Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

4 Punti Per il Successo di un Buon Programma di Allenamento

data di redazione: 20 Giugno 2015
4 Punti Per il Successo di un Buon Programma di Allenamento

Dal primo momento che si mette piede in palestra, si cerca un programma di allenamento magico o che faccia miracoli. 

Questo articolo ha l'intenzione di rivolgersi maggiormente a coloro che non sono principianti. Questo non perché i principianti non meritano molta attenzione. Ma per coloro che non si sono mai allenati con i pesi, lo stato di avanzamento iniziale sarà veloce e furioso. Basta scegliere un programma di allenamento, meglio se strutturato con logica e competenza, seguirlo in modo coerente per vedere che il corpo si adatterà in fretta. Molti invece, ricordano quei giorni che si facevano record personali ogni volta che si andava in palestra, come un tempo di gloria ormai passato. Per la maggior parte, purtroppo, quei giorni sembrano finiti.

 

Molte persone, hanno visto nel loro allenamento, una progressione che è durata per qualche tempo, ma ora questi progressi sono in fase di stallo. Il corpo non sta più migliorando e la quantità di moto sembra essere andata via dalla palestra. Questo è quando un buon programma di allenamento diventa fondamentale. Attraversare varie fasi o livelli, come da principiante a intermedio è di fondamentale importanza in quanto ciò consentirà ad un bodybuilder o sollevatore di rimanere motivato ​​e, infine, raggiungere uno stadio avanzato.

 

Ecco quattro punti che un buon programma di allenamento dovrebbe includere. La motivazione, è senz'altro uno dei fattori che serve per poter seguire qualsiasi programma di allenamento.

 

1: Obiettivi Chiari e Specifici

Cominciamo con l primo punto. Un buon programma di allenamento affronta un chiaro e definito obiettivo. Se non si dispone di un obiettivo chiaro, quale potrà mai essere il punto di partenza? Poi, va trovato un programma che si adatta alle vostre esigenze specifiche. Forse vi è stato detto che per poter partecipare a qualche gara di bodybuilding, avrete bisogno di una schiena più ampia o di gambe più grandi. In questa situazione, dovrete seguire un programma che dà la priorità a queste aree con maggiore frequenza o volume di lavoro. Ma proprio perché l'obiettivo specifico è quello di sviluppare una zona in ritardo, il fisico nel suo complesso dovrebbe sempre essere contabilizzato. Forse volete fare una gara di powerlifting in contrapposizione ad un concorso fisico. In questo caso il programma dovrebbe certamente dare priorità a squat, panca e stacco per garantire che ci si sta allenando in questi esercizi cruciali. Anche se questo suona come una regola abbastanza ovvia, spesso sfugge a coloro che mistificano una routine di allenamento.

 

2: Il Bisogno Della Progressione

Certamente uno dei motivi del perché così tanti programmi falliscono è che in realtà non sono un programma – ma una routine che non è regolare a come il corpo si adatta. Se il vostro programma di allenamento ha le stesse serie, ripetizioni e la frequenza alla settimana 7 di quelle che avete fatto nella settimana 1, senza un piano per la progressione, allora si può certamente andare incontro ad uno stallo. Molti sono i progressi fatti nel campo della corretta periodizzazione, cosa che ogni buon programma dovrebbe contenere - per lo meno – una periodizzazione lineare. Programmi di allenamento più avanzati si prestano alla periodizzazione non lineare ma ondulata nel quotidiano. Da lì la progettazione del programma sarà specifica agli obiettivi di ipertrofia, forza o ad una combinazione a seconda dell'individuo. Quindi - se il programma non cambia, neppure il vostro fisico lo farà.

