e dorso-lombare. Non per ultimo, per questione di fretta, i nostri passi sono diventati corti e ravvicinati.

La conseguenza di tutto ciò è un lavoro incompleto della catena muscolare posteriore delle gambe, dai polpacci fino ai glutei, e la posizione scorretta del piede. Attraverso il suo completo movimento, la "rullata del piede" aiuta la circolazione venosa e linfatica in fase di risalita.

Con la camminata nordica si recuperano gradualmente queste funzioni. Si ritrovano le corrette curve fisiologiche della colonna vertebrale, semplicemente cercando di guardare in avanti e non in basso. Le spalle si distendono, le braccia oscillano di più senza rimenere rigide lungo i fianchi, e si raggiungono nel complesso maggiore stabilità ed equilibrio. Con l'allungamento della falcata si rendono più stabile il passo e più completa la rullata del piede, perchè si è costretti ad eseguire il classico appoggio in sequenza di tallone, arco plantare e dita fino allo stacco dell'alluce.

I BENEFICI

Il nordic walking può essere considerato una delle attività sportive più complete, e secondo le ricerche scientifiche si può affermare che:

  • coinvolge circa il 90% della muscolatura, per un totale di oltre 600 muscoli
  • migliora la postura e la coordinazione
  • rispetto alla normale camminata potenzia la resistenza aerobica, con un aumento medio tra le 10 e le 15 pulsazioni al minuto
  • aumenta fino al 45% il consumo calorico rispetto ad una normale camminata
  • riduce le tensioni muscolari di spalle e nuca
  • aumenta resistenza, forza, mobilità e coordinazione
  • alleggerisce il carico sulle articolazioni e sull'apparato motorio in generale
  • è consigliato come tecnica riabilitativa degli arti inferiori o nel recupero della mobilità
  • come tutte le discipline outdoor, è un ottimo antistress e antidepressivo

NORDIC WALKING E CAMMINATA, LE DIFFERENZE



Il nordic walking e la camminata non sono la stessa cosa. Ma allora, cosa le differenzia?


Con l'uso dei bastoncini, il nordic walker cammina con la presenza di due prolunghe, quasi in quadrupedia, in sostanza un ritorno alle origini. In questo modo le braccia trasmettono al suolo una forza e una direzione simile alla gamba in appoggio. Viene così ridistribuita, tramite la consequenzialità spalla-braccio-polso-bastoncino-suolo, la potenza necessaria per spostare il baricentro in avanti.


I bastoncini migliorano la propriocezione attiva, diventando un ausilio per risparmiare energia, anziché fare fatica. Con questa azione di spinta si attua un coinvolgimento di tutti i muscoli della parte superiore del corpo, dal deltoide agli addominali, di solito poco usati. In definitiva, nel nordic walking il movimento viene distribuito anche alle braccia, alla schiena, alla testa e il corpo si dispone in maniera più armonica, mentre nella normale camminata si coinvolgono solo gambe e piedi.

ACCESSORI E ABBIGLIAMENTO

L'attrezzatura principale del praticante di nordic walking sono i bastoncini e le scarpe. La scelta dei bastoncini deve essere accurata, infatti è fondamentale la lunghezza, che deve essere adeguata alla propria altezza. Per calcolarla si impugna il bastoncino perpendicolarmente a terra, e il braccio e l'avambraccio si forma un angolo di 90 gradi.

Questa sarà l'esatta lunghezza del bastoncino da adottare. Per quello che riguarda le scarpe per quello che ci risulta per ora il mercato non offre calzature specifiche per il nordic walking. L'orientamento di chi pratica questa disciplina è rivolto alle scarpe da trail. In generale le scarpe devono avere una buona calzata e devono essere flessibili per permettere una buona rullata del piede.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Come Impostare il Proprio Ritmo di Corsa
13 Agosto 2017

Come Impostare il Proprio Ritmo di Corsa

Qual è l'intensità migliore per correre?

La gestione dell'intensità dello sforzo è fondamentale per qualsiasi persona che voglia svolgere un'attività fisica corretta, e gestione, in questo caso, significa conoscienza.

Le Problematiche più Frequenti nella Pratica della Corsa
09 Agosto 2015

Le Problematiche più Frequenti nella Pratica della Corsa

Gli Infortuni e Problemi più Comuni che possono Accadere Correndo

La corsa è una di quelle pratiche sportive "più semplici", nel senso che bene o male tutti sappiamo correre, e se decidiamo di metterci un paio di scarpette, un paio di pantaloni ed una maglietta per andare a correre lungo il fiume lo possiamo fare senza dover andare ad imparare la tecnica in qualche corso in palestra. Siamo tutti d'accordo che la corsa è un toccasana per la nostra salute, a meno che non abbiamo già particolari problematiche, vale la pena quindi entrare nel merito del discorso, dove in questo articolo parleremo dei piccoli o grandi problemi che possono insorgere praticando jogging.  

Ultimi post pubblicati

ABC Safe: La Giusta Distanza Per Sferrare una Gomitata
23 Settembre 2018

ABC Safe: La Giusta Distanza Per Sferrare una Gomitata

Sifu Sandro Ci Spiega la Giusta Distanza per Sferrare una Gomitata

La gomitata è uno dei colpi più potenti e letali in quanto è un colpo che taglia, è un colpo che è in grado di concludere una lite, un match di muay thay o mma. Proprio per il fatto che la superficie di impatto è in pratica lo spigolo del gomito, questo tipo di colpo, anche se non è portato alla massima potenza, è in grado di aprire una profonda ferita.

Galletto al Limone con Paprika e Dragoncello
22 Settembre 2018

Galletto al Limone con Paprika e Dragoncello

La ricetta base è di origine romana, ma ogni regione ne ha una propria versione: la caratteristica di base, da cui deriva il nome “alla diavola”, è il colore rosso del pollo grazie alla consistente aggiunta di peperoncino, sia la paprica dolce che quello piccante.
Preparazione: 60 min.
Difficoltà: 5
N. porzioni: 4