 

3: Un Allenamento Deve Essere Piacevole

Il piacere è un elemento spesso trascurato. Ciò non significa che ogni giorno dovrebbe essere un piacere, naturalmente. Ma la psiche dell'atleta è così preziosa che prendere questo fattore in considerazione quando si formula un programma di allenamento, questo consentirà risultati molto migliori. Ci deve essere sempre un senso di realizzazione e di eccitazione sugli obiettivi e risultati che seguiranno. I programmi che non prevedono obiettivi chiari e definiti alla fine portano allo stallo e lasciano un principiante annoiato e in condizioni di poter smettere dall'allenamento. A volte un programma di allenamento meno ideale può essere migliore se promuove più eccitazione. Non trascurate questo principio.

 

4: Pianificare Un Periodo Per Il Recupero

Il consiglio finale che vale per qualsiasi programma è il periodo essenziale previsto per il recupero. Martellare il corpo giorno dopo giorno e settimana dopo settimana avrà risultati positivi - in un primo momento. Ma ci sarà un momento in cui la linea della progressione scenderà e quella delle probabili lesioni salirà. Questo esaurimento fisico e mentale può avere effetti negativi se non c'è un periodo programmato che dia spazio al recupero. Un punto programmato per il recupero, dovrebbe offrire un periodo in cui l'intensità di allenamento viene temporaneamente ridotta. Questo periodo consentirà ai muscoli e ai tessuti molli di recuperare e fare in modo che si verifichino gli adeguamenti positivi dell'allenamento che è stato fatto. La mente beneficerà inoltre della riduzione dello stress. Anche l'anticipazione di una settimana di riposo, può migliorare la condizione fisica.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Metodo Pilates - I Principi Essenziali
26 Marzo 2018

Metodo Pilates - I Principi Essenziali

Il metodo Pilates non passerà forse mai di moda. Come disciplina è estremamente efficace sia a livello fisico che psicologico ed è un metodo di ginnastica molto produttivo, benché rafforza i muscoli responsabili della nostra postura, in generale addominali, i muscoli della schiena e pavimento pelvico, situati tra bacino, costole e colonna vertebrale.

Brain Walking: un nuovo sport per allenamento di corpo e mente
01 Ottobre 2014

Brain Walking: un nuovo sport per allenamento di corpo e mente

Camminare e meditare, fare un esercizio fisico completo ed allo stesso tempo ritrovarsi spiritualmente, è proprio vero che mente e corpo vanno in tandem ma mai come fare Brain Walking. Il famoso istruttore di nordic walking e orienteering Pino Dellasega ha unito il famoso sport scandinavo Nordic Walking con il brain storming, tecnica di creatività di gruppo utilizzata per far emergere nuove idee. Si tratta di una camminata lenta, dolce e ritmica dove è coinvolto tutto il corpo perchè utilizzando i bastoncini falcando a testa alta permette di distriubuire il carico del corpo anche sulle braccia coinvolgendo totalmente il fisico scaricando in parte il carico a ginocchia e caviglie. La lunghezza del passo è ritmata dall'oscillazione più o meno ampia delle braccia. Inutile dire che coinvolgendo in questo modo il 90% dei muscoli per un periodo più o meno lungo ne beneficia anche l'apparato cardio-vascolare e tutto il relativo sistema muscolo scheletrico

Ultimi post pubblicati

I Migliori Esercizi Per Cosce Grosse e Funzionali
19 Febbraio 2020

I Migliori Esercizi Per Cosce Grosse e Funzionali

I muscoli delle gambe sono tra i più voluminosi, affamati di ossigeno e forti che abbiamo nel corpo. Allenarli coinvolge rapidamente la respirazione e il metabolismo. L'allenamento funzionale impiega i movimenti tipici pionieristici: accosciate, piegamenti braccia, piegamenti gambe, salti e tutte le forme di trazione.

Super Allenamento Per i Pettorali
19 Febbraio 2020

Super Allenamento Per i Pettorali

Lo sbaglio che effettuano moltissimi praticanti in palestra, in merito all’allenamento dei pettorali, è quello di concentrarsi esclusivamente sulle distensioni su panca piana con bilanciere. Questo esercizio base è importante, in quanto permette di aumentare la forza di base, ma non è esaustivo per incrementare la massa muscolare dei pettorali.